Gemelli - Gemini, (Gem)

 



 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Lynx, Auriga, Taurus, Orion, Monoceros, Canis Minor, Cancer

Stelle principali :

  • α (alfa)Gem (Castor), distante 45 a.l., è una straordinaria stella multipla, con sei componenti. ed è la ventitreesima stella in apparenza più luminosa del cielo A occhio nudo è visibile come una stella bianco-azzurra di mag. 1.6. Un telescopio di 60 mm con un forte ingrandimento separa Castor in due componenti strette, di mag. 2.0 e 2.9, che orbitano l'una intorno all’altra con un periodo di 420 anni. La distanza tra queste due stelle sta aumentando, e sarà quindi sempre più facile separarle, fin verso l’anno 2065, quando cominceranno a riavvicinarsi. Entrambe queste stelle sono binarie spettroscopiche. Con un piccolo telescopio si può vedere anche una compagna larga di Castor, una nana rossa di mag. 9, che in realtà è una binaria a eclisse.
  • β (beta) Gem (Pollux), mag. 1.1, è la stella più brillante della costellazione, è la diciassettesima stella in apparenza più luminosa del cielo. Alcuni astronomi suppongono che Pollux, essendo chiamato β(beta) Geminorum, fosse originariamente più debole di Castor e che in seguito la sua luminosità sia aumentata (o quella di Castor sia diminuita); ma la realtà è che Johann Bayer, che etichettò le stelle con le lettere greche nel 1603, non era in grado di distinguere con precisione quale stella fosse la più brillante. Pollux è una gigante arancione distante 85 a.l.
  • γ (gamma) Gem, mag. 1.9, è una stella bianco-azzurra distante 85 a.l.
  • δ( delta) Gem, distante 59 a.l., è una stella bianco-crema di mag. 3.5, che ha per compagna una nana arancione di mag. 8.1. Il contrasto di luminosità rende difficile separare le due stelle con aperture inferiori ai 75 mm.
  • ε (epsilon) Gem, mag. 3.0. una supergigante gialla distante 680 a.l. Con un potente binocolo o un piccolo telescopio, si può vedere una compagna larga di mag. 9.
  • ζ (zeta) Gem, distante 1500 a.l., è contemporaneamente una stella variabile e una doppia ottica. La stella principale, una supergigante gialla, è una variabile cefeide che fluttua tra mag. 4.4 e 5.2 con un periodo di circa 230 giorni. Il suo periodo sembra diminuire di 3-4 secondi all’anno.
  • η (eta) Gem, distante 190 a.l., è un’altra doppia variabile. È una gigante rossa e fluttua con un andamento semiregolare fra le magnitudini 3.1 e 3.9 ogni 230 giorni circa. Ha anche una compagna stretta di mag. 8, che può essere separata dalla stella principale soltanto con un grande telescopio.
  • κ (kappa) Gem, distante 150 a.l., è una gigante gialla di mag. 3.6 con una compagna di mag. 9.5 difficile da vedere con un piccolo telescopio a causa dell’estrema differenza di luminosità.
  • ν (nu) Gem, mag. 4.2, è una stella bianco-azzurra distante 360 a.l., con una compagna larga di mag. 9 visibile con un binocolo o un piccolo telescopio.
  • 38 Gem, distante 85 a.l., è una stella doppia, visibile con un piccolo telescopio, con componenti bianca e gialla di mag. 4.7 e 7.6.

Oggetti notevoli:

  • M 35 (NGC 2168) distante 2600 a.l., è un ammasso stellare grande e brillante, visibile a occhio nudo o con un binocolo, che copre un’area di cielo maggiore di quella della Luna. È formato da circa 120 stelle. Anche con un piccolo telescopio e un modesto ingrandimento si può vedere che le stelle di questo ammasso sono disposte in catene ricurve. Apparentemente vicino ad esso, ma in realtà a circa 14,000 a.l. di distanza, si trova NGC 2158, un ammasso stellare molto ricco, che appare come una piccola, debole macchia di luce, per distinguere la quale è necessaria un’apertura di almeno 100 mm.
  • NGC 2392 distante 1400 a.l., è una nebulosa planetaria di ottava magnitudine, chiamata Eschimese per la forma con cui appare nei grandi telescopi. La sua stella centrale è di decima

Note: Prominente costellazione zodiacale dalla forma rettangolare. Usualmente le lettere greche assegnate alle stelle sono legate alla loro luminosità con la alpha che indica la più brillante, la β(beta) la seconda più brillante e così via. Castore rappresenta una eccezione : benché designata con la alpha risulta meno luminosa di Polluce, ovvero la β(beta) dei Gemelli. Ad occhio nudo tuttavia appaiono praticamente identiche, a parte una certa differenza nel colore, da cui l'errore.

Mitologia: Questa costellazione rappresenta Polluce e Castore, gemelli nati da Giove e Leda, una donna mortale; solo Polluce godeva tuttavia dell'immortalità come il suo padre divino. Entrambi si unirono agli Argonauti guidati da Giasone alla ricerca del Vello d'Oro. Durante il viaggio si scatenò un tremendo uragano che rischiava di affondare la nave quando improvvisamente apparve una luce sopra le teste dei due gemelli (il fuoco di Sant'Elmo); all'istante la tempesta si placò. Ai gemelli venne attribuito il merito di aver salvato la nave e la loro figura dipinta sulle navi venne considerata di buon auspicio dai marinai. Successivamente Castore venne ucciso in battaglia e Polluce, distrutto dal dolore, chiese a Giove di poter rinunciare alla sua immortalità per raggiungere il fratello nell'Ade. Commosso da tanta devozione, Giove pose i gemelli nel cielo. I gemelli sono dall'antichità patroni dei navigatori




back-button

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'CHIUDI', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o qualsiasi altro tipo di interazione col sito, di fatto acconsenti all'utilizzo dei cookie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information