Acquario - Aquarius (Aqr)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Pisces, Pegasus, Equuleus, Delphinus, Aquila, Capricornus, Piscis Austrinus, Sculptor, Cetus

Stelle principali :

  • α (alfa) Aquarii (Sadalrmelik), mag. 3.0, ha praticamente lo stesso spettro del Sole, è una supergigante gialla distante 950 a.l.
  • β (beta) Aqr (Sadalsuud), mag. 2.9 è la più brillante della costellazione, e presenta anch'essa uno spettro simile a quello del Sole (è solo un po' più calda), è 2000 volte più brillante della nostra Stella. è una supergigante gialla distante 980 a.l.
  • γ (gamma) Aqr (Sadachbia), mag. 3.8, è una stella bianca distante 91 a.l.
  • δ (delta) Aqr, (Skat) mag. 3.3, è una gigante bianca lontana 98 a.l.
  • υ (upsilon) Aqr (Albali), mag. 3.8, è una stella bianca distante 110 a.l.
  • ζ (zeta) Aqr, distante 76 a.l., è una famosa binaria costituita da due stelle bianche di magnitudine 4.5 e 4.3 orbitanti l’una intorno all’altra con un periodo di 856 anni fu studiata per la prima volta da W. Herschel nel 1779 e che da allora stata costantemente seguita.. Attualmente le due stelle si trovano alla loro distanza minima, vista dalla Terra, e per la loro risoluzione è necessaria un’apertura di almeno 75 mm con un forte ingrandimento. La separazione è attualmente inferiore a 2 secondi d'arco e può essere quindi usata sia per sondare la bontà delle ottiche dei piccoli strumenti amatoriali, sia quella del seeing, ossia il grado di turbolenza atmosferica. Non dimentichiamo, infatti, che 1 secondo d'arco è un valore piccolissimo misurato sulla volta celeste: corrisponde più o meno all'angolo sotteso da una moneta da 1 euro vista alla distanza di quasi 5 chilometri! Riuscire quindi a sdoppiare la ζ(zeta) Aquarii in condizioni di cielo medie è poi così facile come potrebbe sembrare.
  • Le stelle γ, ζ, ε e π Aquarii formano un asterismo chiamato Urna, che rappresenta la brocca piena d'acqua dell'Acquario.


Oggetti notevoli:

  • M 73 un ammasso aperto.
  • M 2 (NGC 7089) è un ammasso globulare facilmente visibile con un binocolo o un piccolo telescopio, ma richiede un’apertura di 250 mm per essere risolto nelle singole stelle. M 2 è un ammasso globulare ricco e altamente concentrato, distante 50,000 a.l.
  • M 72 (NGC 6981) vicino ε(epsilon) e Nu Aquarii, è un ammasso globulare distante 60,000 a.l., molto più piccolo e meno brillante di M 2. È troppo debole per poterlo vedere con un binocolo.
  • NGC 7009, distante 1450 a.l., è una famosa nebulosa planetaria nota come Nebulosa Saturno per la sua somiglianza con questo pianeta, se osservata con un grande telescopio. Nella maggior parte dei telescopi per dilettanti, con apertura di almeno 75 mm, appare come una ellisse verde-azzurra di 8° magnitudine. La sua stella centrale è di 12° magnitudine.
  • NGC 7293 la Helix Nebula, distante 690 a.l., è la nebulosa planetaria più vicina al Sole ed è comunemente nota col nome di Nebulosa a elica. È la nebulosa planetaria con la massima grandezza apparente, coprendo 0.25° di cielo, metà della grandezza apparente della Luna. Nonostante le sue dimensioni, la Nebulosa a elica è molto debole e la si può vedere meglio con un binocolo o un telescopio a basso ingrandimento; in tal caso, appare come una macchia nebbiosa circolare, non molto impressionante come sembrerebbero suggerire le sue dimensioni.
  • NGC 7727 galassia a spirale visibile con piccoli strumento


Note: Costellazione zodiacale con stelle non particolarmente brillanti le sue stelle più luminose sono appena di terza grandezza, posta tra il più luminoso Capricorno e la più debole Balena. Sicuramente una delle costellazioni più note e antiche, venne disegnata dagli antichi Babilonesi, era chiamata dai greci Hydrochos e dai romani Aquarius, parole che hanno lo stesso significato, perché in questa plaga si vide un uomo che versava acqua verso la bocca del sottostante Pesce Australe. che videro in questa costellazione una figura di un uomo che reggeva un'anfora. Il Sole entra nella costellazione dell'acquario durante la metà di febbraio fino alla prima metà di marzo, in questo periodo sono comuni i diluvi e comunque è un periodo sicuramente molto piovoso, forse anche per questo si è cercato un associazione con una costellazione che avesse a che fare con l'acqua. È facile individuarla perché osservando grosso modo a meta strada tra l'orizzonte e lo zenit salta subito aghi occhi il caratteristico asterismo formato da 4 stelle all'incirca della stessa luminosità poste a triangolo con una stella nel mezzo; a molti richiama alla mente lo stemma di una Mercedes. Questo quartetto è situato presso il bordo settentrionale della costellazione che da lì si estende per parecchi gradi nelle tre altre direzioni del cielo.

Mitologia: Stanco dei misfatti commessi dagli uomini, Zeus decise di punire l'umanità con un diluvio; a tal fine diede vita ad Acquario, gigante muscoloso al quale venne consegnata un' enorme urna piena d'acqua da rovesciare sulla Terra.


Altare - Ara (Ara)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Corona Australis, Scorpius, Norma, Triangulum Australe, Apus , Pavo, Telescopium


Stelle principali :

  • α (alfa) Arae, mag. 3.0, è una stella bianco-azzurra distante 220 a.l.
  • β (beta) Ara, mag. 2.9, è una supergigante gialla distante 780 a.l.
  • γ (gamma) Ara, mag. 3.3, è una gigante bianco-azzurra distante 1100 a.l.
  • δ (delta) Ara, mag. 3.6, è una stella bianco-azzurra distante 150 a.l.
  • ζ (zeta) Ara, mag. 3.1, è una gigante arancione distante 140 a.l.


Oggetti notevoli:

  • NGC 6193 è un ammasso brillante di circa 30 stelle, distante 2300 a.l., la cui stella più brillante ha una magnitudine di 5.6. All’ammasso è associata una nebulosa irregolare, NGC 6188.
  • NGC 6937 è un ammasso globulare grande e brillante, visibile con un binocolo o un piccolo telescopio. Distante 7500 a.l., è uno degli ammassi globulari più vicini a noi.

Note: La costellazione dell'altare, seppure relativamente debole e poco nota, risale all'antichità greco-romana, quando venne visualizzata come l'altare sul quale il Centauro si accinge a sacrificare il Lupo. Un'altra leggenda vedeva in essa l'altare degli dei. Ara si trova in una parte della Via Lattea ricca di oggetti celesti, a sud dello Scorpione.

Mitologia: Secondo la leggenda greca, questa costellazione rappresentava l'altare attorno al quale gli Dei giurarono la loro fratellanza nella lotta contro i Titani.


Andromeda - Andromeda (And)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Perseus, Cassiopeia, Lacerta, Pegasus , Pisces , Triangulum

Stelle principali :

  • α (alfa) Andromedae (Sirrah o Alpheratz), mag. 2.1, è una stella bianco-azzurra distante 105 a.l.
  • β (beta) And (Mirach), mag. 2.1, una gigante rossa distante 88 a.l.
  • γ (gamma) And (Alaniak o Almach), distante 160 a.l., è una notevole stella tripla. Le due componenti più brillanti, di magnitudine 2.2 e 5.0, formano una delle più belle coppie visibili con un piccolo telescopio; il loro colore è giallo e azzurro. La stella più debole, quella azzurra, ha anch’essa una compagna, una stella azzurra di 6° magnitudine, la cui risoluzione richiede aperture di almeno 220 mm.
  • δ (delta) And, mag. 3.3, è una gigante arancione distante 160 a.l.
  • μ (mu) And, mag. 3.9, è una stella bianca distante 82 a.l.
  • π (pi) And, distante 390 a.l., è una stella bianco-azzurra di magnitudine 4.4 con una compagna di magnitudine 8.7 visibile anche con un piccolo telescopio.
  • 56 And è una coppia di giganti gialle di 6° magnitudine, distante 240 a.l. Le due stelle, che si trovano vicine all’ammasso stellare NGC 752, sono distintamente visibili anche con un binocolο.

Oggetti notevoli:

  • α (alfa) And, nota anche come Alpheratz, stella di seconda magnitudine, collocata al vertice della V; è in condivisione con la costellazione di Pegaso e individua un angolo del suo carro.
  • M31 (NGC 224) la Galassia di Andromeda, è una galassia spirale distante 2.2 milioni di a.l. ed appartiene al nostro Gruppo locale di Galassie. É visibile a occhio nudo come una vaga macchia ovale, o meglio con un binocolo o un telescopio a piccolo ingrandimento (un ingrandimento troppo forte riduce il contrasto e rende meno visibili le parti meno brillanti della galassia). Nei bracci della spirale che circondano il nucleo si possono vedere delle strisce oscure. Ma l’intera estensione della galassia diventa visibile solo nelle fotografie a lunga esposizione; gli osservatori visuali vedono soltanto la parte centrale, più brillante, della galassia. Se l’intera galassia di Andromeda fosse tanto brillante da poter essere vista a occhio nudo, essa apparirebbe cinque o sei volte il diametro della Luna. M 31 è accompagnata da due piccole galassie satelliti, l’equivalente delle nostre Nubi di Magellano. La più brillante di queste,
  • M 32 (NGC 221) è visibile con un piccolo telescopio come una vaga luminosità a 0,5° a sud del nucleo di M 31, diversi indizi sembrano provare l'esistenza di un buco nero nel suo centro. La seconda compagna,
  • NGC 205 è più grande ma meno brillante, e si trova a oltre 1° a NW di M 31.
  • NGC 752 è un ammasso diffuso di oltre 100 stelle, distante 3400 a.l. Lo si può vedere meglio con un telescopio.
  • NGC 7662 distante 1800 a.l., è una delle nebulose planetarie più brillanti e più facili da vedere con un piccolo telescopio. A un basso ingrandimento, esso appare come una vaga stella blu-verde di 9° magnitudine, ma a un ingrandimento di x 100 circa rivela il suo disco leggermente ellittico. Aperture maggiori mostrano un buco nel centro; la stella centrale è un oggetto difficile per i telescopi da dilettanti.

Note: La costellazione è composta da due linee di stelle che disegnano una V. Il suo vertice è individuato dalla stella Alpha Andromedae, la stella della costellazione che ci appare più luminosa. Nonostante la costellazione di Andromeda sia molto nota non si può dire che sia fra le più appariscenti, infatti la stella più luminosa di questa costellazione arriva appena alla 2° magnitudine. Il particolare visivo di questa costellazione è la linea di quattro stelle che arriva fino al quadrato di Pegaso. Sicuramente il corpo celeste più bello da osservare è la Galassia di Andromeda, M31, la splendida galassia a spirale molto simile alla nostra galassia, per quanto essa sia distante è visibile anche ad occhio nudo

Mitologia: Andromeda era la figlia della regina Cassiopea e del re Cefeo. Un giorno Era, la dea moglie di Zeus, offesa dalla vanità di Cassiopea, diede ordine di incatenare Andromeda ad uno scoglio affinché venisse divorata dal mostro marino Ceto ( Balena ) Ma in suo soccorso arrivò Perseo che uccise, a colpi di spada, il mostro marino.


Aquila - Aquila (Aql)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Sagitta, Hercules, Ophiuchus, Serpens, Scutum, Sagittarius, Capricornus, Acquarius, Delphinus


Stelle principali :

  • α (alfa) Aql (Altair, "aquila volante"), mag. 0.77, è una stella bianca distante 16,1 a.l., una delle stelle più vicine al Sole. Ma la cosa più sorprendente è che, osservata con opportune protezioni per gli occhi, non apparirebbe tonda come il Sole, ma molto schiacciata ai poli. Come possiamo saperlo? Lo si può dedurre dall'analisi quantitativa delle righe spettrali, le quali, in base all'allargamento che mostrano, denunciano un periodo di rotazione della stella formidabile: circa 6 ore e mezza contro gli oltre 25 giorni del Sole. Ciò vuol dire che, tenuto conto del diametro di Altair (quasi 2 milioni di chilometri) un punto situato sul suo equatore si muove all'incredibile velocità di 260 km/s, superiore alla velocità del Sistema Solare attorno al centro galattico! È un dato eloquente che ci fa capire come questa stella non possa. avere un corteggio di pianeti che le orbitano attorno simile a quello a noi familiare e che comunque deve aver luogo una continua dispersione di materiale dalla zona equatoriale dove maggiore è la forza centrifuga e, di conseguenza, minore la velocità di fuga dalla superficie.
  • β (beta) Aql (Alshain), mag. 3.7, è una stella gialla distante 42 a.l.
  • γ (gamma) Aql (Tarazed), mag. 2.7, una gigante gialla distante 280 a.l.
  • δ (delta) Aql, mag. 3.4, è una stella bianca distante 52 a.l.
  • η (eta) Aql, distante 1400 a.l., è una delle variabili cefeidi più brillanti. La magnitudine varia da 4.1 a 5.3 con un periodo di 7,2 giorni.
  • ζ (Zeta) Aql (Deneb) doppia magn.3,4
  • λ (lambda) Aql azzurra magn.3,4
  • θ (theta) Aql binaria sp. azzurra magn.3,2
  • 15 Aql, distante 390 a.l., è una gigante gialla di magnitudine 5.4, con una compagna purpurea di magnitudine 7.2 facilmente visibile con un piccolo telescopio.
  • 57 AqI, distante 590 a.l., è una doppia facilmente risolubile con un piccolo telescopio, formata da una stella azzurrina di magnitudine 5.7 con una compagna di magnitudine 6.5.

Oggetti notevoli:

  • α (alfa) Aql, Altair, stella più brillante della costellazione (prima magnitudine) e dodicesima stella più brillante del cielo (la sua luminosità è nove volte quella del Sole), dista da noi solo 17 anni luce. Con la stella Vega della costellazione Lyra e la stella Deneb del Cigno, Altair forma un triangolo abbastanza evidente chiamato il Triangolo Estivo.
  • η (eta) Aql, è una stella variabile Cefeide, ovvero una stella la cui luminosità varia periodicamente di circa una magnitudine in sette giorni.
  • NGC 6709 distante circa 2500 a.l., è un ammasso aperto di forma irregolare comprendente circa 40 stelle di 9°-11° magnitudine.


Note: Le stelle sembrano descrivere due trapezi uniti lungo una base. Costellazione tipicamente estiva che occupa una posizione a ridosso della Via Lattea, proprio in corrispondenza dell'equatore celeste che la taglia in due. E' ben osservabile da entrambi gli emisferi, durante i mesi compresi fra giugno e novembre; nell'emisfero nord è una delle figure caratteristiche del cielo estivo.

Mitologia: Secondo la mitologia romana, Giove mandò l'aquila sulla terra in cerca di un nuovo coppiere che trasportasse il nettare degli dei. L'aquila incontrò il bel Ganimede, figlio del re di Troia, intento a badare al gregge reale, lo afferrò e lo portò sull'Olimpo dove divenne un favorito degli dei.


Ariete - Aries (Ari)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Perseus, Triangulum, Pisces, Cetus, Taurus


Stelle principali :

  • α (alfa) Arietis (Hamal), mag. 2.0, è una gigante gialla distante 85 a.l.
  • β (beta) Ari (Sheratan), mag. 2.6, è una stella bianca distante 46 a.l.
  • γ (gamma) Ari (Mesarthim) è una notevole stella doppia con componenti di magnitudine 4.6, chiaramente visibili mediante un piccolo telescopio, anche con un modesto ingrandimento. Le due stelle distano da noi 160 a.l.
  • ε (epsilon) Ari, distante 410 a.l., è una stella doppia la cui risoluzione richiede un’apertura di almeno 100 mm. Un forte ingrandimento rivela una coppia stretta di due stelle bianche di magnitudine 5.3 e 5.6.
  • λ (lambda) Ari, distante 140 a.l., è una stella bianca di magnitudine 4.8 con una compagna gialla di 7° magnitudine, facilmente visibile con un piccolo telescopio o perfino con un buon binocolo.
  • π (pi) Ari, distante 620 a.l., è una stella bianco-azzurra di magnitudine 5.2. con una compagna stretta di magnitudine 8.3, difficile da distinguere con un piccolo telescopio.


Oggetti notevoli :

  • γ (gamma) Ari (Mesarthim), è in realtà una stella doppia.

Note: L'Ariete è la prima costellazione dello, è sicuramente una delle più antiche e note. E' situata fra la costellazione del Toro e Andromeda, dagli Arabi questa costellazione era chiamata pecora e dai cinesi cane. Nonostante la sua notorietà l'Ariete non è fra le costellazioni più luminose, ma fu molto importante 2000 anni fa quando ospitò l'equinozio di primavera. Ora l'equinozio si è spostato nei Pesci, ma per motivi storici l'equinozio viene chiamato "primo punto di Ariete". La costellazione diventa visibile nel cielo serale alla fine dell'estate boreale, settembre, e resta visibile per tutto l'autunno e l'inverno, fino al mese di marzo; dall'emisfero australe invece la sua visibilità è più limitata, anche a causa dell'incremento delle ore di luce nei mesi compresi fra ottobre e dicembre, ossia in quei mesi di massima visibilità nel cielo serale.

Mito : Ariete Per salvare Elle e Frisso, i giovani figli del re Atamo di Boezia, Hermes inviò un ariete dotato di ali e dal pelo dorato. La leggenda vuole infatti che la loro matrigna, Ino, li odiasse a tal punto da convincere i sudditi a sacrificarli agli dei in cambio di fertilità: l'ariete arrivò giusto in tempo per recuperarli prima che fosse troppo tardi. Ma volando sopra il Mar Nero, Elle perse la presa e cadde in mare; in suo ricordo quel tratto di mare venne da allora chiamato Ellesponto. Solo Frisso riuscì a salvarsi; giunto sulla terra ferma sacrificò l'ariete in onore di Giove legò il suo vello ad una quercia dove sarebbe stato recuperato da Giasone ei suoi Argonauti.


Auriga - Auriga (Aur)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Camelopardalis, Perseus, Taurus, Gemini, Lynx


Stelle principali :

  • α (alfa) Aur (Capella, la capretta), mag. 0.08, distante 42 a.l. In realtà una binaria spettroscopica, costituita da due stelle gialle che orbitano l’una intorno all’altra con un periodo di 104 giorni, senza però eclissarsi.
  • β (beta) Aur (Menkalinan), distante 72 a.l., è una variabile a eclisse bianco-azzurra con magnitudine approssimata di 2.0, che varia di circa 1/1O di magnitudine con un periodo di 3.96 giorni.
  • δ (delta) Aur binaria rossa magn.3,7
  • ε (epsilon) Aur(Al Anz), una supergigante bianca distante circa 2000 a.l., è una binaria a eclisse con un periodo eccezionalmente lungo. Normalmente è di 3° magnitudine, ma ogni 27 anni scende a mag. 3.8, essendo eclissata da una compagna invisibile, e rimane eclissata per un anno. Secondo una teoria, la compagna di e υ(ipsilon) Aurigae è una stella giovane circondata da un disco di materia. L’ultima eclisse si è verificata nel 1983, è la stella più in alto nel triangolo che individua "the kids",la stella visibile orbita attorno ad una compagna il cui raggio risulta essere 2000 volte quello del Sole, ovvero quasi un miliardo e mezzo di Km., la più grande stella che si conosca.
  • η (eta) Aur Hoedus 2 azzurra magn.3,1
  • ι (iota) Aur Hassaleh rossa magn.2,7
  • ζ (zeta) Aur, distante 520 a.l., è una stupenda binaria a eclisse, costituita da una gigante arancione intorno a cui orbita una piccola stella azzurra, con un periodo di 972 giorni. Durante le eclissi, la magnitudine di δ(zeta) Aurigae passa da mag. 5.0 a 5.7.
  • θ (theta) Aur, distante 120 a.l., è una stella bianco-azzurra di mag. 2.6. Ha per compagna una bianca di mag. 7.5 che, a causa della sua vicinanza e debole luminosità, può essere separata solo con un’apertura di almeno 100 mm e un forte ingrandimento.
  • ω (omega) Aur, distante 225 a.l., è una stella doppia di mag. 4.9 e 8.0, visibile con un piccolo telescopio.
  • 14 Aur, distante 105 a.l., è una doppia di mag. 5.0 e 8.1, risolubile con un piccolo telescopio.
  • UU Aur è una variabile rosso cupo distante più di 3000 a.l. Varia in modo quasi regolare tra la 5° e la 7° magnitudine con un periodo medio di 235 giorni.

Oggetti notevoli:

  • M36, M37, M38 sono tre ammassi aperti composti per lo più da stelle blu, ovvero stelle relativamente giovani.
  • M 36 (NGC 1960) distante 3800 a.l., è un piccolo ammasso di circa 60 stelle, visibile con un binocolo e risolubile nelle singole stelle con un piccolo telescopio.
  • M 37 (NGC 2099) è il più ricco degli ammassi in Auriga, contenendo circa 150 stelle di cui una dozzina sono giganti rosse , cioè stelle più anziane delle altre, da cui si deduce che dei tre ammassi sia anche il più vecchio.. Osservato con un binocolo, appare come una vaga macchia non risolta, ma un telescopio di 100 mm lo risolve in uno scintillante campo di "polvere di stelle", mettendo in evidenza una stella arancione più brillante situata al centro.
  • M 38 (NGC 1912) distante 3600 a.l., è un grande ammasso aperto di circa 100 stelle di debole luminosità, visibile con un binocolo; osservandolo con un telescopio, si può notare la sua forma a croce. Vicino ad esso si trova la debole macchia di NGC 1907, un ammasso molto più piccolo e meno luminoso.
  • NGC 2281 distante 5400 a.l., è un ammasso di circa 30 stelle, visibile con un binocolo. Osservandolo con un telescopio, si può vedere che le stelle sono disposte a mezzaluna e che quattro stelle più brillanti formano una losanga.

Note: Riconoscibile dal pentagono formato dall'unione delle sue stelle che appaiono più luminose includendo anche la stella β(beta) del Toro, era nota sin dai tempi dei babilonesi. La costellazione dell'Auriga è caratteristica dei mesi dell'inverno boreale, da novembre ad aprile; è facile da individuare, grazie alla sua forma a pentagono, con l'angolo nord-occidentale formato dalla brillante stella Capella, la sesta stella più brillante del cielo, di colore giallo. La parte centrale della costellazione è invece attraversata da un ricco campo della Via Lattea ed abbonda di stelle deboli di fondo. La parte più settentrionale si presenta quasi circumpolare alle latitudini medie boreali, mentre resta sempre molto bassa nella fascia temperata australe.

Mitologia: Questa costellazione onora Erictonio, re di Atene. Nato zoppo il re inventò il carro per potersi spostare: Giove rimase così colpito da questa invenzione che decise di onorarli ponendoli in cielo. Spesso però questa costellazione viene disegnata come un uomo che tiene in braccio due piccole caprette, "the kids" in figura, ed una terza capra sulla spalla.Auriga, una delle più antiche costellazioni ancora in uso, risulta così essere un miscuglio di due personaggi e due mitologie.


Balena - Cetus (Cet)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Aries, Pisces, Acquarius, Sculptor, Fornax, Eridanus, Taurus

Stelle principali :

  • α (alfa) Cet (Menkar, "naso"), mag. 2.5, è una gigante rossa distante 130 a.l.
  • β (beta) Cet (coda, Diphda) mag. 2.0, la stella più brillante della costellazione, è una gigante gialla distante 68 a.l.
  • γ (gamma) Cet (Kaffaljidhmah), distante 75 a.l., è una doppia stretta, per separare la quale sono necessari un'apertura di almeno 60 mm e un alto potere risolvente. Le stelle sono di mag. 3.7 e 6.4, i colori giallo e azzurrino.
  • ε (eta) Cet (Dheneb)giallo arancio magn.3,5
  • ζ (zeta) Cet (Baten Kaitos) binaria giallo arancio magn.3,7
  • ι (iota) Cet (Deneb Kaitos) binaria rossa arancio magn.3,7
  • ο (omicron) Cet (Mira, "la meravigliosa"), distante 820 a.l., è il prototipo di una famosa classe di giganti rosse variabili.
  • τ (tau) Cet mag. 3.5, è una nana gialla, una delle più vicine al Sole, essendo distante 11.7 a.l. Il principale motivo per cui è famosa è che, fra tutte le singole stelle vicine, è quella più simile al Sole. Alcuni astronomi ritengono che potrebbe avere dei pianeti, anche se non c'è finora alcuna prova della loro esistenza.


Oggetti notevoli:

  • ο (omicron) Ceti, notevole stella dalla luminosità variabile, estremamente splendente in certi periodi mentre in altri risulta invisibile ad occhio nudo. La sua variabilità fu notata nel 1596 dall'astronomo dilettante David Fabricius, che le diede il nome di Mira, ovvero la "meravigliosa"
  • M 77 (NGC 1068) è una piccola galassia spirale , che si trova vicino a δ(delta) Ceti. Per vedere bene questa galassia, che si presenta di faccia, è necessaria un'apertura di almeno 150 mm. Essa dista all'incirca 50 milioni di a.l., ed è forse il più remoto degli oggetti elencati da Messier.

Note: Estesa costellazione posta al di sotto dell'Ariete e dei Pesci ma ben poco luminosa, contiene stelle molto interessanti come ν(omicron) e Τ(tau). Il periodo più propizio per la sua osservazione nel cielo serale è compreso nei mesi fra settembre e gennaio; gli osservatori dell'emisfero sud sono leggermente più avvantaggiati, grazie alla declinazione australe di buona parte della costellazione. Dall'emisfero nord è visibile completamente a partire dai 65°N, ossia poco a sud del circolo polare artico. L'asteroide 4 Vesta fu scoperto in questa costellazione nel 1827.

Mitologia: Questa costellazione rappresentava inizialmente il terribile mostro marino Ceto, inviato da Poseidone per divorare la principessa Andromeda ed ucciso da Perseo. Successivamente venne identificata con la balena, vero e proprio gigante del mare.


Bilancia - Libra (Lib)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Serpens Caput, Virgo, Hydra, Lupus, Scorpius, Ophiuchus

Stelle principali :

  • α (alfa) Lib (Zubenelgenubi, chela meridionale), distante 72 a.l., è una doppia larga, formata da una stella bianco-azzurra di mag. 2.8 e da una compagna bianca di mag. 5.2, visibile con un binocolo.
  • β (beta) Lib (Zubeneschamali, chela settentrionale), mag. 2.6, è famosa per essere una delle poche stelle brillanti di colore nettamente verde. È distante 120 a.l.
  • γ (gamma) Lib (Zubenelakrab, chela dello scorpione), mag. 3.9, è una gigante gialla distante 75 a.l.
  • δ (delta) Lib, distante 240 a.l., è una variabile a eclisse del tipo Algol. Varia tra mag. 4.8 e 5.9 con un periodo di 2 giorni e 8 h.
  • ι (iota) Lib è una stella multipla distante 300 a.l. La sua componente principale bianco-azzurra di mag. 4.5, ha una compagna larga di mag.10, difficile da vedere con un piccolo telescopio per la forte differenza di luminosità. Con un forte ingrandimento e un’apertura di almeno 75 mm, si può vedere che questa compagna più debole è in realtà una coppia di stelle di mag.10; magnitudine. Con un binocolo si può vedere nei pressi una stella di mag. 6 chiamata 25 Librae, che forse fa anch’essa parte del sistema.
  • μ (mu) Lib, distante 300 a.l., è una doppia stretta, con componenti di mag. 5.8 e 6.7, separabili con un telescopio di almeno 75 mm.
  • σ (Sigma) Lib (Brachium) rossa magn.3,3
  • 48 Lib, mag. 4.9, è una stella con inviluppo esteso simile a γ(gamma) Cassiopeiae e a Pleione nel Toro. È una gigante blu con una velocità di rotazione anormalmente alta, che le fa emettere un anello di gas dal suo equatore.

Oggetti notevoli:

  • NGC 5897 è un debole ammasso globulare, grande ma disperso, distante 45,000 a.l., poco spettacolare se visto con un piccolo telescopio.

Note: La Bilancia è una debole costellazione zodiacale che si estende in una regione poco fitta di stelle in vicinanza dello Scorpione. Questa figura è spesso associata con la Giustizia e la Legge ed è l'unica costellazione dello zodiaco a rappresentare un oggetto inanimato. Famosa ma piccola costellazione zodiacale, anticamente veniva chiamata dagli antichi Greci "chele dello scorpione", considerandole parte integrante del vicino scorpius, ma i romani decisero di separarle già dai tempi di Giulio Cesare. Da quei tempi ad oggi la bilancia è considerata il simbolo della giustizia. Il periodo più adatto per la sua osservazione è compreso fra i mesi di aprile e luglio, dall'emisfero boreale, e per qualche mese in più da quello australe; gli osservatori dell'emisfero nord sono svantaggiati anche perché la sua sparizione nel cielo serale è favorita dal progressivo aumento delle ore di luce in primavera.

Mitologia: Nel passato queste stelle rappresentavano le tenaglie dello Scorpione. Durante il regno di Giulio Cesare, vennero però "staccate" per creare la figura di Cesare che tiene una bilancia a simbolizzarne la giustizia; solo la Bilancia è sopravvissuta sino ai nostri giorni.


Bifolco - Bootes (Boo)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Canes Venatici, Coma Berenices, Corona Borealis, Draco, Hercules, Serpens, Virgo, UrsaMajor

Stelle principali :

  • α (alfa) Bootis (Arcturus, Arturo), mag. 0.04), è la quarta stella del cielo in ordine di magnitudine. È una gigante rossa, 24 volte il diametro del Sole, distante 36 a.l.; il suo colore rosso-arancio, visibile anche a occhio nudo, appare più evidente con uno strumento ottico. Arturo ha una massa simile a quella del Sole, e si ritiene che, tra 5000 milioni di anni, il nostro Sole si gonfierà fino o diventare una gigante rossa come Arturo.
  • β (beta) Boo (Nekkar), mag. 3.5, è una gigante gialla distante 140 a.l.
  • γ (gamma) Boo (Haris o Seginus), mag. 3.0, è una stella bianca distante 105 a.l.
  • δ (delta) Boo, mag. 3.5, è una gigante gialla distante 140 a.l. Ha una compagna larga di mag. 7.5, visibile con un binocolo.
  • ε (epsilon) Boo (Izar/Pulcherrima), distante 150 a.l., è una famosa stella doppia: una principale gigante arancione di mag. 2.7 con una compagna azzurra di mag. 5.1. Questa doppia stretta dai colori contrastanti può essere risolta solo con un telescopio di almeno 75 mm a un ingrandimento di almeno x 100, perché lo splendore della principale tende a oscurare la compagna meno luminosa; ma il suo aspetto, una volta risolta, ha portato a darle il nome alternativo di Pulcherrima, "la bellissima".
  • ι (iota) Boo, distante 91 a.l., è una doppia larga di mag. 4.8 e 8.3.
  • η (eta) Boo (Muphrid) gialla magn.2,6
  • κ( kappa) Boo, distante 125 a.l., è una stella doppia con componenti di mag. 4.6 e 6.6, facilmente distinguibili con un piccolo telescopio.
  • μ (mu) Boo (Alkalurops), distante 59 a.l., è una bellissima stella tripla. A occhio nudo appare come una stella bianco-azzurra di mag. 4, ma un binocolo ne rivela una compagna larga. Un telescopio di 75 mm con forte ingrandimento mostra che la compagna è una doppia stretta, con due componenti di mag.7 e che orbitano l’una intorno all’altra con un periodo di 260 anni.
  • ν (nu) Boo è una binaria ottica formata da una stella bianca di mag. 5.0, distante 170 a.l., e da una gigante arancione, anch’essa di mag. 5, ma distante 330 a.l.
  • π (pi) Boo, distante 360 a.l., è una stella doppia con componenti bianco-azzurre di mag. 4.9 e 5.9, visibili con un piccolo telescopio.
  • 17/3/2008 Bootes, distante 22 a.l., è una doppia formata da una stella gialla e una arancione, di mag. 4.8 e 6.9, che orbitano l’una intorno all’altra con un periodo di 150 anni. E’ un ottimo oggetto d’osservazione per un piccolo telescopio.

Oggetti notevoli:

  • α (alfa) Bootes (Arcturus, Arturo), marca la base dell'aquilone; è la quarta stella in apparenza più luminosa del cielo, ha un diametro 25 volte quello del Sole e dista 37 anni luce. Bootes si trova in una regione lontana dalla Via Lattea e poco popolata di stelle e quindi non presenta ammassi stellari o nebulose ma è nota tra gli astronomi in quanto contiene un distante ammasso di galassie.
  • NGC 5466 un ammasso globulare abbastanza appariscente.


Note: Larga e prominente costellazione a forma di aquilone, confinante con un evidente semicerchio di stelle che formano la Corona Boreale. Questa antica costellazione rappresenta un mandriano che guida l'orsa (maggiore), e spesso viene raffigurato con in mano il guinzaglio con i cani (canes venatici). Ne fa parte una stella molto famosa, Arturo che significa in greco "guardiano dell'orsa" ed è anche la stella più luminosa dell'emisfero boreale.

Mitologia: Bootes ha ricoperto molti ruoli nel passato ma principalmente è associata ad un uomo con il suo aratro. Fu posto nei cieli vicino all'Orsa Maggiore e, in qualche mito, è intento ad inseguirla con i suoi Cani da Caccia ( Canes Venatici ), rappresentati dalla omonima debole costellazione a nord di Bootes.


Bulino - Caelum (Cae)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Columba, Lepus, Eridanus, Horologium, Dorado, Pictor

Stelle principali :

  • α (alfa) Cae, mag. 4.5, è una stella bianca distante 65 a.l.
  • β (beta) Cae, mag. 5.1, è una stella bianca distante 55 a.l.
  • γ (gamma) Cae, mag. 4.6, è una stella arancione distante 170 a.l. Ha una compagna di mag. 8.5. visibile con un telescopio di 60 mm.
  • δ (delta) Cae, mag. 5.1, è una stella bianco-azzurra distante 750 a.l.

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti di particolare rilievo.

Note: Costellazione poco nota e poco visibile, situata nella parte inferiore di Eridanus, fu inserita da Nicolas Louis de Lacaille; il bulino è un arnese utilizzato per intagliare il legno e la pietra.

Mitologia: Costellazione moderna introdotta da Lacaille nel 1572.


Bussola - Pyxis (Pyx)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Hydra, Puppis, Vela, Antlia

Stelle principali :

  • α (alfa) Pyxidis., mag. 3.7, è una stella bianco azzurra distante 1,300 a.l.
  • β (beta) Pyx, mag. 4.0, è una gigante gialla distante 150 a.l.
  • γ (gamma) Pyx, mag. 4.0, è una gigante arancio distante 240 a.l.

Oggetti notevoli:

  • θ Pyx è una nova ricorrente, che è esplosa più spesso di qualsiasi altra nova, nel 1890, 1902, 1920, 1944 e 1966. Normalmente è di mag. 14, ma improvvisamente brilla fino alla mag. 6-8 . Si trova fra β(beta) e λ(lambda) Pyx. Sono prevedibili ulteriori esplosioni.

Note: Debole e poco estesa costellazione posta accanto al gruppo di costellazioni che un tempo disegnavano la Nave Argo. La bussola è la parte meno importante delle quattro parti che Lacaile divise dall'antica costellazione di Argo Navis. Questa piccola costellazione poco luminosa non offre che un oggetto degno di nota nonostante sia inserita nella Via Lattea. Il periodo più propizio per la sua osservazione nel cielo serale è compreso fra i mesi di gennaio e maggio; dall'emisfero nord la sua individuazione è resa difficoltosa dalla sua declinazione moderatamente australe, mentre dall'emisfero sud è più facilmente rintracciabile. In entrambi i casi è necessario comunque un cielo buio e non inquinato, possibilmente senza Luna.

Mitologia: Ideata nel 1752 da Lacaille, la Bussola faceva parte della antica costellazione della Nave Argo, divisa in più costellazioni per la sua eccessiva estensione.

Camaleonte - Chamaleon (Cha)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Carina, Volans, Mensa, Octans, Apus, Musca

Stelle principali :

  • α (alfa) Cha, mag. 4.1, è una stella bianca distante 78 a.l.
  • β (beta) Cha, mag. 4.3, è una stella azzurra distante 360 a.l.
  • γ (gamma) Cha, mag. 4.1, è una gigante rossa distante 250 a.l.
  • δ (delta) Cha è una coppia ottica di stelle, chiaramente visibili con un binocolo. δ(delta)1 Cha, mag. 5.5, è una stella arancione lontana 360 a.l.;
  • δ2 (delta2) Cha, mag. 4.5, è una stella azzurra distante 550 a.l.
  • ε (epsilon) Cha, distante 290 a.l., è costituita da una coppia molto stretta di stelle di mag. 5.5 e 6.3, per separare le quali sono necessari un'apertura di almeno 150 mm e un forte ingrandimento.

Oggetti notevoli:

  • δ (delta) Cha, stella doppia che fra circa 2000 anni sarà molto prossima al Polo Celeste Sud per il fenomeno della precessione.
  • NGC 3195 è una nebulosa planetaria di grandezza apparente simile a quella del pianeta Giove.

Note: Piccola costellazione vicina al Polo Sud Celeste. Costellazione insignificante e debolmente luminosa, che rappresenta un camaleonte. Fu introdotta nell'emisfero australe da Johann Bayer nel 1603

Mitologia: Questa costellazione venne disegnata verso la fine del 1500 dai navigatori olandesi P.Keyser e F. de Houtman.


Cancro - Cancer (Cnc)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Lynx, Gemini, Canis Minor, Hydra, Leo


Stelle principali :

  • α (alfa) Cnc (Acubens), mag. 4.3, è una stella bianca distante 100 a.l. Ha una compagna di mag. 11, visibile con un telescopio di almeno 75 mm.
  • β (beta) Cnc, mag. 3.5, una gigante arancione distante 170 a.l., è la stella più brillante della costellazione.
  • γ (gamma) Cnc (Asellus borealis), mag. 4.7, è una stella bianca distante 230 a.l.
  • δ (delta) Cnc (Asellus australis), mag. 3.9, è una gigante gialla distante 220 a.l.
  • ζ (zeta) Cnc, distante 52 a.l., è una interessante stella multipla. Un piccolo telescopio rivela due stelle gialle di mag. 5.1 e 6.0. Con un telescopio più grande si può vedere che la componente più luminosa ha una compagna stretta di mag. 6, che le orbita intorno con un periodo di 60 anni. Nel momento in cui sono più vicine tra di loro (avvenuto nel 1990), è necessaria un’apertura di almeno 220 mm per separare le due stelle, ma quando si trovano alla massima distanza reciproca sono sufficienti 100 mm.
  • ι (iota) Cnc, distante 420 a.l., è una gigante gialla di mag. 4.0 con una compagna bianco-azzurra di mag. 6.6, appena visibile con un binocolo, ma facilmente visibile con un piccolo telescopio.


Oggetti notevoli:

  • M 44 (NGC 2632) un importante ammasso aperto, posto al centro del trapezio di stelle che creano il corpo del granchio.Ad occhio nudo appare come una macchia luminosa di color grigio mentre con un binocolo è già possibile separare le varie stelle che lo compongono, circa 300.Proprio per il suo apparire come un ricco assembramento di stelle questo ammasso è stato chiamato il Presepe o comunemente l’Alveare.È uno degli ammassi stellari più vicini al Sole, circa 525 anni luce, ha un diametro di 40 anni luce e si stima che abbia una età di circa 250 milioni di anni. Il Presepio copre 1.5° di cielo, tre volte il diametro apparente della Luna.
  • M 67 (NGC 2682) è un ammasso di stelle molto meno luminoso e più denso del Presepio, visibile come una macchia nebbiosa con un binocolo o un piccolo telescopio; per risolverlo in circa 60 stelle singole è necessaria un’apertura di almeno 75 mm. È distante 2700 a.l.Con i suoi 5 miliardi di anni è il più vecchio ammasso aperto conosciuto.

Note: È la meno evidente delle costellazioni zodiacali. È collocata tra i Gemelli e il Leone, costellazioni molto più luminose. La rappresentazione grafica della costellazione del cancro simboleggia l'attacco che Ercole subì da parte del granchio mentre combatteva contro l'idra. Per sfortuna del granchio però Ercole lo schiaccio durante la foga del combattimento. Il Cancro sta tutto nell'emisfero boreale, pertanto è ben osservabile dalle regioni poste a nord dell'equatore; il periodo indicato per la sua osservazione nel cielo serale va da dicembre fino a maggio. Dall'emisfero australe è osservabile per un periodo più limitato, poiché si presenta, specialmente nelle regioni temperate, relativamente basso; oltre il circolo polare antartico non è più osservabile, mentre a nord del 60°N diventa circumpolare.

Mitologia: Questa costellazione rappresenta un granchio che Giunone, la moglie di Giove, mandò sulla terra per infastidire Ercole mentre lottava contro l'Idra. Ercole uccise facilmente il granchio schiacciandolo con i piedi.Giunone, impietosita dalla fine dell' animale, lo pose nel cielo ad onore della sua fedeltà.


Cane Maggiore - Canis Major (CMa)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Monoceros, Lepus, Columba, Puppis

Stelle principali :

  • α (alfa) CMa (Sirio)mag.-1.46 è la stella più luminosa visibile nel cielo notturno della Terra. È anche una delle stelle più vicine, posta a soli 8,8 anni luce (questa vicinanza contribuisce non poco alla sua grande luminosità apparente). Ha per compagna una nana bianca di mag. 8.5 che le orbita intorno con un periodo di 50 anni. Lo splendore di Sirio oscura questa nana bianca. Viene a volte chiamata la Stella del Cane.
  • β (beta) CMa (Mirzam, l'annunciatore), mag. 2.0, è una gigante blu distante 720 a.l. È una stella pulsante le cui pulsazioni non sono visibili a occhio nudo.
  • γ (gamma) Muliphen
  • δ (delta) CMa (Wezen), mag. 1.9, è una supergigante gialla distante 3000 a.l.
  • ε (epsilon) CMa (Adhara, le vergini), mag. 1.5, è una gigante blu distante 490 a.l. Ha una compagna di mag. 8, difficile da vedere con un piccolo telescopio a causa dello splendore della stella primaria.
  • ζ (zeta) CMa Furud
  • η (eta) CMa (Aludra), mag. 2.4, è una supergigante blu distante 2500 a.l.

Oggetti notevoli:

  • α (alfa) Sirio, è anche detta Stella del Cane e ne individua il naso. Questo astro era tenuto in grande considerazione dalle antiche civiltà, specialmente dagli Egizi. Sirio è la stella più luminosa nel nostro cielo ed in parte deve questa sua brillantezza alla sua relativa vicinanza, poco meno di 9 anni luce da noi.Nella realtà attorno a Sirio orbita una seconda stella, denominata Sirio B, molto più piccola e molto meno luminosa al punto da essere totalmente invisibile ad occhio nudo. Sirio B gira attorno a Sirio A in circa 50 anni; è una stella nana bianca, la prima di questo tipo ad essere scoperta.
  • M 41 (NGC 2287) è un grande ammasso aperto di circa 50 stelle, facilmente visibile con un binocolo o un piccolo telescopio; in condizioni favorevoli, lo si può vedere anche o occhio nudo, tanto che era già noto ai greci.
  • NGC 2362 è un ammasso più piccolo e meno luminoso di M 41, ma è facile individuarlo, poiché circonda η(tau) Canis majoris, una gigante blu di mag. 4.4, che fa parte dell'ammasso. Con un piccolo telescopio si possono scorgere nell'ammasso, che dista circa 4000 a.l., una quarantina di stelle.

Note: Per quanto sia una piccola costellazione, è facilmente individuabile grazie alla forte luminosità apparente delle sue stelle principali. Queste creano la forma stilizzata ed abbastanza evidente di un cane. La costellazione del cane maggiore è sicuramente famosa e antica, al suo interno contiene molte stelle vistose, che rendono la costellazione nel suo insieme molto suggestiva, al suo interno è contenuta anche Sirio, stella conosciuta dai tempi degli Egizzi. Simboleggia uno dei cani (l'altro è Canis minor) che inseguiva Orione. Oggi sorge ai primi di Novembre, quando Sirio si affaccia a Sud-Est, mentre raggiunge il suo periodo di massima visibilità, transitando al meridiano intorno alla mezzanotte, nei primi di Gennaio. Tramonta a Sud-Ovest in Marzo. Poco più sotto, verso Sud-Est, rasentano l'orizzonte meridionale due piccole costellazioni, la Colomba ed il Bulino (chiamato anche Cielo), per le quali non esistono origini mitologiche in quanto fanno parte di quelle moderne. Furono introdotte infatti nel 17° secolo.

Mitologia: Rappresenta il più grande dei due cani cacciatori di Orione,o il dio Anubi per gli egiziani. Dal nome di questa costellazione deriva inoltre il termine "canicola". Questo perchè presso gli antichi egiziani, la stella Sirio indicava con il suo sorgere, al solstizio d'estate, il periodo più caldo dell'anno e quindi il successivo arrivo delle inondazioni del Nilo. Questa stella inoltre raffigurava la dea Sothis-Iside


Cane Minore - Canis Minor (CMi)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Gemini, Monoceros, Hydra, Cancer

Stelle principali :

  • α (alfa) CMi (Procione, che in greco significa "precedente il cane", in riferimento al fatto che sorge prima di Canis major), mag. 0.38, è una stella giallo-bianca distante 11.3 a.l., e quindi è una delle stelle più vicine al Sole.
  • β (beta) CMi (Gomeisa), mag. 2.9, è una stella azzurra distante 140 a.l.

Oggetti notevoli:

  • α (alfa), detta Procione, è l'ottava stella apparentemente più brillante del cielo. Sotto molti aspetti Procione è alquanto simile a Sirio (la stella principale del Cane Maggiore): è molto luminosa, anche grazie alla sua relativa vicinanza, circa 11 anni luce, e risulta essere una stella binaria, avendo come compagna una nana bianca.

Note: Piccola costellazione compresa tra il Cane Maggiore ed i Gemelli. Il secondo dei cani che inseguiva Orione, (l'altro è Canis major). Al suo interno è contenuta Procione, una stella molto luminosa, ed anche l'unica degna di nota di questa costellazione.

Mitologia: È il più piccolo dei due cani cacciatori di Orione.


Cani da caccia - Canis Venatici (CVn)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Ursa Major, Boötes, Coma Berenices

Stelle principali :

  • α (alfa) CVn è una bella stella doppia; venne chiamata Cor Caroli, ovvero il cuore di Carlo, da Edmund Halley, in onore del re Carlo II.
  • β (beta) CVn (Asterion o Chara), mag. 4.3, è l'unica altra stella di una certa importanza nella costellazione. É una stella gialla, distante 30 a.l.
  • υ (upsilon) CVn è una stella variabile di colore rosso scuro, talora chiamata La Superba. La sua magnitudine varia tra 5 e 6.5 circa con un periodo di 160 giorni.

Oggetti notevoli :

  • M 3 (NGC 5272) è un ricco ammasso globulare ubicato a metà strada tra Cor Caroli e Arturo, ed è considerato uno dei più begli ammassi globulari dell'emisfero boreale. Non è visibile a occhio nudo, ma viene facilmente colto come una vaga stella con un binocolo o un piccolo telescopio; una vicina stella di mag. 5 funge da guida. Nei piccoli telescopi, M 3 appare come una palla densa di luce con un debole alone. Per risolvere le singole stelle nelle sue regioni esterne è necessaria un'apertura di almeno 100 mm. M 3 è distante 45,000 a.l.
  • M 51 (NGC 5194) la Galassia Whirlpool (Vortice), è una galassia spirale distante 14 milioni di a.l., con una galassia satellite, più piccola, all'estremità di uno dei suoi bracci. Vista con un piccolo telescopio è un po' deludente, perché appare come una debole luminosità lattescente intorno ai nuclei, simili a stelle, della galassia e della sua compagna; vale tuttavia la pena di darle la caccia nelle notti buie e limpide.
  • M 94 (NGC 4736) è una galassia spirale compatta, che si presenta di faccia. Osservata con un piccolo telescopio, appare simile a una cometa di mag. 8, con un debole nucleo simile a una stella circondato da un alone ellittico. M 94 è distante 14 milioni di a.l.

Note: Costellazione esistente dal 1690 da Johannes Hevelius, sicuramente poco importante sotto il profilo della luminosità. La costellazione dei cani da caccia è situata sotto l'orsa maggiore, e rappresenta i cani di Asterion e Chara trattenuti al guinzaglio da Boote mentre danno la caccia all'orsa maggiore. Questa costellazione nonostante la poca luminosità contiene alcuni corpi celesti veramente interessanti, come la prima galassia a spirale scoperta nel 1845.

Mitologia: Costellazione moderna creata dall'astronomo Hevelius nel 1690 e rappresentante i cani cacciatori di Bootes.


Capricorno - Capricornus (Cap)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Acquarius, Aquila, Sagittarius, Microscopium, Piscis Austrinus

Stelle principali :

  • α (alfa) Cap (Giedi o Algedi, che significa "capro" o "stambecco") è una stella multipla costituita da due stelle, di colore giallo e arancione, distanti 1600 e 120 a.l., mag. 4.2 e 3.6 rispettivamente, visibili separatamente a occhio nudo o con un binocolo. Un telescopio rivela però che ciascuna delle due stelle è a sua volta una doppia.
  • α (alfa1) Cap la meno luminosa delle due, è una doppia ottica, con una compagna di mag. 9 visibile con un piccolo telescopio.
  • α (alfa2) Cap è una doppia fisica, con una compagna di mag. 11. Con un telescopio di almeno 100 mm si può vedere che questa compagna poco luminosa è a sua volta una doppia stretta, con due componenti di mag. 11, α(alfa) Capriconi è quindi un affascinante sistema ibrido.
  • β (beta) Cap (Dabih), mag. 3.1, è una stella giallo-dorata distante 250 a.l. Ha una compagna azzurra di mag. 6, visibile con un binocolo o un piccolo telescopio.
  • γ (gamma) Cap (Nashira, "la fortunata"), mag. 3.7, è una stella bianca distante 100 a.l.
  • δ (delta) Cap (Deneb Algiedi, "la coda del capro"), mag. 2.9, è la stella più brillante della costellazione. È una binaria a eclisse, che varia di un appena percettibile 0.2 di magnitudine con un periodo di 24.5 ore. È distante 49 a.l.
  • π (pi) Cap, distante 470 a.l., è una stella bianco-azzurra di mag. 5.3 con una compagna stretta di mag. 8.5, visibile con un piccolo telescopio.

Oggetti notevoli:

  • M 30 (NGC 7099) è un ammasso globulare distante 40,000 a.l., visibile con un piccolo telescopio, notevolmente denso al centro, con catene di stelle che si dipartono verso l'esterno.

Note: Questa debole costellazione zodiacale si trova vicino all'Acquario. Le sue stelle disegnano una figura a forma di punta di freccia.

Mitologia: Il Capricorno è un essere mitologico, metà capra e metà pesce, per questo detto anche capra marina. Nella mitologia greca, Capricorno era il dio dei campi e dei greggi. La leggenda vuole che il terribile mostro Tifone dallo cento teste stesse inseguendo gli dei per vendicare la sconfitta dei Titani; per sfuggirgli, gli dei si tramutarono in animali diversi e tra questi anche Pan, il dio dalle fattezze di capra. Pan si tuffò in un fiume cercando nel contempo di tramutarsi in pesce ma nella fretta la trasformazione gli riuscì a metà: la sua parte alta rimase a forma di capra.Zeus ne rimase così colpito da porre il pescecapra nei cieli, vicino all'Acquario. La costellazione del capricorno è una delle 12 che fanno parte dei segni zodiacali


Carena - Carina (Car)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Vela, Puppis, Pictor, Volans, Chamaeleon, Musca, Centaurus

Stelle principali :

  • α (alfa) Car (Canopo), mag. 0.72, la seconda stella più brillante del cielo, è una supergigante giallo-bianca distante 1200 a.l. Prende il nome dal pilota della flotta del re Menelao e, abbastanza appropriatamente, questa stella è ora usata come guida per la navigazione spaziale.
  • β (beta) Car (Miaplacidus), mag. 1.7, è una stella bianco-azzurra distante 85 a.l.
  • ε (epsilon) Car, mag. 1.9, è una gigante gialla distante 200 a.l.
  • η (eta) Car. distante 9000 a.l., è una particolare variabile "novoide" incorporata nella nebulosa NGC 3372. Nel passato, la luminosità di ε(eta) Carinae ha presentato delle variazioni irregolari, raggiungendo un massimo di mag. -1 neI 1843, ma si è ora stabilizzata intorno alla mag.6o 7.
  • θ (theta) Car, mag. 2.8, è una stella bianco-azzurra distante 750 a.l., al centro dell'ammasso IC 2602.
  • ι (iota) Car, mag. 2.3, è una supergigante giallo-bianca distante 820 a.l.
  • υ (upsilon) Car, distante 320 a.l., è una stella doppia con componenti bianche di mag. 3.1 e 6.0, separabili con un piccolo telescopio.
  • ρ (rho) Car è una gigante rossa di distanza incerta, che varia tra la mag.4 e 10 con un periodo di 309 giorni.
  • σ (sigma) Car è una gigante rossa, simile a ξ(ro) Car, che varia dalla mag.5 a 10 con un periodo di 150 giorni.

Oggetti notevoli:

  • IC 2602 è un brillante ammasso aperto di 30 stelle, simile alle Pleiadi, distante circa 700 a.l. Le stelle più brillanti dell'ammasso sono visibili a occhio nudo, specialmente ζ(theta) Carinae, e l'intero ammasso copre un'area pari a due volte quella della Luna piena.
  • NGC 2516 è un brillante ammasso di 100 stelle, distante 4300 a.l., visibile a occhio nudo, e copre 1° della volta celeste. Con un piccolo telescopio si può vederne la stella centrale, una gigante rossa di mag. 5. NGC 2516 contiene tre stelle doppie di mag.8 e 9, visibili con un piccolo telescopio.
  • NGC 3114 è un ammasso, visibile a occhio nudo, di circa 100 stelle, distante circa 1000 a.l. È una versione minore di NGC 2516.
  • NGC 3372 è una nebulosa diffusa, facilmente visibile come una macchia brillante della Via Lattea, che circonda la variabile irregolare ε(eta) Carinae. La nebulosa NGC 3372 copre un'area maggiore di quella della Nebulosa di Orione. Essa splende per la luce di stelle giovani nate al suo interno. Osservandola con un binocolo, si possono vedere ammassi stellari splendenti e vortici di gas luminosi alternati a zone oscure. La più famosa è la macchia scura, chiamata Buco della serratura per la sua forma caratteristica, che si staglia sullo sfondo della parte centrale, brillante, della nebulosa, vicino a ε(eta) Carinae. L'intera nebulosa si trova alla distanza di circa 9000 a.l., la stessa distanza di ε(eta) Carinae.
  • NGC 3532 distante 1700 a.l., è un brillante ammasso di 150 stelle, che copre 1° di volta celeste. È visibile a occhio nudo ed è stupendo se osservato con un binocolo.

Note: Bella costellazione del gruppo della Nave Argo, insieme alla Poppa e alla Vela

Mitologia: Questa costellazione rappresenta la carena della Nave Argo sulla quale si imbarcarono Giasone e i suoi 50 Argonauti alla ricerca del vello d'oro. Nel 1756 l'astronomo Lacaille divise la troppo estesa costellazione della Nave Argo in tre: la Carena, la Vela e la Poppa.


Cassiopea - Cassiopeia (Cas)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Camelopardalis, Cepheus, Lacerta, Andromeda, Perseus

Stelle principali :

  • α (alfa) Cas (Schedar), mag. 2.2, una gigante gialla distante 120 a.l. Ha una compagna di mag. 9.
  • β (beta) Cas (Caph), mag. 2.3, è una stella bianca distante 42 a.l.
  • γ (gamma) Cas, distante 780 a.l., è una straordinaria gigante blu variabile del tipo chiamato stella con inviluppo esteso (shell star). Essa espelle anelli di gas a intervalli irregolari, evidentemente perché la sua veloce rotazione la rende instabile, facendola variare in modo imprevedibile tra mag. 3.0 e 1.6. Usualmente oscilla intorno a mag. 2.5.
  • δ (delta) Cas (Ruchbah), mag. 2.7, è una stella bianco-azzurra distante 62 a.l.
  • ε (epsilon) Cas, mag. 3.4, è una gigante blu distante 520 a.l.
  • η (eta) Cas, distante 19 a.l., è una bellissima stella doppia con componenti gialla e rossa di mag. 3.6 e 7.5, visibili con un piccolo telescopio.
  • ι (iota) Cas, distante 180 a.l., è una stella bianca di mag. 4.5 con una compagna larga di mag.8, visibile con un telescopio di 60 mm.
  • σ (sigma) Cas, distante l300 a.l., è una doppia stretta, con componenti di mag. 5.1 e 7.2, di colore verde e azzurro, in forte contrasto con i colori, più caldi, di ε(eta) Cas.
  • ψ (psi) Cas, distante 240 a.l., è una gigante gialla di mag. 5 con una compagna larga di mag. 9 visibile con un piccolo telescopio. Un forte ingrandimento mostra che questa compagna è a sua volta una binaria stretta.

Oggetti notevoli:

  • ι (iota) Cas, è una bella stella tripla, due di colore giallo e la terza di colore blu.
  • M 52 (NGC 7654) è un ammasso di circa 120 stelle, distante 3800 a.l., visibile con un binocolo come una macchia nebbiosa. Ha una forma simile a un rene, con una stella giallo-arancione su un bordo, come una versione minore del celebre ammasso M 11 in Scutum. M 52 può essere risolto nelle singole stelle con un'apertura di 75 mm. Posto in linea con le stelle α(alfa) e β(beta), è un ammasso aperto contenente più stelle dell'ammasso M103 e probabilmente è anche più giovane; dista solo 3.000 anni luce.
  • M103 (NGC 581) distante 3800 a.l., posto nelle immediate vicinanze della stella δ(delta), è un ammasso aperto a forma di ventaglio di circa 60 stelle con al centro una forma a losanga.
  • NGC 457 è un ammasso aperto di stelle di debole luminosità. L'ammasso può essere individuato facendo riferimento alla stella fi Cas, una supergigante gialla di mag. 5.0, che si trova a un suo lato.
  • NGC 663 distante 2600 a.l., è un ammasso di circa 80 stelle, visibile con un binocolo.

Note: Luminosa costellazione circumpolare dalla inconfondibile forma a W, si trova rispetto alla Stella Polare proprio all'opposto dell'Orsa Maggiore. In Inverno raggiunge la sua massima altezza nel cielo.

Mitologia: Cassiopea era la bella regina Etiope della città di Joppa in Fenicia; Cefeo era il re suo marito. Cassiopea era orgogliosa della sua bellezza e ancor di più di quella della figlia Andromeda; ma un giorno la sua vanità la portò a dire che le loro bellezze superavano quelle delle ninfe marine scatenando l'ira di Poseidone, il dio dei mari. Quest'ultimo inviò il terribile mostro Ceto ( Balena ) a distruggere l'intera città; l'unico modo per placarne l'ira era sacrificare Andromeda al mostro, così venne incatenata ad uno scoglio di una vicina isoletta pronta per essere divorata. La sua fine era ormai prossima quando ecco arrivare su di un cavallo alato l'eroe Perseo.


Cavalluccio - Equuleus (Equ)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinant :

  • Acquarius , Delphinus , Pegasus

Stelle principali :

  • α (alfa) Equ, (Kitalpha, cavallino), mag. 3.9, è una gigante gialla distante 150 a.l.
  • γ (gamma) Equ, distante 180 a.l., e una stella bianca di mag. 4.7; ha una compagna ottica di mag. 6.
  • ε (epsilon) Equ, distante 130 a.l., è una stella tripla. Vista con un piccolo telescopio, appare come una coppia di stelle di mag. 5.3 e 7.1, di colore giallo e bianco-azzurro; ma, con un'apertura di 150 mm, si può vedere che la stella più brillante (la gialla) è in realtà costituita da due stelle di 6a magnitudine, che orbitano l'una intorno all'altra con un periodo di 101 anni.

Oggetti notevoli:

  • Non sono presenti oggetti di particolare rilievo.

Note: Piccola costellazione poco evidente situata tra il Delfino e l'Acquario ed affiancata a Pegaso Questa costellazione detiene il secondo primato come grandezza, infatti è la seconda costellazione più piccola dopo Crux. Pare esista dal tempo di Tolomeo e che questa costellazione abbia anche il nome di Puledro.

Mitologia: Questa costellazione, compresa nel catalogo di Tolomeo, rappresenta il cavallo alato Celeris, fratello del più famoso Pegaso.


Cefeo - Cepheus (Cep)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Ursa Minor, Draco, Cygnus, Lacerta, Cassiopeia, Camelopardalis

Stelle principali :

  • α (alfa) Cep (Alderamin, la spalla destra), mag. 2.4, è una stella bianca distante 46.1 a.l.
  • β (beta) Cep (Alfirk, il gregge), distante 750 a.l., è una stella doppia e variabile. Con un piccolo telescopio si può vedere che questa gigante blu, di mag. 3.2. γ(gamma) Cep (Er Rai, il pastore), mag. 3.2, è una stella gialla distante 52 a.l.
  • δ (delta) Cep, distante 1300 a.l., è una famosa variabile pulsante, prototipo della classe delle variabili cefeidi. Questa gigante gialla varia tra mag. 3.6 e 4.3 con un periodo di 5 giorni e 9 ore, mentre le sue dimensioni reali variano da 35 a 32 volte il diametro del Sole.
  • μ (mu) Cep, distante 1600 a.l., è una famosa stella rossa, chiamata Stella granata da Sir William Herschel per il suo splendido colore, ben visibile con un binocolo. Questa stella è una supergigante rossa, prototipo di una classe di variabili chiamate "variabili semiregolari". Essa varia tra mag. 3.6 e 5.1 senza un periodo fisso.
  • χ (chi) Cep, distante 120 a.l., è una stella doppia di mag. 4.6 e 6.6, visibile con un piccolo telescopio. Le sue componenti sono bianco-azzurra e gialla.
  • ο (omicron) Cep, distante 260 a.l., è una gigante gialla di mag. 5.0 con una compagna stretta di mag. 7.3, visibile con un telescopio di almeno 60 mm di apertura.

Oggetti notevoli:

  • δ (delta) Cep, collocata all'apice del piccolo triangolo di tre stelle nell'angolo in basso a sinistra della casa, è uno dei piu` importanti esempi di stella variabile: ogni 5 giorni la sua luminosità cambia di quasi una magnitudine. Questa stella è stata la prima variabile di questo tipo ad essere scoperta, divenendone così il prototipo; in suo onore questo tipo di stelle sono oggi classificate come variabili Cefeidi: sono stelle pulsanti che alternano una fase di espansione e raffreddamento ad una fase di contrazione e riscaldamento, con conseguente variazione di luminosità. Per gli astronomi queste stelle sono importantissime: scoperta una Cefeide se ne determina il periodo di variazione luminosa e, con pochi passaggi matematici, è possibile risalirne alla distanza; di conseguenza si ha anche una stima della distanza dell'ammasso o della galassia che la contiene.

Note: Costellazione prossima al Polo Nord Celeste e vicina a Cassiopea e la cui forma ricorda una casa con un alto tetto.

Mitologia: La costellazione di Cefeo è conosciuta sin dall'antichità, e rappresenta il re Cefeo, marito di Cassiopea e padre di Andromeda, costellazioni che sono rappresentate vicino a questa. E' una costellazione con una luminosità discreta, e contiene ammassi e nebulose oltre a tante stelle doppie.


Centauro - Centaurus (Cen)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Antlia, Carina, Circinus, Crux, Hydra, Lupus, Musca, Triangulum Australe, Vela

Stelle principali :

  • α (alfa) Cen (Rigil Kent, il piede del Centauro) distante 4.3 a.l. A occhio nudo, splende come una stella di mag. 0.27 ma, osservata con un piccolo telescopio, risulta composta di due distinte stelle di mag. 0 e 1.4. La stella più brillante ha caratteristiche molto simili a quelle del Sole. Le due stelle orbitano l'una intorno all'altra, con un periodo di 80 anni. Associata ad α(alfa) Centauri è anche una nana rossa di mag. 11, chiamata Proxima Centauri, che si trova a una distanza angolare di 2° da essa, e che perciò non entra nemmeno nel medesimo campo visivo del telescopio. Si calcola che questa stella impieghi ben un milione di anni per compiere un'orbita intorno ai suoi due compagni più brillanti. Attualmente, Proxima Centauri è più vicina a noi di circa 0.1 a.l., rispetto alle due altre componenti di α(alfa) Centauri.
  • γ (gamma) Cen, distante 110 a.l., è una doppia stretta con componenti bianco-azzurre di mag. 3.1 e 3.2 che orbitano l'una intorno all'altra con un periodo di 85 anni. Assieme, splendono come una stella di mag. 2.2. Nel 1973 si trovavano alla massima distanza tra loro ed erano visibili con un'apertura di 100 mm, ma intorno al 2015 si troveranno alla distanza minima e non saranno più separabili con i telescopi per dilettanti.
  • 3 Cen, noto anche come θ(kappa) Cen, distante 300 a.l., è una straordinaria coppia di stelle bianco-azzurre di mag. 4.7 e 6.2. separabili con un piccolo telescopio.
  • ω (omega) Cen (NGC 5139) è l'ammasso globulare più grande e più brillante del cielo, tanto che nelle vecchie carte celesti era etichettato come una stella. A occhio nudo, lo si vede come una stella di mag. 3.7, e copre un'area pari a oltre due terzi quella della Luna piena. Un piccolo telescopio, o perfino un binocolo, comincia a risolvere in singole stelle le sue regioni esterne, ed è un vero spettacolo per gli strumenti di tutte le aperture. La sua luminosità e le sue dimensioni apparenti sono in parte dovute alla sua relativa vicinanza a noi, 16,000 a.l., che lo rende uno degli ammassi globulari più vicini.

Oggetti notevoli:

  • α (alfa) Centauri è in realtà un sistema di tre stelle. Tra queste tre va citata Proxima Centauri, così chiamata perché dista dal Sole solo 4,2 anni luce e risulta essere la stella a noi più vicina.
  • ω (omega) Centauri, l'ammasso globulare più luminoso del cielo ed anche uno dei più vicini distando solo 16.000 anni luce dal Sole.
  • NGC 3766 distante 1700 a.l., è un ammasso di circa 60 stelle, visibile a occhio nudo.
  • NGC 3918 è una piccola nebulosa planetario di mag.7itudine, distante 14,500 a.l., scoperta da John Herschel, che la chiamò Planetaria blu. Ha un aspetto simile a quello del pianeta Saturno, ma è notevolmente più grande.
  • NGC 5128 è una galassia peculiare di mag. 7, nota ai radioastronomi come Centaurus A. Nelle fotografie a lunga esposizione appare come una galassia ellittica gigante attraversata da una densa banda di polvere, ma sulle radio immagini appare fiancheggiata da lobi di radioemissione, come se avesse espulso getti di materia in seguito a una serie di esplosioni. In condizioni favorevoli, è visibile con un binocolo, ma è necessaria un'apertura di almeno 100 mm per scorgerne la forma e la banda oscura di polvere. NGC 5128 dista circa 15 milioni di a.l. Centaurus A, risulta essere una delle più intense sorgenti di onde radio e raggi X
  • NGC 5460 distante 2700 a.l., è un grande ammasso di circa 25 stelle, visibile con un binocolo o un piccolo telescopio.

Note: Il centauro è un costellazione molto bella, e luminosa. questa è anche famosa per il suo contenuto, infatti ospita la stella più vicina al nostro Sole, α(alfa) Centauri, che è composta da tre stelle. Questa costellazione si trova in una parte molto luminosa della Via lattea.

Mitologia: Questa costellazione rappresenta il saggio centauro Chirone, metà uomo metà cavallo. Colpito accidentalmente da una freccia avvelenata scagliata da Ercole, Chirone, che pur possedeva il dono dell'immortalità, chiese a Zeus di poter morire non potendo sopportare il dolore. Zeus lo esaudì e pose il suo corpo tra le stelle.


Chioma di Berenice - Coma Berenices (Com)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Canes Venatic, Ursa Major, Leo, Virgo, Boötes

Stelle principali :

  • α (alfa) è formata da 2 stelle bianco-gialle di magnitudine 5,1 (che sommate fanno un astro di 4,35), separate da appena 0",6! È una vera sfida riuscire a sdoppiarla, non tanto per le dimensioni dell'obiettivo da impiegare (un buon 20 centimetri sarebbe già sufficiente all'impresa), quanto per la drastica limitazione imposta dall'atmosfera, i cui effetti, come abbiamo già avuto modo di notare in casi analoghi, si ripercuotono negativamente sul seeing che raramente si abbassa sotto il secondo d'arco. Segnaliamo questa stella perché è uno dei rari casi di binaria con orbita vista di taglio: le componenti, cioè, non paiono ruotare nel tempo, ma oscillare.
  • β (beta) è invece costituita da una primaria di classe spettrale GO accompagnata da una debole stellina di 10a. Misurazioni effettuate nel 1907 davano una separazione di 1,5 primi con angolo di posizione di 250 gradi.
  • γ (gamma) è la stella più luminosa di Melotte 111, al quale, con ogni probabilità, appartiene solo prospetticamente; è una gigante arancione luminosa quanto la α(alfa), distante 170 anni luce e una 40-ina di volte più brillante del Sole. Come si può vedere dalla cartina, queste 3 stelle tutto sommato si rintracciano facilmente in cielo perché sono equidistanti e poste ad angolo retto.

Oggetti notevoli :

  • M53 vicino alla stella α(alfa), è un ammasso globulare tra i più lontani, circa 65.000 anni luce.
  • L' Ammasso di Galassie della Chioma-Vergine, posto tra le costellazioni della Chioma e della Vergine, è un insieme di galassie a circa 50 milioni di anni luce: contiene centinaia di galassie ellittiche e a spirale, molte delle quali sono visibili con piccoli telescopi.
  • M85 è una delle più luminose galassie ellittiche dell'ammasso.
  • M88 è una tipica galassia a spirale con molti bracci che si avvolgono attorno al nucleo.
  • M98 è una luminosa galassia a spirale posizionata in modo da mostrarci il "fianco".
  • M99 è una galassia a spirale con un piccola regione centrale ed ampi bracci ben visibili.
  • M100 è la più larga galassia a spirale all’interno dell’ammasso

Note: Chioma di Berenice: Debole ma facilmente riconoscibile costellazione situata in un' area relativamente povera di stelle tra Bootes ed il Leone. Questa costellazione è sicuramente poco visibile, se non da occhi esperti, rappresenta la chioma sciolta di Berenice, regina d'Egitto, che se l'era recisa in seguito a un voto fatto agli dei affinché il marito, Tolomeo Euergete, tornasse incolume da una battaglia. Sebbene questa leggenda risalga al tempo dei greci, la costellazione fu riconosciuta ufficialmente solo nel 1602, quando fu inclusa nel catalogo da Tycho Brahe. La parte principale delle trecce recise di Berenice è rappresentata da un gruppo sparpagliato di circa 30 stelle chiamato Ammasso stellare della Chioma di Berenice, che copre diversi gradi della volta celeste ed è meglio visibile con un binocolo. Le stelle più brillanti di questo ammasso, di mag. 5 e 6, formano una V ben visibile. Le stelle dell'ammasso, distante circa 250 a.l., si trovano vicino a γ(gamma) Comae, che però non fa parte dell'ammasso. La costellazione contiene anche un ammasso di un altro tipo, e cioè un ammasso di galassie. L'ammasso di galassie della Chioma di Berenice (da non confondere con l'ammasso stellare), si trova a una distanza di circa 400 milioni di a.l. e quindi gli oggetti che ne fanno parte sono tropo fievoli per essere osservati se non con i più grandi telescopi per dilettanti. La costellazione contiene però anche alcune galassie più brillanti, appartenenti all'ammasso della Vergine, le più brillanti delle quali sono visibili anche con telescopi più modesti. Il polo nord galattico si trova nella Chioma di Berenice.

Mitologia: La regina Berenice, preoccupata per la sorte del marito, consultò l'astronomo di corte che gli suggerì di attendere il ritorno del consorte e quindi, quale ringraziamento agli dei, offrire nel tempio di Venere qualcosa di veramente prezioso. Attorno al 250 A.C., Tolomeo III, re d'Egitto, si recò in battaglia contro gli Assiri. Quando Tolomeo due anni dopo rientrò sano e salvo in Egitto, Berenice tagliò i suoi lunghi capelli e li pose nel tempio; il giorno dopo la chioma era sparita. Tolomeo, furioso per questa sparizione, chiese spiegazioni all' astronomo di corte il quale prontamente indicò un insieme di stelle vicine alla coda del Leone affermando che Venere aveva posto la chioma di Berenice tra le stelle a ricordo dell'amore e della devozione della regina per il marito. Nonostante la leggenda questa costellazione è in realtà da considerarsi moderna, essendo stata inserita per la prima volta nelle carte astronomiche da Tycho Brahe nel 1602.


Cigno - Cygnus (Cyg)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Cepheus, Draco, Lyra, Vulpecula, Pegasus, Lacerta

Stelle principali :

  • α (alfa) Cyg (Deneb, coda), mag. 1.3, è una supergigante bianco-azzurra distante 1800 a.l risulta la diciannovesima stella più brillante del cielo con una luminosità di 60.000 Soli..
  • β (beta) Cyg (Albireo), distante 390 a.l., è una delle stelle doppie più spettacolari. La stella più brillante, di mag. 3.1, è una gigante gialla; la sua compagna, di mag. 5.1, è una stella verde-azzurra. Visibili con un semplice binocolo.
  • γ (gamma) Cyg (Sadr), mag. 2.2, è una supergigante gialla distante 750 a.l.
  • δ (delta) Cyg, distante 160 a.l., è una stella bianco-azzurra di mag. 3.0, con una compagna stretta di mag. 6.5.
  • ε (epsilon) Cyg (Gienah), mag. 2.5, è una gigante gialla distante 82 a.l.
  • μ (mu) Cyg, distante 55 a.l., è una coppia di stelle bianche di mag. 4.8 e 6.1 orbitanti l'una intorno all'altra con un periodo di 500 anni; la loro separazione richiede un'apertura di almeno 100 mm e un forte ingrandimento.
  • o1 (omicron1) Cyg è forse una delle più belle doppie ottiche del cielo, con componenti arancio e turchese di mag. 3.8 e 4.8, distanti 520 e 300 a.l..
  • χ (chi) Cyg, distante 82 a.l., è una gigante rossa variabile a lungo periodo, che varia tra la mag. 4 e 13. con un periodo di 407 giorni.
  • ψ (psi)Cyg, distante 170 a.l., è una coppia di stelle bianche di mag. 4.9 e 7.4, visibile con telescopi piccoli o medi.
  • 26 Cyg, distante 500 a.l., è una gigante arancione di mag. 5.1, con una compagna ottica di mag. 9, visibile con un piccolo telescopio.
  • 61 Cyg, distante 11.1 a.l., è una spettacolare coppia di nane arancione di mag. 5.2 e 6.0, orbitanti l'una intorno all'altra con un periodo di circa 700 anni. Visibili entrambe con un piccolo telescopio.

Oggetti notevoli:

  • M 29 vicino alla stella γ (gamma), è un ammasso aperto con poche decine di stelle.
  • M 39 a nord di Deneb è un altro piccolo ammasso aperto con non più di 50 stelle; nelle sue vicinanze si trova la Nebulosa del Nord America, visibile nelle notti senza Luna.

Note: Ampia costellazione facilmente individuabile per l'inconfondibile forma a croce e per essere attraversata al suo centro dalla Via Lattea.

Mitologia: Un giorno Fetonte, figlio di Apollo, decise di guidare il carro celeste del padre sul quale era posto il Sole. Apollo si raccomandò di non avvicinarsi troppo alla Terra poiché il calore del Sole l'avrebbe bruciata. Durante il tragitto però Fetonte perse il controllo dei cavalli avvicinandosi troppo al suolo e causando incendi ovunque; per salvare l'umanità Zeus fu costretto a lanciare una saetta contro Fetonte, uccidendolo all' istante. Il corpo di Fetonte cadde nel fiume Eridano; Cigno, il suo miglior amico, si tuffò ripetutamente nelle sue acque alla disperata ricerca del corpo ma senza riuscirci. Zeus rimase così colpito da tanta devozione da trasformarlo in un cigno per poter continuare la ricerca con più facilità; inoltre gli riservò un posto nel cielo dentro il luminoso sentiero della Via Lattea. Altra leggenda vede Zeus che andò a trovare Leda sotto forma di cigno. Da questo incontro nacque Polluce, uno dei due gemelli celesti.


Colomba - Columba, (Col)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Lepus, Caelum, Pictor, Puppis, Canis Major

Stelle principali :

  • α (alfa) Col (Phact) mag 2,6
  • β (beta) Col (Wezn)

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti rilevanti.

Note: Costellazione contigua a Puppis; La Columba è stata comunemente accettata come costellazione nel 1679, quando fu inclusa in un elenco da Augustin Royer, ma prima di lui era già stata introdotta sulle carte stellari da altri, in particolare da Johann Bayer. Non contiene alcun oggetto interessante per i telescopi per dilettanti

Mitologia: Ideata dall'astronomo e teologo Petrus Plancius, questa costellazione rappresenta la colomba liberata da Noé alla fine del Diluvio Universale, oppure la colomba mandata innanzi dagli Argonauti per passare incolumi tra le Simplegadi, le rocce mobili alla porta del Mar Nero


Compasso - Circinus, (Cir)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Centaurus, Musca, Apus, Triangulum Australe, Norma, Lupus

Stelle principali :

  • α (alfa) Cir mag 3,2

Oggetti notevoli :

  • Non presenta oggetti rilevanti.

Note: Piccola costellazione situata tra il Centauro ed il Triangolo Australe.

Mitologia: Costellazione moderna disegnata nel 1756 dall'astronomo de Lacaille.


Corona Australe - Corona Australis, (CrA)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Sagittarius, Scorpius, Ara, Telescopium

Stelle principali :

  • α (alfa) CrA, mag. 4.1, è una stella bianca distante 100 a.l.
  • β (beta) CrA, mag. 4.1, è una gigante gialla distante 110 a.l.
  • γ (gamma) CrA, distante 39 a.l., è una doppia stretta formata da due stelle gialle identiche.
  • κ (kappa) CrA, distante 460 a.l., è una coppia di stelle bianco-azzurre.

Oggetti notevoli:

  • NGC 6541 è un ammasso globulare distante 14,000 a.l., visibile con un binocolo.

Note: Costellazione gemella della corona boreale, già nota dai tempi di Tolomeo. Raffigura la corona portata dal centauro Sagittario, che si trova vicino. Nonostante sia poco luminosa è facilmente osservabile.

Mitologia: Questa costellazione rappresenterebbe la corona di mirto che Dioniso donò agli dei degli inferi per avergli restituito la madre.


Corona Boreale - Corona Borealis, (CrB)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Hercules, Boötes, Serpens

Stelle principali :

  • α (alfa) CrB) 2.2 α(alfa) Coronae borealis (Gemma o Alphecca), mag. 2.2, è una stella bianco-azzurra distante 78 a.l.
  • ζ (zeta) CrB, distante 420 a.l., è una coppia di stelle blu, di mag. 5.0 e 6.0, visibili con un piccolo telescopio.
  • ν (nu) CrB è una doppia ottica costituita da due giganti arancione, entrambe di mag. 5.3 ma non connesse fisicamente: una è distante 490 a.l., l'altra 420 a.l.
  • σ (sigma) CrB, distante 68 a.l., è una coppia di stelle gialle, di mag. 5.7 e 6.7, visibili con un piccolo telescopio.
  • ρ (ro) CrB è una stella interessante, ubicata entro l'atto della Corona, a metà strada tra le stelle α(alfa) e ι(iota).
  • τ (tau) CrB è un'altra stella spettacolare, chiamata Blaze Star, che si comporta in modo quasi opposto a ρ(rho) CrB. È una nova ricorrente, di mag. 11.

Oggetti notevoli:

  • Abell 2151 (Ammasso di Galassie della Corona Boreale) posto tra tra la Corona e Bootes, invisibile ad occhio nudo; l'ammasso contiene circa 500 galassie attualmente alla distanza di oltre un miliardo di anni luce.

Note: Piccola costellazione le cui stelle principali disegnano un semicerchio la cui forma ricorda una corona.

Mitologia: Questa costellazione rappresenta la corona di gioielli che il dio Bacco donò ad Arianna, figlia del re Minosse, come regalo di nozze.


Corvo - Corvus, (Crv)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Virgo, Crater, Hydra

Stelle principali :

  • α (alfa) Crv (Al Chiba), mag. 4.0, è una stella bianca distante 68 a.l.
  • β (beta) Crv, mag. 2.7, è una gigante gialla distante 290 a.l.
  • γ (gamma) Crv (Gienah), mag. 2.6, è una stella bianco-azzurra distante 190 a.l.
  • δ (delta) Crv, distante 120 a.l., è una binaria larga, separabile con un piccolo telescopio. La componente più brillante, visibile a occhio nudo, è una stella bianca di mag. 3.0, accompagnata da una stella di mag. 8.4 di colore purpureo.

Oggetti notevoli:

  • M 104 si trova proprio sopra il confine tra Corvus e Virgo la Galassia Sombrero,così viene anche chiamata, abbastanza somigliante al pianeta Saturno. È una galassia spirale con un grande nucleo e una densa banda di polvere.


Note: Costellazione nota dai tempi dei greci, è molto debole e difficilmente visibile.

Mitologia: Apollo, il dio del Sole, mandò Corvo a raccogliere dell'acqua in una coppa ( Cratere ). Ma Corvo venne distratto da un albero di fichi maturi e perse tempo a mangiarne; consapevole della furia di Apollo per il suo ritardo, Corvo trovò e portò con sé un serpente d'acqua ( Idra ), affermando che quest'ultimo gli aveva più volte impedito di riempire la coppa. Ma Apollo sapeva la verità e, come punizione, pose Corvo in cielo vicino alla coppa ma non abbastanza da poterne bere.


Cratere (Coppa) - Crater,( Crt)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Leo, Sextans, Hydra, Corvus, Virgo


Stelle principali :

  • α (alfa) Crt, (Alkes) mag. 4.1. è una gigante gialla distante 160 a.l.
  • β (beta) Crt, mag. 4.5, è una stella bianco-azzurra distante 230 a.l.
  • γ (gamma) Crt, mag. 4.1, è una stella bianca distante 78 a.l.
  • δ (delta) Crt, mag. 3.6, la stella più brillante della costellazione, è una gigante gialla distante 130 a.l.

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti importanti

Note: Piccola costellazione dalla forma a vela simile a quella del Corvo, ma più debole in luminosita`.

Mitologia: Rappresenta la coppa data da Apollo a Corvo per riempirla di acqua.


Croce del Sud - Crux, (Cru)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Centaurus, Musca

Stelle principali :

  • α (alfa)Cru (Acrux), distante 360 a.l., appare all'occhio nudo come una stella di mag. 0.9. è la quattordicesima stella apparentemente più luminosa del cielo. Con un piccolo telescopio si può vedere che è una stella doppia, con componenti bianco-azzurre di mag. 1.4 e 1.9.
  • β (beta) Cru, (Mimosa), mag. 1.3, è una stella bianco-azzurra distante 570 a.l. È una variabile di tipo β(beta) Cephei, con un periodo di 6 ore e fluttuazioni di meno di un decimo di magnitudine.
  • γ (gamma) Cru, mag. 1.6, è una gigante rossa distante 88 a.l. Ha una compagna ottica di mag. 6.4, molto discosta, visibile con un binocolo.
  • δ (delta) Cru, mag. 2.5, la più debole delle quattro stelle principati della Croce, è una stella bianca distante 470 a.l.
  • ε (epsilon) Cru, mag. 3.6, è una stella gialla distante 125 a.l.
  • ι (iota) Cru, distante 280 a.l., è una stella arancione di mag. 4.7 con una compagna larga di mag. 7.8 visibile con un piccolo telescopio.
  • μ (mu)Cru, distante 620 a.l., è una coppia larga di stelle bianco-azzurre di mag. 4.0 e 5.2, separabili anche con i più piccoli telescopi o perfino con un buon binocolo.


Oggetti notevoli:

  • NGC 4755 il Portagioie o Ammasso di θ (kappa) Crucis, è uno dei più begli ammassi stellari del cielo, visibile a occhio nudo come una stella di 5a magnitudine. Con un piccolo telescopio si possono vedere almeno 50 stelle di vari colori, per lo più blu e rosse. John Herschel diede a questo ammasso il suo nome popolare paragonandolo a un gioiello multicolore. La distanza del Portagioie è incerta; secondo una misurazione si troverebbe a oltre 7000 a.l.

Note: La meno estesa delle costellazioni ma alquanto luminosa, le cui quattro stelle più splendenti disegnano una croce allungata. Fra le costellazioni molto note è la più piccola, la croce del sud è sicuramente fra le costellazioni più note dell'emisfero australe. Fu creata da navigatori e astronomi nel XVI secolo. Questa costellazione nonostante sia piccola è abbastanza luminosa e decisamente molto densa, infatti la costellazione è sita in una zona della via lattea molto ricca di corpi celesti. Si trova proprio sotto le zampe del Centauro.

Mitologia: Già nota ai Greci che però la consideravano unita al Centauro.


Delfino - Delphinus, (Del)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Vulpecula, Sagitta, Aquila, Acquarius, Equuleus, Pegasus

Stelle principali :

  • α (alfa)Del (Sualocin). mag. 3.8, è una stella bianco-azzurra distante 170 a.l.
  • β (beta) Del (Rotanev), mag. 3.5, è una stella bianca distante 110 a.l.
  • γ (gamma) Del, distante 110 a.l., è una spettacolare stella doppia con componenti di mag. 4.3 e 5.2 di colore dorato e bianco-giallo, ben separabili con un piccolo telescopio. Nello stesso campo visivo appare una debole doppia, Struve 2725, formata da due stelle di 7a e 8a

Oggetti notevoli:

  • Pur non presentando oggetti di particolare rilievo, tale costellazione si trova immersa in una regione ricca di stelle e particolarmente suggestiva.

Note: Piccola ma prominente costellazione le cui stelle in apparenza più luminose formano un trapezio che tocca la Via Lattea.

Mitologia: Il delfino era onorato dai greci per aver salvato la vita al poeta Arione. Arione era di ritorno a Corinto, dopo un lungo soggiorno a Taranto dove, in cambio del suono della sua arpa e della dolcezza delle sue poesie, aveva ricevuto lauti ricompensi. I marinai della nave sulla quale si trovava, venuti a conoscenza delle sue ricchezze, si ammutinarono e lo gettarono in mare. Pur allo stremo delle forze, Arone intonò un canto triste che giunse alle orecchie di Apollo il quale, colpito dalla melodia, mandò un delfino per portarlo sano e salvo sulla terra ferma. Qui Arone onorò l'animale facendo porre in un santuario una piccola statua del delfino. Apollo la prese e la collocò in cielo.


Dorado - Doradus, (Dor)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Caelum, Horologium, Reticulum, Hydrus, Mensa, Volans, Pictor

Stelle principali :

  • α (alfa)Doradus, mag. 3.3, è una stella bianco-azzurra distante 190 a.l.
  • β (beta) Dor, una supergigante gialla distante 7500 a.l. Pulsa tra mag. 3.8 e 4.7 con un periodo di 9 giorni e 20 h.

Oggetti notevoli:

  • Grande nube di Magellano. È una mini-galassia distante 180,000 a.l., satellite della nostra Galassia. Le stime della sua massa differiscono notevolmente tra di loro; secondo alcuni calcoli sarebbe circa un decimo di quella della nostra Galassia e conterrebbe 10,000 milioni di stelle. A occhio nudo la si vede come una macchia nebulosa dal diametro di 6, 12 volte il diametro apparente della Luna. Con un binocolo o un telescopio si possono vedere singole stelle, nebulose e ammassi stellari. Dentro la Grande Nube si trova una delle più grande nebulose note, la Nebulosa Tarantola. Al suo centro si trova un ammasso di stelle supergiganti.
  • NGC 2070 la Nebulosa Tarantola, è una nube di idrogeno dal diametro di circa 1000 a.l., nella Grande nube di Magellano. A occhio nudo appare come una vaga stella, nota anche come 30 Doradus. Al centro della nebulosa c'è un ammasso di decine di stelle supergiganti, la cui luce fa risplendere la nebulosa; si sospetta che una di queste stelle abbia una massa di circa 1000 volte quella del Sole. La Tarantola è più grande e brillante di qualsiasi altra nebulosa nella Via Lattea.

Note: Costellazione non molto estesa situata tra il Pittore ed il Reticolo.

Mitologia: Questa costellazione fu disegnata dai navigatori olandesi P. Keyser e F. de Houtman verso la fine del 1500. Rappresenta un pesce dorato. . Al suo interno però è contenuto un oggetto celeste di notevole importanza, la Grande nube di Magellano.


Drago - Draco, (Dra)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Boötes, Hercules, Lyra, Cygnus, Cepheus, Ursa Minor, Camelopardalis, Ursa Major

Stelle principali :

  • α (alfa)Dra (Thuban), mag. 3.7. è una stella bianca distante 230 a.l. Nel 2800 a.C. era la stella polare, ma ha lasciato questo posto all'attuale Polaris per effetto della precessione.
  • β (beta)Dra (Rastaban o Alwaid), mag. 2.8, è una supergigante gialla distante 270 a.l.
  • γ (gamma) Dra (Eltanin, la testa del drago), mag. 2.2. la stella più brillante della costellazione, è una gigante arancione distante 100 a.l.
  • μ (mu)Dra (Arrakis), distante 85 a.l., è una doppia stretta con componenti entrambe di mag. 5.8 e di color crema. Per separare le due stelle, che orbitano l'una intorno all'altra con un periodo di 480 anni, è necessaria un'apertura di almeno 100 mm e un forte ingrandimento.
  • ν (nu)Dra, distante 120 a.l., è una coppia di stelle bianche di mag. 4.9, visibili anche con i più modesti telescopi, ed è considerata come una delle più belle doppie visuali.
  • ο (omicron) Dra, distante 400 a.l., è una stella gialla di mag. 4.7 con una compagna di mag. 8.2 visibile con un piccolo telescopio.
  • ψ (psi)Dra, distante 75 a.l., è una stella gialla di mag. 4.6 con una compagna gialla di mag. 5.8 visibile con un piccolo telescopio o un buon binocolo.
  • 16-17 Dra, è una coppia larga di stelle bianco-azzurre di mag.5, distanti 330 a.l., facilmente visibili con un binocolo. Con un'apertura di 60 mm e un forte ingrandimento si può vedere che una delle due stelle ha a sua volta una compagna di mag. 6.6.
  • 39 Dra, distante 170 a.l., è un altro bel sistema triplo, le cui due componenti più brillanti, di mag. 5.0 e 7.1, appaiono nei binocoli come una binaria larga gialla e blu. Con un'apertura di almeno 60 mm e un forte ingrandimento si può vedere che la stella più brillante ha una compagna di mag. 7.7.

Oggetti notevoli:

  • NGC 6543 distante 1700 a.l., è una nebulosa planetaria di mag. 9, una delle più brillanti. Nei telescopi per dilettanti appare come un disco irregolare verde-azzurro, simile a una stella sfocata.

Note: Costellazione alquanto lunga che copre una ampia area situata presso il Polo Nord Celeste. È facilmente individuabile per la sua vicinanza alla Stella Polare.

Mitologia: Il Drago venne scagliato in cielo da Minerva, dea della saggezza, durante la battaglia contro i Titani. Qui si avvinghiò al Polo Nord Celeste e si congelò in tale posizione. Un' altra storia dice che il Drago fu posto da Era a guardia dei pomi d'oro nel giardino delle Esperidi. In particolare doveva impedire a Ercole di portare a termine la sua undicesima fatica che consisteva proprio nel recuperare i pomi d'oro. Ercole, consapevole della invincibilità del Drago, chiese aiuto ad Atlante, l'unico immune alla sua forza; Atlante riuscì facilmente nell'impresa. Come punizione per il suo fallimento, Era pose il Drago in cielo eternamente a guardia del Polo Celeste.


Ercole - Hercules, (Her)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Draco, Boötes, Corona Borealis, Serpens, Ophiuchus, Aquila, Sagitta, Vulpecula, Lyra

Stelle principali :

  • α (alfa)Her(Ras Algethi), mag 3,1distante 540 a.l., è una supergigante rossa con un diametro circa 600 volte quello del Sole, che ne fa una delle più grandi stelle. Come la maggior parte delle giganti rosse, è una variabile irregolare, fluttuante (mag. 3 e 4). In realtà è una stella doppia, con una compagna verde-azzurra di mag. 5.4, visibile con un piccolo telescopio.
  • β (beta)Her, mag. 2.8, è una gigante gialla distante 100 a.l.
  • γ (gamma)Her, mag. 3.8, è una stella bianca distante 140 a.1., con una compagna larga di mag. 10 visibile con un piccolo telescopio.
  • δ (delta)Her, mag. 3.1, è una stella bianca distante 91 a.l. Con un piccolo telescopio si può vedere accanto ad essa una stella di mag. 8.8. con cui non ha però alcun legame fisico.
  • ζ (zeta) Her, distante 31 a.l., è una stella gialla di mag. 3.1, con una compagna stretta rossa di mag. 5.6 che le ruota intorno con un periodo orbitale di 34 anni. Le due stelle hanno raggiunto la massima distanza reciproca verso la fine del 1990, ma anche allora per separarle era necessaria un’apertura di 100 mm.
  • κ (kappa)Her, distante 280 a.l., è una gigante gialla di mag. 5.0, con una compagna di mag. 6.3 facilmente visibile con un piccolo telescopio.
  • ρ (rho)Her, distante 170 a.l., è una stella bianco-azzurra di mag. 4.5, con una compagna di mag. 5.5 visibile con un piccolo telescopio.
  • 95 Her, distante 470 a.l., è uno doppia visibile con un piccolo telescopio, con componenti di mag. 5.2 e 5.1, di colore oro e argento.

Oggetti notevoli:

  • M 13 (NGC 6205) è un ammasso globulare di 300,000 stelle, il più luminoso del suo tipo nell’emisfero boreale. É visibile a occhio nudo ed è inconfondibile se osservato con un binocolo. L’ammasso si trova a una distanza di 22,500 a.l., e ha un diametro di almeno 100 a.l. Con un piccolo telescopio è possibile risolverne singole stelle.
  • M 92 (NGC 6341) distante 36,000 a.l., è un ammasso globulare solo di poco inferiore rispetto al suo famoso vicino, M 13, che lo sopravanza per splendore. M 92 è facilmente visibile con un binocolo. É più denso al centro di M 13 e per risolverne le stelle è necessario un telescopio più grande.
  • NGC 6210 è una nebulosa planetaria di mag.10, visibile con un telescopio di 75 mm o più come una ellisse verde-azzurra.

Note: Costellazione alquanto estesa a forma di farfalla, posta tra la Corona Boreale e la Lira.

Mitologia: Ercole era figlio di Zeus e della donna Alcmene, nipote di Perseo ed Andromeda. Era, la dea moglie di Zeus, lo odiava in quanto prova vivente dell'infedeltà del marito e tentò più volte ad ucciderlo fin da piccolo.Dotato di una forza sovrumana, Ercole compì numerose imprese eroiche; tra queste liberò Tebe dai nemici ed in premio ebbe la mano di Megara, principessa di Tebe. Ma Era riuscì a renderlo temporaneamente pazzo, abbastanza da spingerlo ad uccidere la moglie e i suoi tre figli. Per questa terribile colpa, Ercole fu condannato ad essere schiavo di Euristeo, re di Micene, il quale, dopo essersi consultato con Era, gli assegnò 12 missioni mortali note poi come le 12 fatiche di Ercole. Tra queste ci furono lotte terribili contro il Leone, l'Idra ed il Drago. Ercole riuscì comunque a compiere tutte le imprese guadagnandosi il perdono e tornando ad essere un uomo libero. Anticamente rappresentata con un uomo inginocchiato su un drago celeste. Altre leggende lo identificano come super uomo sumero, Gilgamesh. Questa costellazione è molto interessante in quanto contiene parecchi oggetti celesti interessanti.


Eridano - Eridanus, (Eri)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Cetus, Fornax Phoenix, Horologium, Caelum, Lepus, Orion, Taurus

Stelle principali :

  • α (alfa)Eridani (Achernar), mag. 0.5, una stella bianco-azzurra distante 85 a.l.
  • β (beta)Eri (Cursa, "sgabello", in riferimento alla sua posizione sotto un piede di Orione), mag. 2.8, è una stella bianco-azzurra distante 91 a.I.
  • ε (epsilon) Eri, mag. 3.7, una nana gialla distante 7 a.l., è una delle stelle vicine più simili al Sole. Si ritiene che sia accompagnata da un grande pianeta o da una stella molto piccola, ed è stata oggetto di molti tentativi di ascolto di messaggi radio interstellari, ma senza risultato.
  • θ (theta) Eri (Acamar), distante 55 a.l., è una straordinaria coppia di stelle bianco-azzurre di mag. 3.2 e 4.4, visibili con un piccolo telescopio.
  • ο2 (omicron2)Eri, chiamata anche 40 Eridani, distante 15.9 a.l., è una interessante stella tripla. Con un piccolo telescopio si può vedere che la principale gialla di mag. 4.4, una stella simile al Sole, ha una compagna larga, una nana bianca di mag. 9.6, la nana bianca più facilmente visibile del cielo. Con un'apertura di almeno 75 mm si può vedere che la nana bianca ha una compagna di 11a magnitudine, una nana rossa.
  • 32 Eri, distante 220 a.l. è una bella doppia, costituita da una stella gialla di mag. 5 e da una stella bianco-azzurra di mag. 6.3, visibile con un piccolo telescopio.

Oggetti notevoli:

  • NGC 1535 è una piccola nebulosa planetaria di 9a magnitudine distante 2150 a.l. È visibile con un piccolo telescopio, ma per apprezzarne il disco grigio-azzurro è necessaria un'apertura di 150 mm.

Note: Lunga costellazione che si estende da Orione sino al Tucano. Questa costellazione è molto grande, ma poco nota anche per via della sua scarsa luminosità. E' inquadrata fra la costellazione del toro a nord e quella di hydrus a sud. Mitologicamente Eridano è raffigurato come il fiume in cui perse la vita Fedonte, tentando di guidare il carro del padre, il dio Sole.

Mitologia: Eridano è il fiume nel quale cadde Fetonte, figlio di Apollo, colpito a morte dal fulmine di Zeus, come descritto nel mito della costellazione del Cigno.


Fenice - Phoenix, (Phe)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Forrnax, Eridanus, Horologium, Reticulum, Hydrus, Tucana, Grus, Sculptor

Stelle principali :

  • α (alfa)Phe, (Ankaa) 2.4, è una gigante gialla distante 78 a.l.
  • β (beta)Phe, distante 130 a.l., appare a occhio nudo come una stella gialla di mag. 3.3. In realtà è una doppia stretta, con componenti ben appaiate, entrambe di mag. 4.1, separabili con un’apertura di 100 mm.
  • γ (gamma)Phe, mag. 3.4, è una supergigante rossa distante 910 a.l.
  • ζ (zeta)Phe, distante 220 a.l., è una complessa stella multipla e variabile. La stella principale è una variabile a eclisse, di colore bianco-azzurro, che fluttua intorno alla mag. 4 con un periodo di 1.67 giorni. Ha una compagna di mag. 8.2, visibile con un piccolo telescopio. C’è anche una compagna molto più stretta, visibile solo con un’apertura di più di 200 mm.

Oggetti notevoli:

  • Non contiene oggetti particolarmente rilevanti.

 

Note: Costellazione mediamente estesa e posta vicino alla luminosa stella α(alfa) della costellazione Eridano.

Mitologia: Introdotta nel 1603 dall'astronomo J. Bayer, questa costellazione rappresenta il mitico uccello che, dopo aver vissuto 500 anni, si lascia morire per poi rinascere dalle sue ceneri


Fornace - Fornax, (For)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Cetus , Sculptor , Phoenix, Eridanus, Caelum, Horologium

Stelle principali :

  • α (alfa) For, distante 46 a.l., una stella gialla di mag. 4.2 con una compagna stella di mag. 6.6.
  • β (beta) For, mag. 4.5, è una gigante gialla distante 200 a.l.

Oggetti notevoli:

  • Va citato il cosiddetto "Sistema della Fornace", un sistema stellare molto più grande di un ammasso globulare ma molto più piccolo di una galassia ellittica. Dista circa mezzo milione di anni luce.
  • Al suo interno possiamo trovare una galassia ellittica nana del gruppo locale, che dista circa 800.000 a.l. dalla nostra galassia. Difficilmente osservabile con un telescopio non professionale, ha una magnitudine di 13a classe, il nome della galassia NGC 1049.

Note: Debole costellazione per lo più avvolta dalla figura disegnata dalle stelle della costellazione Eridano.

Mitologia: Costellazione moderna introdotta da Lacaille nel 1792 inizialmente con il nome di Fornello Chimico.


Gemelli - Gemini, (Gem)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Lynx, Auriga, Taurus, Orion, Monoceros, Canis Minor, Cancer

Stelle principali :

  • α (alfa)Gem (Castor), distante 45 a.l., è una straordinaria stella multipla, con sei componenti. ed è la ventitreesima stella in apparenza più luminosa del cielo A occhio nudo è visibile come una stella bianco-azzurra di mag. 1.6. Un telescopio di 60 mm con un forte ingrandimento separa Castor in due componenti strette, di mag. 2.0 e 2.9, che orbitano l'una intorno all’altra con un periodo di 420 anni. La distanza tra queste due stelle sta aumentando, e sarà quindi sempre più facile separarle, fin verso l’anno 2065, quando cominceranno a riavvicinarsi. Entrambe queste stelle sono binarie spettroscopiche. Con un piccolo telescopio si può vedere anche una compagna larga di Castor, una nana rossa di mag. 9, che in realtà è una binaria a eclisse.
  • β (beta) Gem (Pollux), mag. 1.1, è la stella più brillante della costellazione, è la diciassettesima stella in apparenza più luminosa del cielo. Alcuni astronomi suppongono che Pollux, essendo chiamato β(beta) Geminorum, fosse originariamente più debole di Castor e che in seguito la sua luminosità sia aumentata (o quella di Castor sia diminuita); ma la realtà è che Johann Bayer, che etichettò le stelle con le lettere greche nel 1603, non era in grado di distinguere con precisione quale stella fosse la più brillante. Pollux è una gigante arancione distante 85 a.l.
  • γ (gamma) Gem, mag. 1.9, è una stella bianco-azzurra distante 85 a.l.
  • δ( delta) Gem, distante 59 a.l., è una stella bianco-crema di mag. 3.5, che ha per compagna una nana arancione di mag. 8.1. Il contrasto di luminosità rende difficile separare le due stelle con aperture inferiori ai 75 mm.
  • ε (epsilon) Gem, mag. 3.0. una supergigante gialla distante 680 a.l. Con un potente binocolo o un piccolo telescopio, si può vedere una compagna larga di mag. 9.
  • ζ (zeta) Gem, distante 1500 a.l., è contemporaneamente una stella variabile e una doppia ottica. La stella principale, una supergigante gialla, è una variabile cefeide che fluttua tra mag. 4.4 e 5.2 con un periodo di circa 230 giorni. Il suo periodo sembra diminuire di 3-4 secondi all’anno.
  • η (eta) Gem, distante 190 a.l., è un’altra doppia variabile. È una gigante rossa e fluttua con un andamento semiregolare fra le magnitudini 3.1 e 3.9 ogni 230 giorni circa. Ha anche una compagna stretta di mag. 8, che può essere separata dalla stella principale soltanto con un grande telescopio.
  • κ (kappa) Gem, distante 150 a.l., è una gigante gialla di mag. 3.6 con una compagna di mag. 9.5 difficile da vedere con un piccolo telescopio a causa dell’estrema differenza di luminosità.
  • ν (nu) Gem, mag. 4.2, è una stella bianco-azzurra distante 360 a.l., con una compagna larga di mag. 9 visibile con un binocolo o un piccolo telescopio.
  • 38 Gem, distante 85 a.l., è una stella doppia, visibile con un piccolo telescopio, con componenti bianca e gialla di mag. 4.7 e 7.6.

Oggetti notevoli:

  • M 35 (NGC 2168) distante 2600 a.l., è un ammasso stellare grande e brillante, visibile a occhio nudo o con un binocolo, che copre un’area di cielo maggiore di quella della Luna. È formato da circa 120 stelle. Anche con un piccolo telescopio e un modesto ingrandimento si può vedere che le stelle di questo ammasso sono disposte in catene ricurve. Apparentemente vicino ad esso, ma in realtà a circa 14,000 a.l. di distanza, si trova NGC 2158, un ammasso stellare molto ricco, che appare come una piccola, debole macchia di luce, per distinguere la quale è necessaria un’apertura di almeno 100 mm.
  • NGC 2392 distante 1400 a.l., è una nebulosa planetaria di ottava magnitudine, chiamata Eschimese per la forma con cui appare nei grandi telescopi. La sua stella centrale è di decima

Note: Prominente costellazione zodiacale dalla forma rettangolare. Usualmente le lettere greche assegnate alle stelle sono legate alla loro luminosità con la alpha che indica la più brillante, la β(beta) la seconda più brillante e così via. Castore rappresenta una eccezione : benché designata con la alpha risulta meno luminosa di Polluce, ovvero la β(beta) dei Gemelli. Ad occhio nudo tuttavia appaiono praticamente identiche, a parte una certa differenza nel colore, da cui l'errore.

Mitologia: Questa costellazione rappresenta Polluce e Castore, gemelli nati da Giove e Leda, una donna mortale; solo Polluce godeva tuttavia dell'immortalità come il suo padre divino. Entrambi si unirono agli Argonauti guidati da Giasone alla ricerca del Vello d'Oro. Durante il viaggio si scatenò un tremendo uragano che rischiava di affondare la nave quando improvvisamente apparve una luce sopra le teste dei due gemelli (il fuoco di Sant'Elmo); all'istante la tempesta si placò. Ai gemelli venne attribuito il merito di aver salvato la nave e la loro figura dipinta sulle navi venne considerata di buon auspicio dai marinai. Successivamente Castore venne ucciso in battaglia e Polluce, distrutto dal dolore, chiese a Giove di poter rinunciare alla sua immortalità per raggiungere il fratello nell'Ade. Commosso da tanta devozione, Giove pose i gemelli nel cielo. I gemelli sono dall'antichità patroni dei navigatori


Giraffa - Camelopardalis, (Cam)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Draco, Ursa Minor, Cepheus, Cassiopeia, Perseus, Auriga, Lynx, Ursa Major

Stelle principali :

  • α (alfa) Cam, mag. 4.3, è una supergigante azzurra distante 2800 a.l.
  • β (beta) Cam, mag. 4.0, è la stella più brillante della costellazione. É una supergigante gialla distante 1500 a.l. Ha una compagna larga di mag. 9, visibile con un piccolo telescopio o anche con un buon binocolo.
  • ε (epsilon) Cam 1694 (Struve 1694), distante 400 a.l., è una coppia di stelle bianche di mag. 5.3 e 5.8, facilmente risolubili con un piccolo telescopio.

Oggetti notevoli:

  • NGC 1502 è un piccolo ammasso di circa 15 stelle, visibile con un binocolo o un piccolo telescopio, di forma pressoché triangolare e con al centro due stelle doppie facilmente risolubili. È distante 3750 a.l.
  • NGC 2403 distante 11 milioni di a.l., è una galassia spirale di mag. 9 lunga circa 0.33°, facilmente visibile come una macchia luminosa ellittica con un telescopio di 100 mm.
  • NGC 2523 in Camelopardalis, è una galassia spirale barrata dalla forma curiosa. Essendo della mag. 13, è al di là della portata dei telescopi per dilettanti.

Note: Costellazione alquanto debole posta tra Cassiopea e l'Orsa Maggiore.

Mitologia: È una costellazione moderna inventata dall'astronomo e teologo olandese Petrus Plancius nel 1613. Ma fu resa nota al pubblico nel 1624 per merito di un famoso matematico tedesco di nome Jakob Bartsch. Rappresenta l'animale biblico cavalcato da Rebecca per recarsi a Canaan a sposare Isacco.


Gru - Grus, (Gru)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Piscis Austrinus, Microscopium, Indus, Tucana, Phoenix, Sculptor

Stelle principali :

  • α (alfa)Gru (Alnair, "la brillante"), mag. 1.7, è una stella bianco-azzurra distante 91 a.l.
  • β (beta)Gru, mag. 2.1, è una gigante rossa distante 270 a.l.
  • γ (gamma)Gru, mag. 3.0, è una stella bianco-azzurra distante 230 a.l.
  • δ (delta)Gru è una doppia visibile a occhio nudo; si ritiene che le due componenti si trovino a distanze molto diverse e che quindi non abbiano alcun legame fisico. δ(delta)1, di mag. 4.0, una gigante gialla distante 140 a.l.; δ (delta)2 è una stella rossa di mag. 4.1, la cui distanza è incerta.
  • μ (mu)Gru è una coppia di stelle, visibili a occhio nudo, che si trovano per caso allineate sulla stessa visuale. Mu1 è una gigante gialla di mag. 4.8, distante 260 a.l.; mu2 è una gigante gialla di mag. 5.1 distante 280 a.l.

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti particolarmente rilevanti.

Note: Costellazione ben delineata dalle sue stelle che ci appaiono particolarmente luminose. La forma può ricordare quella di una gru in volo con il collo allungato.

Mitologia: Costellazione disegnata dai navigatori olandesi P. Keyser e F. de Houtman alla fine del 1500 ed è stata inserita dall'astronomo Johann Bayer nel 1603, raffigura un uccello acquatico, la gru per l'esattezza o per altri un fenicottero.


Idra - Hydra, (Hya)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Sextans, Crater, Picdy, Antrlia, Centaurus, Virgo, Corpus, Cancer, Puppis

Stelle principali :

  • α (alfa)Hydrae (Alphard, "la solitaria"), mag. 2.0, è una gigante arancio distante 130 a.l.
  • β (beta)Hya, mag. 4.3, è una stella bianco-azzurra distante 270 a.l.
  • γ (gamma)Hya, mag. 3.0, è una gigante gialla distante 105 a.l.
  • δ (delta)Hya, mag. 4.2, è una stella bianco-azzurra distante 140 a.l.
  • ε (epsilon)Hya, distante 110 a.l., è una bella ma difficile stella doppia dai colori contrastanti, che richiede un’apertura di almeno 75 mm e un alto potere di risoluzione. Le stelle sono di colore giallo e azzurro, di mag. 3.5 e 6.9.
  • 54 Hya, distante 150 a.l., è una doppia con componenti gialla e purpurea di mag. 5.2 e 7.1, facilmente visibili con un piccolo telescopio.
  • ρ (rho)Hya, distante 330 a.l., è una gigante rossa variabile simile a Mira Ceti. Essa fluttua tra la mag. 4 e 10 con un periodo di 386 giorni.
  • υ (upsilon)Hya è una stella variabile di colore rosso cupo che fluttua irregolarmente tra mag. 4.8 e 5.8. La sua distanza è incerta.

Oggetti notevoli:

  • M 48 (NGC 2548) distante 3000 a.l., è un ammasso di circa 80 stelle, a malapena visibile ad occhio nudo ma facilmente visibile con un binocolo. Ha una forma più o meno triangolare e copre un’area di cielo equivalente alla grandezza apparente della Luna. Si può vedere bene con i telescopi per dilettanti con un basso ingrandimento.
  • M 83 (NGC 5236) è una grande galassia spirale di mag. 8, vista di faccia, visibile con un piccolo telescopio. Ha un nucleo brillante e i suoi bracci si possono distinguere con un telescopio di 150 mm.
  • NGC 3242 è una nebulosa planetaria di mag. 9, di grandezza apparente simile a quella di Giove. Questo oggetto distante 1900 a.l., spesso trascurato, è abbastanza luminoso da poter essere visto con un piccolo telescopio a basso ingrandimento come un disco verde-azzurro; con un telescopio più grande si vede un disco interno brillante circondato da un alone più debole.

Note: È una delle più estese costellazioni cominciando dal Cane Minore, passando vicino il Corvo e la Vergine, e finendo poco prima della Bilancia.

Mitologia: L'Idra era un serpente d'acqua a molte teste che viveva nelle paludi di Lerna. La seconda fatica di Ercole consisteva nell'uccidere questo mostro; ma al posto di ogni testa tagliata ne ricrescevano due.Ercole si accorse allora che tagliando una testa e cauterizzando la ferita con la fiamma di una torcia, le teste non potevano più ricrescere e così fece sino a rimanere con l'ultima testa, dotata di immortalità. Prontamente Ercole la recise e subito la imprigionò sotto una grossa roccia.


Idra Australe - Hydrus, (Hyi)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Horologium, Tucana, Mensa, Eridanius, Reticulum, Dorado, Octans

Stelle principali :

  • α (alfa)Hydri, mag. 2.9. è una stella bianca distante 36 a.l.
  • β (beta)Hyi, mag. 2.8, è una stella gialla distante 21 a.l.
  • γ (gamma)Hyi, mag. 3.2, è una gigante rossa distante 160 a.l.
  • π (pi)Hyi è una doppia ottica formata da due stelle di mag. 5.5, una rossa e una arancione. π1 (pi1) è distante 400 a.l.; pi2 dista 520 a.l.

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti particolarmente rilevanti.

Note: Piccola costellazione poco evidente vicina al Polo Sud Celeste. Questa costellazione fu inserita da Johann Bayer nel 1603 come controparte dell'idra australe. E' inserita fra le due nubi di Magellano. Per gli astrofili non è per nulla significativa.

Mitologia: Costellazione disegnata dai navigatori olandesi P. Keyser e F. de Houtman alla fine del 1500.


Indiano - Indus, (Ind)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Telescopium, Grus, Microscopium, Tucana, Pavo, Octans

Stelle principali :

  • α (alfa)Ind, mag. 3.1, una gigante arancione distante 120 a.l.
  • β (beta)Ind, mag. 3.7, è una gigante arancione distante 270 a.l.
  • δ (delta)Ind, mag. 4.4, è una stella bianca distante 110 a.l.
  • ε (epsilon)Ind, mag. 4.7, è una nana gialla simile al Sole ma un po’ più piccola e più fredda; situata a una distanza di 11,2 a.l., una delle stelle più vicine.
  • θ (theta)Ind, distante 91 a.l., è una coppia di stelle di mag. 4.6 e 7.0, separabili con un piccolo telescopio.

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti di particolare importanza.

Note: Piccola e alquanto debole costellazione vicina al Polo Sud Celeste.

Mitologia: Costellazione disegnata dai navigatori olandesi P. Keyser e F. de Houtman alla fine del 1500 Rappresenta un indiano armato di frecce intento nella caccia. fu inserita nel 1603 nell'atlante stellare di Johann Bayer.


Leone - Leo,(Leo)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Ursa Major, Leo Minor, Cancer, Hydra, Sextans, Crater, Virgo, Coma Berenices

Stelle principali :

  • α (alfa) Leo (Regulus), mag. 1.4, è una stella bianco-azzurra distante 85 a.l. Ha una compagna larga di mag. 7.6, visibile con un binocolo o un piccolo telescopio, giace molto vicina all'eclittica tanto da essere occasionalmente occultata dalla Luna..
  • β (beta) Leo (Denebola, coda del leone), mag. 2.1, è una stella bianca distante 42 a.l.
  • γ (gamma) (Algieba, la criniera), distante 100 a.l., è costituita da una coppia di stelle giganti giallo-oro di mag. 2.3 e 3.5, che orbitano l’una intorno all’altra con un periodo di 620 anni, una delle più belle doppie di tutto il cielo, stupenda da osservare con un piccolo telescopio. Con un binocolo si può vedere una compagna gialla di mag. 5, senza alcun legame fisico con le prime due.
  • δ( delta) Leo (Zosma), mag. 2.6, è una stella bianco-azzurra distante 52 a.l.
  • ε (epsilon) Leo, mag. 3.0, è una gigante gialla distante 310 a.l.
  • ζ (zeta) Leo, mag. 3.4, è una stella bianco-azzurra distante 120 a.l. Fa parte di una tripla ottica, le cui due altre componenti, visibili con un binocolo, sono una stella arancione di mag. 5.8 e un stella, più lontana, di mag. 6.0.
  • ι (iota) Leo, distante 78 a.l., è una doppia stretta e difficile da separare. A occhio nudo, la si vede come una stella bianco-azzurra di mag. 4.0, ma in realtà è costituita da due stelle di mag. 4.1 e 7.0, che orbitano l’una intorno all’altra con un periodo di 200 anni. Attualmente le due stelle stanno scostandosi e un’apertura di 150 mm dovrebbe essere sufficiente per separarle.
  • ρ (rho) Leo, distante più di 3000 a.l., è una gigante rossa variabile del tipo Mira Ceti. Essa varia tra mag. 5.4 e 10.5 con un periodo di 313 giorni.

Oggetti notevoli:

  • M 65, M 66 (NGC 3623, NGC 3627) sono una coppia di galassie spirali, distanti 22 milioni di a.l. Rispettivamente di mag. 9 e 8., sono visibili, in condizioni favorevoli con un buon binocolo, ma, per vederne chiaramente la forma allungata e i densi nuclei è necessaria un’apertura di almeno 100 mm a un basso ingrandimento.
  • M 95, M 96 (NGC 3351, NGC 3368) sono una coppia di galassie spirali di mag. 10 e 9., rispettivamente, distanti 22 milioni di a.l., e visibili con un piccolo telescopio come nebulosità di forma circolare. A circa 1° di distanza si trova M 105 (NCC 3379), una galassia ellittica di mag. 9.

Note: Costellazione zodiacale tra le più evidenti, è una delle poche ad avere una forma che richiama l'animale mitologico che intende rappresentare. Questa costellazione è molto grande e luminosa, e contiene tante stelle e alcune galassie molto interessanti. Le meteoriti leonidi cadono il 17 novembre, spesso si riescono a scorgere fino a 100.000 meteoriti all'ora.

Mitologia: Un grosso leone, caduto come una meteora dal cielo, minacciava l'intera valle di Nemea e né frecce o spade potevano ferirlo. La prima fatica di Ercole fu proprio uccidere tale mostro; solo dopo ben 30 giorni di lotta riuscì a vincerlo, soffocandolo. Alcune leggende dicono che Ercole scagliò il Leone da dove era venuto, ovvero nel cielo, dove rimane ancora oggi.


Leone Minore - Leo Minor, (LMi)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Ursa Major, Lynx, Cancer, Leo

Stelle principali :

  • 46 LMi (Praecipua) mag. 3,83 (in latino "la principale"), è una gigante arancione distante 75 a.l. Non è stata assegnata la lettera α (alfa), probabilmente per una dimenticanza. Oggi tale stella viene identificata con il numero 46, secondo la catalogazione dell'astronomo Flamsteed.

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti rilevanti.

Note: Piccola costellazione posta poco sopra la schiena del Leone. Questa costellazione si trova fra quella del leone e l'orsa maggiore, fu inserita alla fine del XVII secolo da Johannes Hevelius.

Mitologia: Disegnata nel 1687 dall'astronomo Hevelius.


Lepre - Lepus, (Lep)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Orion, Columba, Monoceros, Canis Maior, Caelum, Eridanus

Stelle principali :

  • α (alfa) Lep (Arneb, la lepre), mag. 2.6, è una supergigante giallo-bianca, distante 950 a.l.
  • β (beta) Lep, mag. 2.8, è una gigante gialla distante 320 a.l.
  • γ (gamma) Lep, distante 27 a.l., è un’attraente doppia, formata da una stella gialla di mag. 3.8 con una compagna arancione di mag. 6.4. È visibile con un binocolo.
  • δ (delta) Lep, mag. 3.8, è una gigante gialla distante 160 a.l.
  • ε (epsilon) Lep, mag. 3.2, è una gigante arancione distante 160 a.l.
  • κ (kappa) Lep, distante 420 a.l., è una stella bianco-azzurra di mag. 4.5, con una compagna stretta di mag. 7.5, difficile da vedere con un piccolo telescopio a causa del contrasto di magnitutine.
  • ρ(rho) Lep, è una stella di colore rosso intenso, chiamata Stella cremisi di Hind, dal nome dell’astronomo inglese che la descrisse, nel 1845, come "una goccia di sangue su un campo nero". ρ(ro) Lep varia tra la mag. 6e 10con un periodo di circa 430 giorni.

Oggetti notevoli:

  • M 79 (NGC 1904) è un piccolo ma ricco ammasso globulare distante 43,000 a.l., visibile con un piccolo telescopio come una vaga stella di mag. 8. Nei paraggi si trova la stella multipla Herschel 3752, formata da una stella principale di mag. 5.5 e due compagne, una larga di mag. 9 e una stretta di mag. 6.7, tutte visibili con un piccolo telescopio.
  • NGC 2017 è un piccolo ma interessante ammasso stellare, noto anche come stella multipla Herschel 3780. Con i telescopi per dilettanti si può vedere un gruppo di 5 stelle, che vanno dalla mag. 7 alla 10. Due di queste stelle sono binarie strette ma, per separarle, è necessaria un apertura di almeno 100 mm.

Note: Piccola costellazione posta immediatamente sotto Orione e molto vicina lla Via Lattea.

Mitologia: La lepre è in stretta connessione con Orione il cacciatore, che si trova proprio sopra di lei. Mentre Orione è impegnato ad attaccare il Toro, i suoi cani, il Maggiore ed il Minore, sembrano inseguire la lepre che però eternamente gli sfugge grazie alla sua rapidità.


Lince - Lynx, (Lyn)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Ursa Major, Camelopardalis, Auriga, Gemini, Cancer, Leone, Leo Minor

Stelle principali :

  • α (alfa)Lyn, mag. 3.1, è una gigante rossa distante 170 a.l.
  • 5 Lyn, distante 330 a.l., è una gigante arancione di mag. 5.2 con una compagna ottica di mag. 8, visibile con un piccolo telescopio.
  • 12 Lyn, distante 180 a.l., è un’affascinante stella tripla. Con un piccolo telescopio è visibile una stella bianco-azzurra di mag. 4.9 con una compagna di mag. 8.5. Con un’apertura di almeno 75 mm, si può vedere che la stella più brillante è una doppia stretta, con componenti di mag. 5.4 e 6.0.
  • 15 Lyn, distante 105 a.l., è una doppia stretta visibile solo con un telescopio di almeno 150 mm. Le stelle sono di mag. 4.9 e 6.1; quella più brillante appare di colore giallo scuro.
  • 19 Lyn, distante 420 a.l., è un’attraente stella doppia, visibile con un piccolo telescopio, con componenti di mag. 5.6 e 6.5. C’è anche una stella di mag. 8, molto discosta, che forse fa parte dello stesso sistema.
  • 38 Lyn, distante 88 a.l., è una coppia di stelle di mag. 4 e 6, difficili da vedere con un piccolo telescopio a causa della loro vicinanza.
  • 41 Lyn, distante 68 a.l., è in realtà oltre il confine della costellazione, in Ursa major. È una stella gialla di mag. 5.4, con una compagna larga di mag. 7.8, visibile con un piccolo telescopio. Nei pressi c’è una stella di mag. 10, a formare una tripla apparente.

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti rilevanti.

Note: Costellazione poco nota e altrettanto poco luminosa, nonostante le grandi dimensioni nel cielo. Inserita nella volta celeste nel XVII secolo da Johannes Hevelius per coprire un "buco" fra Ursa Major e Auriga. Sicuramente poco luminosa ma nonostante tutto contiene discreti corpi celesti, come alcune stelle doppie molto belle.

Mitologia: Il nome Lynx si pensa sia stato dato perché soltanto chi ha una vista da lince può riuscire a scorgerne le stelle


Lira - Lyra, (Lyr)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Draco, Hercules, Vulpecula, Cygnus

Stelle principali :

  • α (alfa) Lyr (Vega), mag. 0.03, è una splendente stella bianco-azzurra distante 26 a.l., è la stella che ci appare più luminosa nel cielo d'estate e la quinta in apparenza più luminosa tra tutte. Vega, forma anche il vertice del Triangolo Estivo (gli altri due sono Deneb in Cygnus e Altair in Aquila)
  • β (beta) Lyr (Sheliak), distante 1100 a.l., è una notevole stella tripla. Con un piccolo telescopio è facilmente risolubile in una stella doppia con componenti crema e blu. La stella più debole (quella blu) è di mag. 7.8; quella più brillante è una binaria a eclisse che varia tra mag. 3.4 e 4.3 con un periodo di 12,9 giorni. Queste variabili a eclisse sono binarie tanto strette che la gravità fa loro assumere una forma fortemente ellittica, mentre spirali di gas si disperdono nello spazio.
  • γ (gamma) Lyr, mag. 3.2, è una stella bianco-azzurra distante 190 a.l.
  • δ (delta) Lyr è una doppia ottica, visibile a occhio nudo o con un binocolo, costituita da una stella bianco-azzurra di mag. 5.6, distante 880 a.l., e da una gigante rossa, distante 720 a.l., che varia irregolarmente tra mag. 4.5 e 6.5.
  • ε (epsilon) Lyr, distante 120 a.l., è una celebre stella quadrupla comunemente chiamata Doppia doppia. È facilmente separata in due stelle di mag. 4.7 e 5.1 con un binocolo o anche a occhio nudo. Con un’apertura di 60-75 mm e un forte ingrandimento, si può vedere che ciascuna di queste stelle è una doppia stretta. Le stelle quadruple sono rare, e questa è una delle più belle.
  • ζ (zeta) Lyr, distante 210 a.l., è una doppia, facilmente separata con un piccolo telescopio o un binocolo in due componenti di mag. 4.4 e 5.7.
  • η (eta) Lyr, distante 880 a.l., è una stella bianco-azzurra di mag. 4.4 con una compagna larga di mag. 8.7 visibile con un piccolo telescopio.
  • ρ (rho) Lyr, una stella gigante ai confini con Cygnus, è il prototipo di un’importante classe di variabili usate come termine di riferimento per misurare le distanze nello spazio. Le variabili del tipo RR Lyrae si trovano spesso in ammassi globulari e sono perciò chiamate anche "variabili del tipo degli ammassi". Sono stelle giganti simili alla cefeidi, le cui dimensioni variano di circa una magnitudine, in meno di un giorno. RR lyrae varia tra mag. 7.4 e 8.6 con un periodo di 0.57 giorni.

Oggetti notevoli:

  • M 57 (NGC 6720) la Nebulosa ad anello, è una famosa nebulosa planetaria distante 4100 a.l. Nelle fotografie a lunga esposizione effettuate con grandi telescopi essa somiglia a un anello di fumo. Con un piccolo telescopio la si vede come un disco nebbioso notevolmente ellittico, ma per vederne il buco centrale è necessario un telescopio più grande. È una delle nebulose planetarie più brillanti e le sue dimensioni apparenti sono maggiori di quelle di Giove. M57 fu la prima "nebulosa planetaria" ad essere scoperta (1772): al suo centro si trova una stella nana bianca. Si pensa che l'esplosione di gas sia avvenuta circa 20.000 anni fa.
  • M56 è un ammasso globulare compatto.

 

Note: Piccola ma facilmente riconoscibile costellazione a forma di parallelogramma simile ad un'arpa a due corde. Il Sole come tutte le stelle si muove, e sta portandosi a 20 km al secondo verso Vega. Questo fa si che entro il 14.000 d.C. Vega sarà la nuova stella polare. Da Lyra arrivano anche due sciami meteorici, il primo in aprile (verso il 21-22) e il secondo a giugno (verso il 16) , decisamente più vistoso

Mitologia: Nella mitologia, la Lira rappresenta l'arpa inventata da Mercurio e data ad Apollo che a sua volta la diede al figlio Orfeo.Quest'ultimo suonava una musica così bella da vincere la mano della ninfa Euridice. Sfortunatamente Euridice venne morsa da un serpente velenoso morendo all'istante. Acceccato dal dolore, Orfeo scese nell'Ade implorando Plutone, dio degli Inferi, di restituirgli l'amata; la sua musica era così commovente da spingere Persefone, moglie di Plutone, a convincere il marito. Alla fine Plutone cedette ma ad una condizione: durante la risalita dagli inferi, Orfeo non si sarebbe mai dovuto voltare a guardare Euridice. Purtroppo Orfeo non riuscì a resistere alla tentazione e perse così per sempre la sua amata. Anche dopo la morte di Orfeo, la sua arpa, getta nel fiume Ebro, continuò a suonare sino a qunado Giove non la recuperò per porla tra le stelle.


Lucertola - Lacerta, (Lac)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Andromeda, Cassiopeia, Cepheus, Cygnus, Pegasus

 

Stelle principali :

  • α (alfa) Lac, mag. 3.8, è una stella bianco-azzurra distante 98 a.l.
  • β (beta) Lac, mag. 4.4, è una stella gialla distante 220 a.l.

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti rilevanti.

Note: Piccola e debole costellazione compresa fra Andromeda ed il Cigno.

Mitologia: Introdotta nel 1687 dall'astronomo J. Hevelius che aveva tra l'altro proposto anche il nome alternativo di Stellio il Tritone.


Lupo - Lupus, (Lup)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Norma, Circinus, Centaurus, Libra

Stelle principali :

  • α (alfa) Lup, mag. 2.3, è una gigante blu distante 680 a.l.
  • β (beta) Lup, mag. 2.7, è una stella bianco-azzurra distante 360 a.l.
  • γ (gamma) Lup, mag. 2.8, è una stella bianco-azzurra distante 260 a.l.
  • ε (epsilon) Lup, distante 460 a.l., è una stella multipla, costituita da una stella principale bianco-azzurra di mag. 3.4 con una compagna larga di mag. 9, visibile con un piccolo telescopio. Con un’apertura di 220 mm e un forte ingrandimento, si può vedere che la stella più brillante ha anche una compagna stretta di mag. 6.
  • η (eta) Lup. distante 490 a.l., è una stella doppia formata da una stella principale bianco-azzurra di mag. 3.4, con una compagna di mag. 7.7, non facile da vedere con un piccolo telescopio a causa del contrasto di magnitudine.
  • κ (kappa) Lup, distante 150 a.l., è una stella doppia, facilmente visibile con un piccolo telescopio, con due componenti bianco-azzurre di mag. 3.7 e 5.7.
  • μ (mu) Lup, distante 250 a.l., è una stella multipla. Con un piccolo telescopio si può vedere una stella principale bianco-azzurra di mag. 4.3, con una compagna larga di mag. 7. Con un’apertura di 100 mm e un forte ingrandimento, si può vedere che la stella principale è a sua volta una doppia formata da due stelle di mag. 5.
  • ξ (xi) Lup, distante 160 a.l., è una coppia di stelle bianche di mag. 5.2 e 5.6, chiaramente visibili con un piccolo telescopio.
  • π (pi) Lup, distante 420 a.l., appare a occhio nudo come una stella di mag. 3.9, ma con un telescopio con più di 75 mm di apertura si può vedere che è una doppia stretta, costituita da due stelle bianco-azzurre di mag. 4.7 e 4.8.


Oggetti notevoli:

  • NGC 5822 è un grande ammasso aperto di circa 120 stelle, distante 6000 a.l., visibile con un binocolo o un piccolo telescopio.
  • NCC 5986 è un piccolo ammasso globulare di mag. 9, distante 45,000 a.l., visibile con un piccolo telescopio come una macchia rotonda.

Note: Costellazione di medie dimensioni compresa tra lo Scorpione ed il Centauro. La costellazione del Lupo è sita nella via Lattea ed è densa di stelle, specialmente doppie.

Mitologia: Per i Greci ed i Romani questa costellazione rappresentava un animale selvaggio posto sull'Altare e pronto per essere sacrificato dal Centauro. Sembra che solo a partire dal 1400 questo animale cominciò ad essere identificato con un lupo.


Macchina pneumatica - Antlia,( Ant)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Hydra, Pyxis, Vela, Centaurus

Stelle principali :

  • α (alfa) Ant, mag. 4.3, la stella più brillante della costellazione, è una gigante arancione distante 280 a.l.
  • δ (delta) Ant, distante 1100 a.l., è una stella bianco-azzurra di magnitudine 5.6 con una compagna di magnitudine 9.7 visibile con un piccolo telescopio.
  • ζ1 (zeta1) ζ2(zeta2) Ant è una coppia larga di stelle di magnitudine 5.8 e 5.9 visibile anche con un binocolo. Con un piccolo telescopio si può vedere che δ1 (zeta1) è essa stessa una doppia, con componenti di magnitudine 6.4 e 7.2.


Oggetti notevoli:

  • NGC 3132 è una nebulosa planetaria relativamente grande e brillante, di 8° magnitudine e, vista al telescopio, appare più grande di Giove. La sua stella centrale è di 10° magnitudine. Si trova a una distanza di 1300 a.l., sul confine con Vela.

Note: Piccola e debole costellazione tra l'Idra e la Vela.

Mitologia: Questa costellazione è stata disegnata nel 1756 dall'astronomo de Lacaille, allo scopo di onorare la pompa pneumatica, inventata dal fisico francese Denis Papin.


Mensa - Mensa, (Men)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Dorado, Hydrus Australis, Volans, Octans

Stelle principali :

  • α (alfa)Mensae, mag. 5.1, è una stella gialla simile al Sole, distante 28 a.l.
  • β (beta) Men, mag. 5.3, è una stella gialla distante 140 a.l.
  • γ (gamma) Men, mag. 5.2, è una gigante arancione distante 420 a.l.
  • η (eta) Men, mag. 5.5, è una gigante arancione distante 460 a.l.

Oggetti notevoli:

  • Grande nube di Magellano. È una mini-galassia distante 180,000 a.l., satellite della nostra Galassia. Le stime della sua massa differiscono notevolmente tra di loro; secondo alcuni calcoli sarebbe circa un decimo di quella della nostra Galassia e conterrebbe 10,000 milioni di stelle. A occhio nudo la si vede come una macchia nebulosa dal diametro di 6, 12 volte il diametro apparente della Luna. Con un binocolo o un telescopio si possono vedere singole stelle, nebulose e ammassi stellari. Dentro la Grande Nube si trova una delle più grande nebulose note, la Nebulosa Tarantola. Al suo centro si trova un ammasso di stelle supergiganti.

Note: Debole costellazione compresa tra l'Idra Australe ed il Pesce Volante. Dentro i confini di questa costellazione "sconfina" una parte della Grande Nube di Magellano, per lo più contenuta entro la vicina costellazione Dorado.

Mitologia: Costellazione moderna introdotta da Lacaille nel 1756. Il suo nome fa riferimento al nome latino Mons Mensae della Table Mountain (Montagna della Mensa), presso il Capo di Nuova Speranza in Sud Africa. Lacaille vi aveva soggiornato dal 1750 al 1754.


Microscopio - Microscopium, (Mic)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Capricornus, Grus, Indus, Sagittarius, Piscis Australis

Stelle principali :

  • α (alfa)Mic, mag. 4.9, è una gigante gialla distante 240 a.l. Ha una compagna di mag. 10 visibile con un piccolo telescopio.
  • γ (gamma) Mic, mag. 4.7, è una gigante gialla distante 230 a.l.
  • ε (epsilon) Mic, mag. 4.7, è una stella bianco-azzurra distante 110 a.l.

Oggetti notevoli:

  • Non sono presenti oggetti di particolare rilievo.

Note: Piccola e debole costellazione situata tra il Capricorno ed il Sagittario.

Mitologia: Costellazione moderna disegnata da Lacaille nel 1756.


Mosca - Musca, (Mus)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Apus , Carina, Centaurus, Chamaeleon, Circinus, Crux

Stelle principali :

  • α (alfa) Muscae, mag. 2.7, è una stella bianco-azzurra distante 300 a.l.
  • β (beta) Mus, distante 290 a.l., è una coppia stretta di stelle di mag. 3.9 e 4.2, per separare le quali è necessario un telescopio di 100 mm.
  • δ (delta) Mus, mag. 3.6, è una gigante arancione distante 180 a.l.

Oggetti notevoli:

Note: Piccola costellazione vicina alla Croce del Sud.

Mitologia: Costellazione moderna introdotta nel 1602 dall'astronomo Bayer che la chiamò Apis, l’Ape, nome che fu successivamente modificato in quello attuale.

Ofiuco/Ophiucus (Oph) - Serpente/Serpens (Ser)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Hercules, Serpens Caput, Libra, Scorpius, Sagittarius ,Serpens Cauda, Aquila

NB : È l'unica costellazione ad essere divisa in due parti: Serpente ed Ofiuco. Ad ovest vi è la Testa del Serpente (Serpens Caput), ad est la Coda del Serpente (Serpens Cauda). Tra queste due parti si trova la costellazione di Ofiuco cioè colui che porta il serpente.

Stelle principali in Ofiuco :

  • α (alfa) Oph (Ras Albague, testa dell’incantatore di serpenti), 2.1 è una stella bianca distante 62 a.l.
  • β (beta) Oph, mag. 2.8, è una gigante gialla distante 120 a.l.
  • γ (gamma) Oph, mag. 3.8, è una stella bianco-azzurra distante 115 a.l.
  • δ (delta) Oph (Yed Prior), mag. 2.7, è una gigante rossa distante 140 a.l.
  • ε (epsilon) Oph, (Yed Posterior), mag. 3.2, è una gigante arancione distante 105 a.l.
  • ζ (zeta) Oph, mag. 2.6, è una stella bianco-azzurra distante 550 a.l.ζ
  • η (eta) Oph, mag. 2.4, è una stella bianco-azzurra distante 59 a.l.
  • ρ (rho) Opli, distante 720 a.l., è una stupenda stella multipla, visibile con un piccolo telescopio. La stella più brillante è di mag. 5.2. Questa ha una compagna di mag. 5.9; ai lati di questa coppia stretta si trovano due stelle più discoste, di mag. 7.1 e 6.6.
  • τ (tau) Oph, distante 72 a.l., è una doppia stretta con due componenti color crema, di mag. 5.3 e 6.0, che orbitano l'una intorno all’altra con un periodo di 280 anni; attualmente sono molto vicine e per separarle è necessaria un’apertura di almeno 75 mm.
  • 36 Oph, distante 18 a.l., è una coppia di nane arancione di mag. 5.3, separabili con un piccolo telescopio.
  • 70 Oph, distante 17 a.l., è una famosa stella doppia, con componenti gialla e arancione di mag. 4.3 e 6.0 che orbitano l’una intorno all’altra con un periodo di 88 anni. Per separarle sono necessari un’apertura di 100 mm e un forte ingrandimento. Una volta si pensava che questo sistema potesse avere dei pianeti, ma ora non più.

Stelle principali in Serpente :

  • α(alfa)Serpentis (Unukalhai, il collo del serpente), mag. 2.7, è una gigante arancio distante 85 a.l.
  • β(beta) Ser, distante 120 a.l., è una stella bianco-azzurra di mag. 3.7, nella testa del serpente, con una compagna di mag. 9 visibile con un piccolo telescopio. Con un binocolo è visibile nei pressi una stella di mag. 7 senza alcun legame fisico con le due precedenti.
  • γ(gamma) Ser, mag. 3.9, è una stella bianca distante 39 a.l.
  • δ(delta) Ser, distante 170 a.l., è una stella bianca di mag. 4.2, con una compagna di mag. 5.2, visibile con un piccolo telescopio a forte ingrandimento.
  • θ(theta) Ser (Alya), distante 100 a.l., è un’elegante coppia di stelle bianche di mag. 4.1 e 5.0, facilmente separabili con un piccolo telescopio.
  • ν(nu) Ser, distante 140 a.l., è una steLla bianco-azzurra di mag. 4.3, con una compagna larga di mag. 9 visibile con un binocolo o un piccolo telescopio.
  • τ(tau) Ser, mag. 5.2, è la più brillante di un gruppo di otto stelle di mag. 6 , tutte visibili con un binocolo, vicino a β(beta) Serpentis.

Oggetti notevoli:

  • M 9 si trova abbastanza vicino al centro della nostra galassia, solo 7.500 anni luce.
  • M 10 (NGC 6254) è un ammasso globulare di mag. 7 visibile con un binocolo o un piccolo telescopio. Dista circa 19,000 a.l., un po’ più del suo vicino M 12. Le singole stelle possono essere risolte con un’apertura di 150 mm o più.
  • M 12 (NGC 6218) è un ammasso globulare di mag. 7., visibile con un binocolo o un piccolo telescopio. Appare un po’ più grande del suo vicino M 10, e le sue stelle sono più disperse. In Ofiuco ci sono diversi altri ammassi globulari degni di attenzione, ma M 10 e M 12 sono i più belli.
  • M 14 si trova oltre il centro galattico a circa 70.000 anni luce di distanza.
  • M 5 (NGC 5904) distante 27,000 a.l., è un ammasso globulare di mag. 6, visibile con un binocolo o un piccolo telescopio. È considerato uno dei più begli ammassi globulari dell’emisfero boreale, secondo solo al famoso M 13 in Hercules. Con un’apertura di 100 mm o più se ne possono vedere il centro denso e luminoso e le regioni esterne screziate, con catene di stelle che si diramano verso l’esterno. Vicino a M 5 si trova 5 Serpentis. Una stella di mag. 5 con una compagna di mag. 10.
  • M 16 (NGC 6611) distante circa 8,000 a.l., è un ammasso stellare irregolare, visibile con un binocolo o un piccolo telescopio. É costituito da circa 50 stelle di mag. 8 o più deboli, disperse su un’area all’incirca equivalente al diametro apparente della Luna. L’ammasso è incorporato in una nebulosa chiamata Aquila, troppo debole per essere ben visibile con un telescopio per dilettanti, ma bellissima nelle fotografie a lunga esposizione.
  • NGC 6572 distante 2500 a.l., è una nebulosa planetaria di mag. 10., visibile con un’apertura di almeno 75 mm come una piccola ellisse verde-azzurra.
  • NGC 6633 distante 1600 a.l., è un ammasso aperto di circa 65 stelle di mag. 7 o più deboli, visibile con un binocolo.
  • IC 4665 distante 1000 a.l., è un ammasso aperto e irregolare di circa una dozzina di stelle di 7&ordt; mag. o più deboli, meglio visibile con un binocolo.

Note: Si tratta di una "doppia" costellazione, l'Ofiuco più il Serpente Le stelle dell'Ofiuco disegnano la figura di una casa rispetto alla quale le stelle del Serpente si estendono ad Est, creandone la coda, e ad Ovest, creandone la testa. Questa zona è ricca di ammassi globulari osservabili con un semplice binocolo

Mitologia: L'Ofiuco rappresenta il grande Esculapio, figlio di Apollo, noto per le sue sorprendenti doti di guaritore. I l suo potere curativo raggiunse il culmine quando scoprì un'erba portata nella sua casa da un serpente, erba in grado di resuscitare i defunti.Ben presto Plutone, dio degli inferi, si accorse che il suo regno si stava lentamente spopolando e si recò da Giove per esprimere il suo disappunto. Giove si rese subito conto che gli uomini immortali potevano rappresenatre una seria minaccia per gli dei e così pose fine alla vita di Esculapio incenerendolo con una delle sue saette; tuttavia pose il suo corpo nel cielo accanto al Serpente, assunto a simbolo dei suoi poteri curativi. Curiosità: Ancora oggi il serpente rappresenta il simbolo della professione medica.

 


Orione - Orion, (Ori)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Gemini, Taurus, Eridanus, Lepus, Monoceros

Stelle principali :

  • α (alfa) Orionis (Betelgeuse), distante 310 a.l., è una supergigante rossa tanto grande da essere instabile. Le sue dimensioni fluttuano irregolarmente da circa 300 a 400 volte il diametro del Sole, e contemporaneamente il suo splendore varia da mag. 1.3 a 0.4.
  • β (beta)Ori (Rigel), mag. 0.1, è una supergigante bianco-azzurra distante 910 a.l. Ha una compagna di 7&ordt; mag., difficile da vedere con i piccoli telescopi, specialmente in condizioni sfavorevoli, a causa dello splendore della principale.
  • γ (gamma) Ori (Bellatrix), mag. 1.6, è una gigante blu distante 360 a.l.
  • δ (delta) Ori (Mintaka), distante 2300 a.l., è una stella multipla complessa. A occhio nudo appare come una stella bianco-azzurra di mag. 2.2. Con un binocolo o un piccolo telescopio si può vedere una compagna larga di mag. 6.9. In realtà la stella principale è anche una variabile a eclisse, che varia di circa 1/10 di magnitudine con un periodo di 5.7 giorni.
  • ε (epsilon) Ori (Alnilam), mag. 1.7, una supergigante blu distante 1200 a.l.
  • ζ (zeta) Ori (Alnitak), distante 1100 a.l., appare a occhio nudo come una stella bianco-azzurra di mag. 2.0, ma un’apertura di 75 mm o più rivela che essa ha una compagna stretta di mag. 4.2. Molto più discosta, c’è anche una stella di 10&ordt; magnitudine.
  • η (eta) Ori, distante 750 a.l., è un’altra complessa multipla-variabile. Per vedere che è una doppia stretta, con componenti di mag. 3.7 e 5.1, sono necessari un’apertura di almeno 100 mm e un forte ingrandimento. La stella più brillante è anche una binaria a eclisse, che varia di circa 1/10 di magnitudine con un periodo di 8 giorni.
  • θ (theta)1 Ori, distante 1300 a.l., è una stella multipla al centro della Nebulosa di Orione, dalla quale si è recentemente formata e che illumina. Questa stella è comunemente chiamata Trapezio perché, con un piccolo telescopio, vi si possono vedere quattro stelle; con un’apertura di 100 mm sono visibili altre due stelle di mag. 11. Le quattro stelle principali del Trapezio sono di mag. 5.1, 6.7, 6.7 e 8.0. Nei pressi si trova θ(theta)2 Ori, una doppia larga di mag. 5.1 e 6.4.
  • ι (iota) Ori, distante 1800 a.l., è una stella doppia sul bordo meridionale della Nebulosa di Orione, separabile con un piccolo telescopio. Le sue componenti sono di mag. 2.9 e 7.4. Nel medesimo campo è anche visibile Struve 747, una coppia più larga di stelle bianco-azzurre di mag. 4.7 e 5.6.
  • κ (kappa) Ori (Saiph), mag. 2.1, è una supergigante blu distante 1300 a.l.
  • λ (lambda Ori, distante 1400 a.l., è una stella bianco-azzurra di mag. 3.7 con una compagna stretta di mag. 5.6, visibile con un piccolo telescopio a forte ingrandimento.
  • ρ (rho) Ori, distante 280 a.l., è una gigante arancione di mag. 4.5 con una compagna di mag. 8.6; la differenza di luminosità rende difficile separare questa doppia con un piccolo telescopio.
  • σ (Sigma) Ori, distante 1800 a.l., è forse la più bella e colorata di tutte le stelle di Orione. A occhio nudo appare come un stella bianco-azzurra di mag. 3.7, ma un piccolo telescopio rivela molto di più. La stella ha due compagne, una blu e una rossa, di mag. 6.5 e 7.2, la più brillante delle quali può essere intravista con un binocolo; ancora più vicino, c’è una stella di 10&ordt; mag., più difficile da vedere per lo splendore della principale. Per completare il quadro, nello stesso campo visivo c’è una debole tripla chiamata Struve 761, costituita da un triangolo di stelle di mag. 8 e 9.

Oggetti notevoli:

  • M 42, M 43 (NGC 1976, NGC 1982) è la più famosa delle meraviglie di Orione: una gigantesca nebulosa di gas e di polvere, di 15 a.l. di diametro, distante 1300 a.l., da cui sta nascendo un ammasso stellare. Dietro la parte visibile della nebulosa, illuminata dalle stelle del Trapezio, i radioastronomi hanno scoperto una nube oscura ancora più grande, nella quale si stanno formando altre stelle. M 42 copre un’area di più di 1° x 1°, ed è indubbiamente la più bella nebulosa diffusa del cielo. Chiaramente visibile a occhio nudo come una vaga nube, a un’osservazione strumentale rivela volute e vortici di gas, tanto più complessi e affascinanti quanto maggiore è l’apertura del telescopio. Nelle fotografie a colori la nebulosa appare rossa e blu, all’occhio appare nettamente verdastra, a causa della diversa sensibilità cromatica della pellicola fotografica dell’occhio umano. Una scura banda di gas, chiamata Bocca di pesce, separa M 42 da M 43, una macchia più piccola e arrotondata, che in realtà fa parte della medesima nube; al centro di M 43 c’è una stella di mag. 9.
  • M 78 (NGC 2068) è una piccola nebulosa di forma allungata con al centro una stella doppia di mag. 9. Con un buon telescopio è possibile vederne la struttura "a ciuffi".
  • NGC 1977 è una nebulosità di forma allungata, appena a nord della Nebulosa di Orione, con al centro una stella di 3&ordt; magnitudine, 42 Orionis, chiamata anche c Orionis. Questo oggetto sarebbe più celebre se non fosse tanto sopravanzato da M 42.
  • NGC 1981 è un ammasso aperto a nord della nebulosità NGC 1977. Inclusa in questo ammasso è la stella doppia Struve 750, con componenti di mag. 6 e
  • NGC 2024 è un’area splendente di gas larga circa 0.5°, che circonda la stella δ(zeta) Orionis. A sud di δ(zeta) Orionis c’è una striscia di nebulosità su cui si staglia la famosa Nebulosa Testa di cavallo, una nube oscura di polvere dalla forma caratteristica. É notoriamente difficile vedere con un telescopio per dilettanti NGC 2024 e la Nebulosa Testa di cavallo, ben visibili invece nelle fotografie a lunga esposizione.

Note: Orion (Orione, il Cacciatore) è un'importante costellazione, forse la più conosciuta del cielo, grazie alle sue stelle brillanti e alla sua posizione vicino all'equatore celeste, che la rende visibile dalla maggior parte del mondo.Composta da circa 150 stelle visibili, è identificabile dall'allineamento di tre stelle, chiamate i Tre Re, che ne formano la cintura, mentre la figura dell'eroe è disegnata da nove stelle. Orione si trova accanto al fiume Eridano, con i suoi due cani da caccia Canis Major e Canis Minor, combattendo contro il Toro. Anche un'altra sua preda, la Lepre, si trova vicino. Caratteristiche La costellazione di Orione è molto ricca di stelle brillanti e oggetti interessanti. Ecco alcune delle sue stelle principali : Heka è la testa di Orione. Betelgeuse (α Ori), la sua spalla destra, è un'enorme supergigante rossa, più grande dell'orbita di Venere. Se fosse messa al posto del Sole, i suoi strati più esterni sfiorerebbero la Terra. Il titolo di stella α le è stato dato in errore, perché Rigel è in realtà un poco più luminosa. Betelgeuse è in realtà una stella composta da sei componenti, ma i compagni della principale sono troppo deboli per esser visti facilmente. È uno dei vertici del Triangolo Invernale. La principale è una variabile semiregolare di tipo SRc. Bellatrix (γ Ori): "la donna guerriera" forma la sua spalla sinistra. Alnitak, Alnilam and Mintaka (ζ, ε e δ Ori) compongono l'asterismo chiamato la Cintura di Orione. Queste tre stelle brillanti messe in fila bastano da sole per identificare la costellazione. Saiph, : si trova all'altezza del ginocchio destro di Orione. Rigel (β Ori) è la stella più luminosa della costellazione. Situata all'altezza del ginocchio sinistro, è una supergigante blu estremamente calda e luminosa. Ha tre compagni, anch'essi molto difficili da vedere. Le stelle principali di Orione sono molto simili come età e caratteristiche fisiche, cosa che suggerisce che abbiano avuto un'origine comune (Betelgeuse è un'eccezione a questa regola). In effetti, l'intera costellazione di Orione è la più vicina zona di formazione stellare, ed è stata a volte considerata per intero un'associazione OB, un gruppo di stelle appena nate giovani, estremamente luminose e caldissime. Orione è molto utile per trovare altre stelle. Estendendo la linea della Cintura verso sudovest, si può trovare Sirio (α Canis Majoris); verso nordest, Aldebaran (α Tauri). Una linea verso est che attraversa le due spalle indica la direzione di Procione (α Canis Minoris). Una linea da Rigel verso Betelgeuse punta a Castore e Polluce, α e β Geminorum.

Mitologia: Tra le tante storie su questa costellazione raccontiamo la più famosa. Orione era il più grande cacciatore dei suoi tempi e spesso si trovava cacciare assieme a Diana, dea della caccia. Quando Apollo, fratello di Diana, si accorse che la sorella stava trascurando i suoi compiti per colpa di Orione, decise di ucciderlo. Mentre Orione stava nuotando in mare lontano dalla riva, Apollo lo illuminò con un brillante raggio di luce e sfidò Diana a colpire con le sue frecce quel distante punto luminoso. Diana, che non sapeva dell'inganno, accettò la sfida e colpì Orione con una delle sue frecce uccidendolo. Quando più tardi ne ritrovò il corpo, lo caricò sul suo carro celeste, volò in cielo e qui lo fissò con stelle brillanti; ai suoi piedi pose i suoi cani da caccia favoriti, il Cane Maggiore ed il Cane Minore.


Orologio - Horologium( Hor)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Reticulum, Hydrus, Eridanius, Dorado

Stelle principali :

  • α (alfa) Hor, mag. 3.9, è una gigante gialla distante 190 a.l.
  • β (beta) Hor, mag. 5.0, è una stella bianca distante 280 a.l.

Oggetti notevoli:

  • R Horologii, notevole stella dalla luminosità variabile con periodo di 400 giorni.
  • NGC 1512 è una galassia spirale barrata distante 50 milioni di a.l., con una compagna più piccola, NGC 1510 una spirale ellittica di mag. 12.

Note: Costellazione prossima all'Eridano, in pratica invisibile ad occhio nudo.

Mitologia: Costellazione moderna introdotta nel 1752 da Lacaille. Rappresenta un orologio a pendolo.


Orsa Maggiore - Ursa Major(UMa)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Draco, Camelopardalis, Lynx, Leo Minor, Leo, Coma Berenices, Canes Venatici , Boötes

Stelle principali :

  • α (alfa) Ursae majoris (Dubhe, l’orsa), mag. 1.8, una gigante gialla distante 75 a.l. Ha una compagna molto stretta di mag. 4.8, visibile solo con un telescopio di almeno 220 mm, che le ruota intorno con un periodo orbitale di 44 anni.
  • β (beta) UMa (Merak, lombo), mag. 2.4, è una stella bianca distante 62 a.l.
  • γ (gamma) UMa (Phecda, coscia), rnag. 2.4, è una stella bianca distante 75 a.l.
  • δ (delta) UMa (Megrez, radice della coda), mag. 3.3, è una stella bianca distante 65 a.l.
  • ε (epsilon) UMa (Alioth), distante 78 a.l., una stella bianca variabile tra mag. 1.7 e 1.8 con un periodo di 5.1 giorni.
  • ζ (zeta) UMa (Mizar), mag. 2.3, è una celebre stella multipla. Con buoni occhi, o con un binocolo, è visibile una compagna di mag. 4.0, Alcor. Mizar è distante 60 a.l., dalla Terra e Alcor 80 a.l., troppo discoste per far parte di una autentica binaria. Con un piccolo telescopio si può vedere che Mizar ha un’altra compagna di mag. 4.0, più vicina ad essa e con la quale è legata fisicamente. Questa stella fu scoperta con un telescopio da Giovanni Riccioli, nel 1650. Nel 1889, E. C. Pickering scoprì che Mizar è anche una binaria spettroscopica. La compagna di Mizar è un’altra binaria spettroscopica, e tale è anche Alcor.
  • η (eta) UMa (Benetnasch o Alkaid), mag. 1.9, è una stella bianco-azzurra distante 160 a.l.
  • κ (nu) UMa, distante 150 a.l., è una gigante arancio di mag. 3.5, con una compagna verde di mag. 9.7 visibile con un piccolo telescopio.
  • ξ (xi) UMa, distante 25 a.l., è la prima stella doppia di cui fu calcolata l’orbita. Le sue due componenti gialle (entrambe binarie spettroscopiche), di mag. 4.4 e 4.8, orbitano l’una intorno all’altra con un periodo di 60 anni. Per la maggior parte del tempo sono separabili con un piccolo telescopio, ma verso il 1992, quando erano alla loro distanza minima, erano separabili solo con un’apertura di almeno 150 mm.
  • 23 UMa, distante 82 a.l., è una stella bianca di mag. 3.7, con una compagna larga di mag. 9.3 visibile con un piccolo telescopio.

Oggetti notevoli:

Con l'eccezione di α(alfa) ed ε(eta) Ursa Majoris, le altre 5 stelle del Grande Carro appartengono ad uno stesso ammasso aperto distante solo 75 anni luce, il più vicino ammasso aperto al nostro Sole.

  • Alcor e Mizar, comunemente denominate il fantino e il cavallo, formano quella che viene detta una doppia visuale, ovvero due stelle apparentemente vicine ma che in realtà sono talmente distanti da non avere legami gravitazionali.
  • M 81 (NGC 3031) è una bella galassia spirale di mag. 8, una delle più brillanti di tutto il cielo, visibile con un piccolo telescopio come una macchia debolmente luminosa, notevolmente più brillante verso il centro. Essa copre circa metà del diametro apparente della Luna. Nel medesimo campo visivo, 0.5° a nord, si trova M 82; le due galassie sono alla stessa distanza da noi e sono collegate gravidazionalmente.
  • M 82 (NGC 3034) è una galassia vicina a M 81, ma meno brillante. Appare come una macchia allungata ed è ufficialmente classificata come "peculiare". Le fotografie a lunga esposizione mostrano che è una galassia spirale, vista di profilo, che interagisce con un’enorme nube di gas e polvere.
  • M 97 (NGC 3587) distante 2600 a.l., è una grande ma oscura nebulosa planetaria, comunemente chiamata Nebulosa Civetta.
  • M 101 (NGC 5457) è una famosa galassia spirale distante 23 milioni di a.l. Le fotografie a lunga esposizione mostrano che è una galassia visibile di faccia, con bracci di spirale molto ben sviluppati, ma chi la osserva con un piccolo telescopio deve accontentarsi d’intravederla come una macchia di 9&ordt; magnitudine, grande più della metà del diametro apparente della Luna.

Note: Questa costellazione copre una ampia area del cielo in una regione prossima al Polo Nord Celeste. Dentro la sua figura è contenuto il Grande Carro, forse la rappresentazione celeste più famosa. Questa è la terza costellazione in ordine di grandezza, è sicuramente la costellazione più conosciuta. Contiene la nana rossa Lalande 21185, mag. 7.5, distante 8.1 a.l., la quarta stella più vicina al nostro sistema solare. Questa stella si pensa possa ospitare un sistema solare simile al nostro. All'interno dell'orsa maggiore vi sono anche delle galassie, alcune delle quali sono osservabili con un telescopio amatoriale.

Mitologia: Tra i tanti amori di Zeus vi era anche Callisto, figlia di Licaone, re di Arcadia; dal loro amore segreto nacque Arcas. Era si accorse tuttavia del tradimento del marito e si vendicò trasformando Callisto in un orsa; cercò poi di fare in modo che, durante una battuta di caccia, venisse uccisa dallo stesso figlio Arcas, ormai divenuto adulto ed esperto cacciatore. Ma Zeus intervenne appena in tempo: trasportò l'Orsa su nel cielo, al sicuro da ogni pericolo, quindi trasformò Arcas in un piccolo orso (Orsa Minore) e lo pose accanto alla madre.

 


Orsa Minore - Ursa Minor(UMi)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Draco, Camelopardalis, Cepheus

Stelle principali :

  • α (alfa) Ursae minoris (Polaris o Cynosura) è una supergigante gialla distante circa 700 a.l. È una variabile cefeide che varia tra mag. 2.1 e 2.2 con un periodo di circa 4 giorni. Polaris è anche una stella doppia, con una compagna di 9&ordt; magnitudine visibile con un piccolo telescopio.
  • β (beta) UMi (Kochab), mag. 2.1, è una gigante arancio distante 95 a.l.
  • γ (gamma) UMi (Pherkad), mag. 3.1, è una stella bianco-azzurra distante 230 a.l. La stella di 5&ordt; magnitudine 11 UMi che si vede vicino non ha con essa alcun legame fisico.
  • δ (delta) UMi, mag. 4.4, è una stella bianco-azzurra distante 140 a.l.
  • ε (epsilon) UMi, mag. 4.2, distante 200 a.l., è una gigante gialla con una compagna più debole che la eclissa ogni 39.5 giorni, provocando una variazione di circa 1/10 di magnitudine, non avvertibile a occhio nudo.
  • ζ (zeta) UMi, mag. 4.3, è una stella bianco-azzurra distante 110 a.l.
  • η (eta) UMi, mag. 5.0, è una stella bianca distante 91 a.l.

Oggetti notevoli:

  • α (alfa), ovvero la ben nota Stella Polare; questa stella, che si trova vicinissima al Polo Nord Celeste, è in realtà una stella doppia.
  • β (beta) e γ (gamma) sono state assieme chiamate "Guardiani del Polo".

Note: È la costellazione alla quale appartiene la Stella Polare . Al suo interno è contenuto il disegno del Piccolo Carro, nota costellazione popolare non compresa tra le 88 ufficiali. A causa della bassa luminosità apparente delle sue stelle, questa costellazione non è facilmente individuabile, specie nelle città. Questa costellazione era nota fin dal 600 a.C., assemblata da Talete. L'orsa minore contiene il polo nord celeste, e ospita la stella Polaris, nota appunto come stella Polare. Nel 2100 la stella polare per effetto della precessione raggiungerà la massima vicinanza al polo, da allora però si allontanerà sempre più. Le stelle β(beta) e γ(gamma) Ursae minors prendono il nome anche di Guardiani del polo.

Mitologia: Rappresenta Arcas, figlio di Zeus e Callisto, posto in cielo accanto alla madre tramutata in orsa (si veda il mito dell'Orsa Maggiore).


Ottante - Octans (Oct)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Tucana, Indus, Pavo, Apus, Chamaeleon, Mensa, Hydrus

Stelle principali :

  • α (alfa) Octantis, mag. 5.2, è una stella bianca distante 230 a.l.
  • β (beta) Oct, mag. 4.2, è una stella bianca distante 65 a.l.
  • δ (delta) Oct, mag. 4.3, è una gigante arancione distante 200 a.l.
  • θ (theta) Oct, mag. 4.8, è una gigante arancione distante 250 a.l.
  • λ (lambda) Oct, distante 36 a.l., è una stella doppia con componenti di mag. 5.5 e 7.6, visibili con un piccolo telescopio.
  • κ (nu) Oct, mag. 3,8, è una gigante arancione distante 105 a.l.

Oggetti notevoli:

  • Sigma Octantis è attualmente la stella più vicina al Polo Sud Celeste, distandovi circa un grado.

Note: Debole costellazione nei cui confini rientra il Polo Sud Celeste.

Mitologia: Introdotta da Lacaille nel 1752, questa costellazione rappresenta lo strumento inventato da John Hadley nel 1731.


Pavone - Pavo(Pav)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Cygnus, Lyra, Octans, Apus, Triangulum Australe, Ara, Telescopium, Indus

Stelle principali :

  • α (alfa) Pavonis (Peacock), mag. 1.9, una stella bianco-azzurra distante 230 a.l.
  • β (beta) Pav, mag. 3.4, è una stella bianca distante 91 a.l.
  • δ (delta) Pav, mag. 3.6, è una stella gialla distante 19 a.l.
  • η (eta) Pav, mag. 3.6, è una gigante arancione distante 150 a.l.
  • κ (kappa) Pav. distante 650 a.l., è una delle più brillanti variabili cefeidi. È una supergigante gialla che varia tra mag. 3.9 e 4.8 con un periodo di 9.1 giorni.
  • ξ (xi) Pav, distante 310 a.l., è una gigante rossa di mag. 4.4 con una compagna stretta di mag. 8.6, oscurata dallo splendore della principale.

Oggetti notevoli:

  • α (alfa) stella di seconda magnitudine, chiamata Stella del Pavone.
  • NGC 6752 distante oltre 20,000 a.l., è un grande ammasso globulare, visibile con un binocolo, che copre quasi metà del diametro apparente della Luna.

Note: Modesta costellazione prossima al Polo Sud Celeste.

Mitologia: Disegnata dai navigatori olandesi P. Keyser e F. de Houtman alla fine del 1500. Uno degli uccelli celesti rappresentati nel cielo (Apus, Tucana, Grus e Phoenix), fu inserito da Johannes Bayer. Mitologicamente era sacro a Giunone, la dea che creò dal suo seno la Via Lattea


Pegaso - Pegasus(Peg)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Andromeda, Lacerta, Cygnus, Vulpecula, Delphinus, Equuleus ,Acquarius, Pisces

Stelle principali :

  • α (alfa) Pegasi (Markab, la sella), mag. 2.5, è una stella bianco-azzurra distante 100 a.l.
  • β (beta) Peg (Scheat, la spalla), distante 180 a.l., è una gigante rossa grande 90 volte il diametro del Sole, che varia da mag. 2.4 a 2.8 con un periodo di circa un mese.
  • γ (gamma) Peg (Algenib, l’ala), mag. 2.8, è una stella bianco-azzurra distante 490 a.l. È una variabile del tipo β(beta) Cephei con un periodo di 3 h e 40 min., ma le sue variazioni di luminosità sono troppo piccole per essere avvertibili a occhio nudo.
  • ε (epsilon) Peg (Enif, il naso), distante 520 a.l., è una supergigante gialla di mag. 2.4. Con un piccolo telescopio, o anche con un binocolo, si può vedere una compagna larga di mag. 8.7, di colore azzurrino. Con un telescopio più grande è visibile anche una compagna più stretta, di 11&ordt; magnitudine.
  • ζ (zeta) Peg (Homam), mag. 3.4, è una stella bianca distante 160 a.l.
  • η (eta) Peg (Matar), mag. 2.9, è una gigante gialla distante 170 a.l.
  • π (pi) Peg è una doppia ottica, visibile con un binocolo, formata da due stelle, una bianca e una gialla, di mag. 4.3 e 5.6, distanti, rispettivamente, 310 e 320 a.l.
  • 1 Peg, mag. 4.1, è una gigante gialla distante 210 a.l., con una compagna di mag. 9 visibile con un piccolo telescopio.

Oggetti notevoli:

  • M 15 (NGC 7078) è un brillante ammasso globulare distante 50,000 a.l., al limite della visibilità a occhio nudo ma facilmente visibile con un binocolo, con vicino una stella di 6&ordt; magnitudine che ne facilita l’individuazione. Con un’apertura di 150 mm, le sue regioni esterne possono essere risolte in un gran numero di stelle brillanti: con aperture maggiori si possono vedere stelle fin verso il suo nucleo denso e splendente.
  • NGC 7331 distante circa 40 milioni di a.l., è una galassia spirale di 10&ordt; magnitudine visibile, in condizioni favorevoli, con aperture di 100 mm.

Note: La figura di questa costellazione è dominata dal Grande Quadrato composto dalle tre stelle della costellazione che ci appaiono più luminose alle quali si aggiunge la stella Alpha di Andromeda.

Mitologia: Quando Perseo affrontò ed uccise la gorgone Medusa decapitandola, dal sangue caduto dalla sua testa, mischiato con l'acqua del mare, nacque il cavallo alato Pegaso. Perseo lo cavalcò quando dovette affrontare il terribile mostro Ceto ( Balena ) per salvare la bella principessa Andromeda. Molto noto agli astronomi è il quadrato di Pegaso, composto da quattro stelle, ma una di queste ora fa parte di Andromeda, anche se è ancora nota come δ(delta) Pegasi. Nonostante la notorietà questo quadrato nel cielo non è interessantissimo ad occhio nudo, essendo poco visibile il suo contenuto, l'unico oggetto degno di uno sguardo attento è l'ammasso globulare M15.


Perseo - Perseus(Per)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Cassiopeia, Andromeda, Triangulum, Aries, Taurus, Auriga, Camelopardalis

Stelle principali :

  • α (alfa) Persei (Algenib o Mirfak), mag. 1.8, è una supergigante gialla distante 620 a.l. Con un binocolo è visibile in questa regione una manciata brillante di stelle.
  • β (beta) Per (Algol, il demonio), distante 95 a.l., è la più celebre stella variabile del cielo. È il prototipo della classe delle binarie a eclisse, in cui due stelle vicine si eclissano periodicamente l’un l‘altra mentre orbitano intorno al baricentro comune. Nel caso di Algol, le eclissi si verificano ogni 2.87 giorni, mentre la magnitudine apparente della stella scende da 2.1 a 3.5 per un periodo di 10 ore, prima di tornare al suo massimo.
  • γ (gamma) Per, mag. 2.9, è una gigante gialla distante 110 a.l.
  • δ (delta) Per, mag. 3.0, è una gigante blu distante 330 a.l.
  • ε (epsilon) Per, distante 680 a.l., è una stella bianco-azzurra di mag. 2.9 con una compagna di mag. 8.1, difficile da vedere con un piccolo telescopio per il contrasto di luminosità.
  • ζ (zeta) Per, distante 1100 a.l., è una supergigante blu di mag. 2.9 con una compagna di mag. 9.4 visibile con un piccolo telescopio.
  • η (eta) Per, distante 820 a.l., è una supergigante arancio di mag. 3.8 che, con una compagna blu di mag. 8.6, forma una bella doppia visibile con un piccolo telescopio. Nel medesimo campo visivo si vede una spruzzata di stelle di sfondo.
  • ρ (rho) Per, distante 200 a.l., è una gigante rossa che varia semiregolarmente tra mag. 3.3 e 4.0.

Oggetti notevoli:

  • NGC 869, NGC 884 chiamati anche h e χ(chi) Persei, formano il famoso Doppio ammasso di Perseo. Sono due ammassi stellari aperti, visibili a occhio nudo e stupendi se osservati con un binocolo, ciascuno dei quali copre un’area più grande della Luna piena. NGC 869 è il più brillante e più ricco dei due, contenendo circa 350 stelle, contro le 300 del suo compagno. Entrambi si trovano a una distanza di circa 7300 a.l. Quando si osservano questi oggetti, i piccoli telescopi hanno il vantaggio che, con un basso ingrandimento, entrambi gli ammassi sono visibili nel medesimo campo visivo.
  • M 34 (NGC 1039) distante circa 1400 a.l., è un brillante ammasso stellare al limite della visibilità a occhio nudo. È molto meno ricco e denso del doppio ammasso, contenendo circa 80 stelle, disperse su un’area simile alla grandezza apparente della Luna piena. Un binocolo è appena sufficiente a risolverlo nelle singole stelle, mentre lo si vede bene con un piccolo telescopio.

Note: Costellazione famosa per il fatto di comprendere entro la propria area il radiante delle Perseidi, sciame meteoritico noto anche come "Lacrime di S.Lorenzo", che ricorre con il suo massimo ogni 12 di Agosto. Fra le stelle, Algol, denominata dagli arabi "occhio del diavolo". Quasi circumpolare, raggiunge la massima visibilità in Ottobre e Novembre quando alla mezzanotte spicca allo zenit. Viceversa lambisce l'orizzonte settentrionale in Aprile e Maggio. Confina a Nord con la Giraffa e Cassiopeia, ad Ovest con Andromeda ed il Triangolo, a Sud con l'Ariete ed il Toro e quindi ad Est con l'Auriga.

Mitologia: Figlio di Zeus e Danae, Perseo fù confinato in un'isola deserta insieme alla madre perché un oracolo aveva profetato al nonno che il giovane lo avrebbe spodestato. In esilio il re del luogo insidiava Danae, così per liberarsi di lui lo inviò alla caccia delle Gorgoni, delle tremende creature che con lo sguardo pietrificavano chiunque le osservasse. L'eroe, grazie all'aiuto degli dei Atena ed Ermes, riuscì nell'impresa, ed al ritorno dalla sua avventura s'imbatté in Andromeda che salvò dal mostro marino. Perseo è noto nella mitologia per aver salvato Andromeda dal mostro marino Cetus. Perseo è raffigurato nel cielo con una mano alzata che regge la testa mozzata di Medusa, la Gorgone che uccise, il cui occhio è rappresentato dalla stella Algol. La costellazione è sita in una ottima zona della Via Lattea, molto luminosa. Molto note sono anche le Persei, ove troviamo delle moteore (Perseidi), che fra il 12 e 13 agosto piovono sul nostro pianeta dando vita ad un suggestivo spettacolo.


Pesce Australe - Piscis australis(PsA)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Acquarius, Capricornus, Microscopium, Grus, Sculptor

Stelle principali :

  • α (alfa) Piscis austrini (Fomalhaut, la bocca del pesce), mag. 1.2, è una stella bianco-azzurra distante 22 a.l.
  • β (beta) PsA, distante 170 a.l., è una doppia ottica formata da una principale bianca di mag. 4.3 e da una compagna di mag. 7.8, visibile con un piccolo telescopio.
  • γ (gamma) PsA, distante 190 a.l., è una doppia formata da due stelle di mag. 4.5 e 8.1, difficili da separare con un piccolo telescopio per il contrasto di magnitudine.
  • η (eta) PsA, distante 420 a.l., è una doppia stretta formata da due stelle bianco-azzurre di mag. 5.8 e 6.8, separabili con un’apertura di 100 mm e un forte ingrandimento.

Oggetti notevoli:

  • α (alfa) Piscis Australi, nota come Fomalhaut (in arabo " Bocca del Pesce").È una stella molto brillante a soli 22 anni luce di distanza.
  • M 46 (NGC 2437) distante circa 6,000 a.l., è un ammasso di 8&ordt; magnitudine di circa 150 stelle di luminosità debole e notevolmente uniforme, per lo più della mag. 10. Con un piccolo telescopio, M 46 è visibile come una luccicante "polvere di stelle". Sul bordo settentrionale dell’ammasso si trova la nebulosa planetarie NGC 2438, di mag. 11. Questa non è collegata con l’ammasso, ma è un oggetto in primo piano, distante circa 3,000 a.l.
  • M 47 (NGC 2422) distante 3,800 a.l., è un ammasso, visibile a occhio nudo, di circa 50 stelle, la più brillante delle quali è di mag. 6.
  • M 93 (NGC 2447) distante 3,600 a.l., è un ammasso, visibile con un binocolo, di circa 60 stelle di 8&ordt; magnitudine o più deboli, disposte a forma di cuneo.
  • NGC 2477 distante 6,200 a.l., è un grande ammasso di circa 300 stelle, visibile con un binocolo come un globo non molto denso.
  • NGC 2451 distante 1,700 a.l., è un grande e brillante ammasso di 50 stelle con al centro la stella c Puppis, una supergigante arancio di mag. 3.6.

Note: Piccola costellazione situata vicino l'Acquario. Mitologia:Secondo una leggenda Siriana, la dea Derceto, caduta in un lago, venne portata in salvo da un grosso pesce. Come ricompensa per il suo gesto, la dea pose il pesce tra le stelle.

Mitologia: Il pesce australe è una costellazione nota dall'antichità, e spesso è raffigurato come un pesce che beve acqua da un anfora del vicino aquarius. Il pesce è identificato come Oannes, il dio pesce babilonese, considerato il è padre dei Pesci zodiacali.


Pesce Volante - Volans(Vol)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Carina, Dorado, Vela, Chamaleon, Pictor

Stelle principali :

  • α (alfa) Volantis, mag. 4.0, è una stella bianca distante 78 a.l.
  • β (beta) Vol, mag. 3.8, è una gigante arancio distante 190 a.l.
  • γ (gamma) Vol, distante 130 a.l., è una doppia con componenti bianca e gialla di mag. 3.8 e 5.7, separabili con un piccolo telescopio.
  • δ (delta) Vol, mag. 4.0, è una supergigante gialla distante 2,400 a.l.
  • ε (epsilon) Vol, distante 390 a.l., è una stella blu di mag. 4.4 con una compagna di mag. 8 visibile con un piccolo telescopio.

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti di particolare rilievo.

Note: Piccola costellazione in prossimità della Carena.

Mitologia: Costellazione moderna introdotta da Bayer nel 1603.


Pesci - Pisces (Psc)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Triangulum, Andromeda, Pegasus, Acquarius, Cetus, Aries

Stelle principali :

  • α (alfa) Piscium (Al Rischa, la corda), distante 98 a.l., è una doppia con un periodo orbitale di 720 anni. Attualmente le due componenti si stanno avvicinando e, per separarle, sono necessari un’apertura di almeno 75 mm e un forte ingrandimento. Entrambe le stelle, di mag. 4.3 e 5.2, sono binarie spettroscopiche. Il loro colore è bianco-azzurro, anche se ad alcuni osservatori la stella più brillante appare verde.
  • β (beta) Psc, mag. 4.5, è una stella bianco-azzurra distante 320 a.l.
  • γ (gamma) Psc, mag. 3.7, è una gigante gialla distante 160 a.l.
  • ζ (zeta) Psc, distante 110 a.l., è una doppia larga con componenti di mag. 4.9 e 6.3, visibile anche con i più piccoli telescopi.
  • η (eta) Psc, mag. 3.6, è la stella più brillante della costellazione. È una gigante gialla distante 140 a.l.
  • κ (kappa) Psc, mag. 4.9, è una stella bianco-azzurra distante 98 a.l., con una compagna ottica di 6&ordt; grandezza, visibile con un binocolo.
  • ρ (rho) Psc, mag. 5.4, è una stella bianca, distante 98 a.l., che forma una doppia ottica, facilmente visibile con un binocolo, con la gigante arancio 94 Piscium, mag. 5.5, distante 390 a.l.
  • ψ (psi)1 Psc, distante 390 a.l., è una doppia larga formata da due stelle bianco-azzurre, di mag. 5.3 e 5.6, visibili con un piccolo telescopio o perfino con un buon binocolo.
  • 19 Psc (TX Psc) è una stella variabile di colore rosso cupo, visibile con un binocolo, che fluttua intorno alla mag. 5 e 6 .

Oggetti notevoli:

  • M 74 (NGC 628) è una galassia spirale distante 22.5 milioni di a.l., visibile di faccia. In condizioni favorevoli, la si può intravedere con un piccolo telescopio, ma per vederla bene è necessaria un’apertura di almeno 150 mm.

Note: Debole ma estesa costellazione zodiacale a forma di ampia V con vertice nella stella in apparenza più luminosa.

Mitologia: I pesci rappresentano un simbolo sacro per il popolo Ebraico; i primi Cristiani li identificavano come simbolo del miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci compiuto da Gesù. Nel 7 d.C., proprio in tale costellazione, vi fu una tripla congiunzione di Giove e Saturno ed alcuni storici suppongono che fu questo l'astro che venne poi ricordato come la stella di Betlemme, apparsa alla nascita del Cristo, è sicuramente fra le più antiche, raffigura due pesci legati per la coda, il nodo nel cielo è raffigurato dalla stella α(alfa) Piscium. Le leggende narrano che Venere e il figlio Cupido si trasformarono in pesci per fuggire dall'attacco del mostro Tifone. In primavera la costellazione dei pesci ospita l'equinozio di primavera. Questo evento prima avveniva nell'Ariete ma ora si p spostato nei Pesci a causa della precessione degli equinozi.


Pittore - Pictor(Pic)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Dorado, Carena, Columba, Puppis, Volans, Bulino

Stelle principali :

  • α (alfa) Pictoris, mag. 3.3, è una stella bianca distante 52 a.l.
  • β (beta) Pic, mag. 3.9, è una stella bianca distante 78 a.l.
  • γ (gamma) Pic, mag. 4.5, è una gigante arancio distante 260 a.l.
  • δ (delta) Pic, mag. 4.8, è una stella bianco-azzurra di distanza incerta.

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti di particolare rilievo.

Note: Piccola e modesta costellazione posta tra la Carena e Dorado.

Mitologia: Introdotta da Lacaille nel 1752, questa costellazione era in origine detta Equuleus Pictoris ovvero Cavalletto del Pittore.


Poppa - Puppis(Pup)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Monoceros, Pyxis, Vela, Carina, Columba, Canis Major, Hydra

Stelle principali :

  • ζ (zeta) Puppis (Naos, nave), mag. 2.3, è una brillante stella bianco-azzurra distante 1,500 a.l., una delle stelle più calde conosciute, con una temperatura superficiale di 35,000° C.
  • ξ (xi) Pup, mag. 3.3, è una supergigante gialla distante 750 a.l. Con un binocolo è visibile una compagna ottica di colore arancio, mag. 5.3, distante 320 a.l.
  • π (pi) Pup, mag. 2.7, è una gigante arancio distante 130 a.l.
  • ρ (rho) Pup, mag. 2.8, è una gigante gialla distante 300 a.l. È una variabile del tipo δ(delta) Scuti, il cui splendore varia di 1/10 di magnitudine con un periodo di 3 h e 23 min.
  • τ (tau) Pup, mag. 2.9, è una gigante gialla distante 82 a.l.
  • κ (kappa) Pup, distante 360 a.l. è una straordinaria stella doppia con componenti bianco-azzurre quasi identiche, di mag. 4.5 e 4.6, facilmente separabili con un piccolo telescopio.
  • λ (lambda) Pup è una doppia ottica. L1, mag. 4.9, è una stella bianco-azzurra distante 550 a.l.; L2 è una gigante rossa variabile semiregolare, distante 180 a.l., che fluttua tra la mag. 3 e 6 con un periodo medio di 140 giorni.
  • ν (nu) Pup, distante 1,500 a.l., è una binaria a eclisse del tipo β(beta) Lyrae, che varia tra mag. 4.5 e 5.1 con un periodo di 35 ore.

Oggetti notevoli:

  • M 46 (NGC 2437) distante circa 6,000 a.l., è un ammasso di mag. 8 di circa 150 stelle di luminosità debole e notevolmente uniforme, per lo più della mag. 10. Con un piccolo telescopio, M 46 è visibile come una luccicante "polvere di stelle". Sul bordo settentrionale dell’ammasso si trova la nebulosa planetarie NGC 2438, di mag. 11. Questa non è collegata con l’ammasso, ma è un oggetto in primo piano, distante circa 3,000 a.l.
  • M 47 (NGC 2422) distante 3,800 a.l., è un ammasso, visibile a occhio nudo, di circa 50 stelle, la più brillante delle quali è di 6&ordt; magnitudine.
  • M 93 (NGC 2447) distante 3,600 a.l., è un ammasso, visibile con un binocolo, di circa 60 stelle di 8&ordt; magnitudine o più deboli, disposte a forma di cuneo.
  • NGC 2477 distante 6,200 a.l., è un grande ammasso di circa 300 stelle, visibile con un binocolo come un globo non molto denso.
  • NGC 2451 distante 1,700 a.l., è un grande e brillante ammasso di 50 stelle con al centro la stella c Puppis, una supergigante arancio di mag. 3.6.

Note: Grande costellazione vicina alla Vela e la Carena, con le quali formava l'antica costellazione dela nave Argo. Le lettere greche utilizzate per indicare le stelle più luminose della antica costellazione della Nave Argo non sono state modificate dopo la sua suddivisione in tre costellazioni distinte come vorrebbe la convenzione di Bayer.

Mitologia :Questa grande costellazione era in origine contenuta nella antica costellazione della Nave Argo. Nel 1756 Lacaille divise la troppo estesa Nave Argo in Puppis che è la più grande delle quattro parti della Nave, le altre parti sono Carina, Pyxis e Vela.


Reticolo - Reticulum(Ret)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Hydrus, Horologium, Dorado

Stelle principali :

  • α (alfa) Reticoli, mag. 3.4, è una gigante gialla distante 390 a.l.
  • β (beta) Ret, mag. 3.9, è una stella arancio distante 55 a.l.
  • ζ (zeta) Ret, distante 40 a.l., è una doppia larga, visibile a occhio nudo o con un binocolo, formata da due stelle gialle, simili al Sole, di mag. 5.2 e 5.5.

Oggetti notevoli:

  • Non presenta oggetti di particolare rilievo, vicino a questa troviamo la Grande nube di Magellano

Note: Piccola e debole costellazione a forma di rombo. posta tra Dorado e l'Orologio.

Mitologia: Introdotta da Lacaille nel 1752, questa costellazione rappresenta uno strumento usato per misurare la posizione delle stelle.

Saetta (Freccia) - Sagitta(Sge)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Vulpecula, Hercules, Aquila, Delphinus

Stelle principali :

  • α (alfa) Sagittae, mag. 4.4, è una gigante gialla distante 620 a.l.
  • β (beta) Sge, mag. 4.4, è una gigante arancio distante 650 a.l.
  • γ (gamma) Sge, mag. 3.5, la stella più brillante della costellazione, è una gigante arancio distante 170 a.l.
  • δ (delta) Sge, mag. 3.8, è una gigante rossa distante 550 a.l.
  • ζ (zeta) Sge, distante 150 a.l., una stella doppia di mag. 5.0 e 8.8, separabile con un piccolo telescopio.

Oggetti notevoli:

  • M 71 (NGC 6838) distante 18,000 a.l., è un denso ammasso stellare di 7&ordt; magnitudine, visibile con un binocolo come una macchiolina nebbiosa. È comunemente classificato come un ammasso globulare, ma alcuni ritengono che si tratti di un ammasso ricco aperto.
  • M 27 posta poco fuori il confine della costellazione e detta Nebulosa Dumbbell, è la seconda nebulosa planetaria piu` estesa conosciuta, con un diametro di circa 3 anni luce; al suo centro vi è una delle più calde nane bianche conosciute.
  • WZ Sge è una nova ricorrente che, nel 1913 e nel 1946, brillò aumentando dalla mag. 15 alla 7 , vale la pena di tenere sotto controllo il punto in cui essa si trova, nell’eventualità di un altro brillamento.

Note: Stretta costellazione vicina al Cigno e posta in una ricca regione di stelle della Via Lattea.

Mitologia: Saetta è la freccia ma a chi appartenga questa freccia è ancora argomento di discussione. Nella mitologia greca era la freccia che Apollo scagliò contro i Ciclopi. Era anche una delle frecce di Cupido. secondo un’altra leggende la freccia del Sagittario fu lanciata da Ercole. Il Sagitta si trova in una ottima posizione nella Via Lattea e offre particolari oggetti da osservare.


Sagittario - Sagittarius(Sgr)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Aquila, Scutum, Ophiuchus, Scorpius, Corona Australis, Telescopium, Microscopium, Capricornus

Stelle principali :

  • α (alfa) Sagittarii (Rukbat o Al Rami), mag. 4.0. è una stella bianco-azzurra distante 200 a.l. Nasl (γ(gamma) Sagittarii) binaria rosso-arancio magn.3
  • β (beta) Sgr è una doppia ottica le cui componenti sono visibili distintamente a occhio nudo. β(beta)1 Sgr (Arkab Prior), mag. 3.9, è una stella bianco-azzurra distante 220 a.l., con una compagna di mag. 7.3 visibile con un piccolo telescopio; β(beta)2 Sgr (Arkab Posterior), mag. 4.3, è una stella bianca distante 130 a.l.
  • γ (gamma) Sgr (AI NasI), mag. 3.0, è una gigante gialla distante 120 a.l.
  • δ (delta) Sgr (Kaus Meridionalis), mag. 2.7, è una gigante arancio binaria distante 82 a.l.
  • ε (epsilon) Sgr (Kaus Australis), mag. 1.9, la stella più brillante della costellazione, è una stella bianco-azzurra binaria distante 85 a.l.
  • λ (lambda) Sgr (Kaus Borealis), mag. 2.8, è una gigante arancio distante 98 a.l.
  • σ (sigma) Sgr (Nunki), mag. 2.0, è una stella bianco-azzurra distante 210 a.l.
  • ζ (zeta) Sgr (Ascella ) binaria bianca magn. 2,7

Oggetti notevoli:

Il Sagittario contiene una delle parti più luminose della Via Lattea, chiamata la Nube Stellare del Sagittario e composta di milioni di stelle la cui luce si mescola sino a creare l'effetto di questa immensa nube brillante. Dietro di essa si trova il centro della nostra Galassia. Il Sagittario è la costellazione che contiene più oggetti di Messier in assoluto:

  • M 8 (NGC 6523) la Nebulosa laguna, è una famosa nebulosa gassosa, visibile a occhio nodo, che circonda l’ammasso stellate
  • NGC 6530 che copre un’area pari a due volte le distensioni apparenti della Luna piena, è un bell’oggetto da osservare con un binocolo o un telescopio. Verso il centro della nebulosa c’è una fenditura scura. Nella parte orientale si trova NGC 6530, un ammasso di circa 25 stelle di mag. 7 o più deboli, che evidentemente si sono formate di recente dal gas circostante. Il lato occidentale della nebulosa è dominato da due stelle, la più brillante delle quali è 9 Sagittarii, di mag. 9 . Nelle fotografie a lunga esposizione, la nebulosa appare di un rosso intenso, ma visualmente essa appare bianco-latte. M 8 è a circa 5,000 a.l. di distanza.
  • M 17 (NGC 6618) la Nebulosa Omega o Ferro di cavallo, è un’altra famosa nebulosa, non tanto grande e luminosa quanto M 8. Vista con un piccolo telescopio, appare come una macchia allungata; vista con un telescopio più potente, appare a forma di ferro di cavallo. M 17 è distante 5,000-6,000 a.l. A circa 1° a sud c’è M 18 (NGC 6613), un ammasso aperto di circa 12 stelle di mag. 8 o più deboli.
  • M 20 (NGC 6514) la Nebulosa Trifida, è una nube luminosa di gas, visualmente molto meno impressionante di quanto non appaia nelle fotografie a colori. Anche un telescopio di medie dimensioni mostra soltanto una macchia diffusa di luce, con al centro una stella doppia di mag. 7 e 8 , chiamata HN 40, evidentemente nata da essa. La Nebulosa Trifida deve questo nome a tre bande scure di polvere che la dividono in tre parti, come si può vedere nelle fotografie a lunga esposizione. Si ritiene che sia un po’ più distante da noi di M 8, di cui si trova a 1.5° a nord. Nel medesimo campo visivo di M 20 si trova l’ammasso aperto M 21 (NGC 6531), formato da circa 50 stelle tra mag. 8 e 12.
  • M 22 (NGC 6656) distante circa 10,000 a.l., un ricco ammasso globulare, uno dei più belli dell’intera volta celeste, secondo solo a ω(omega) Centauri e a 47 Tucanae. Appena visibile a occhio nudo, M 22 è facilmente visibile con un binocolo. Con un piccolo telescopio se ne può scorgere la forma ellittica. Un’apertura di 75 mm comincia a risolverne le regioni esterne e, con un’apertura maggiore, si può vedere che le sue stelle più brillanti sono rossastre. Il suo nucleo non è tanto denso quanto quello di molti altri ammassi globulari.
  • M 23 (NGC 6494) distante 4,500 a.l., un ammasso aperto di 120 stelle, ben visibile con un binocolo o un piccolo telescopio. Ha una forma allungata ed è costituito da stelle di mag. 9 di aspetto uniforme, alcune disposte ad arco.
  • M 24 è un vasto e ricco campo stellare della Via Lattea a sud di M 17 ed M 18. Alcuni osservatori restringono il nome M 24 a un ammasso molto più piccolo, di circa 50 stelle, chiamato anche NGC 6603. L’intera nube stellare della Via Lattea in questa regione misura circa 2° x 1° ed è una delle parti della Via Lattea meglio visibili a occhio nudo.
  • M 25 (IC 4725) distante 1,800 a.l., è un ammasso aperto di circa 50 stelle di mag. 6 o più debole. L’ammasso contiene la variabile cefeide U Sgr, che varia da mag. 6.3 a 7.1 con in periodo di 6 giorni e 18 ore.
  • M 55 (NGC 6809) distante 19,000 a.l., è un ammasso globulare di aspetto nebuloso, visibile con un binocolo. Con un piccolo telescopio si possono risolvere le singole stelle e vedere che il suo centro è poco denso.

Note: Costellazione zodiacale in direzione del centro della nostra galassia. Caratteristica la forma a teiera.

Mitologia: Mezzo uomo e mezzo cavallo, nel mito greco era Chirone, un essere immortale che eccelleva nelle arti, tanto che insegnò ad Esculapio, figlio del dio Apollo, quella della medicina. Fù anche il tutore di Achille, l'eroe di Troia, oltre che di Giasone e di Ercole. Proprio quest'ultimo ne decretò la morte ferendolo per errore con una freccia durante lo scontro con l'Hydra. Gravemente ferito, Chirone supplicò Zeus affinchè lo liberasse dalle sofferenze togliendogli il dono dell'immortalità. Il dio accolse le sue richieste portandolo poi eternamente in cielo a ricordo della sua saggezza Chirone era un eccellente arciere ed inventò la costellazione del Sagittario a sua memoria. Spesso questa costellazione è detta "l'Arciere". Un altra leggenda afferma che Giove pose il sagittario vicino allo Scorpione per allontanarlo da Orione. Questa costellazione era così raffigurata fin dai tempi dei Greci, ma la sua origine probabilmente è da attribuire alla civiltà sumera in Mesopotamia, che vedeva il Dio della guerra Nergal come un arciere.


Scorpione - Scorpius(Sco)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Sagittarius, Ophiuchus, Libra, Lupus, Norma, Ara, Corona Australis

Stelle principali :

  • α (alfa) Scorpii (Antares), distante 330 a.l., è una supergigante rossa grande 300 volte il diametro del Sole. É una variabile semiregolare, che fluttua tra mag. 0.9 e 1.1 con un periodo medio di circa 5 anni. Antares ha una compagna blu, tanto stretta che per vederla sono necessarie un’apertura di almeno 75 mm e perfette condizioni atmosferiche.
  • β (beta) Sco (Graffias, il granchio), distante 540 a.l., è una doppia formata da due stelle bianco-azzurre di mag. 2.6 e 4.9, separabili anche col più modesto telescopio.
  • δ (delta) Sco (Dschubba), mag. 2.3, una stella bianco-azzurra distante 70 a.l.
  • ε (epsilon) Sco, mag. 2.3, è una gigante arancio distante 70 a.l.
  • θ (theta) Sco, mag. 1.9, una supergigante bianco-gialla distante 910 a.l.
  • λ (lambda) Sco (Shaula, il pungiglione), mag. 1.6, è una stella bianco-azzurra distante 270 a.l.
  • ν (nu) Sco, distante 550 a.l., è una stella quadrupla simile alla famosa Doppia doppia in Lyra. Con un piccolo telescopio, nu Scorpii appare come una doppia larga, con componenti bianco-azzurre di mag. 4.0 e 6.3. Con un telescopio di 75 mm e un forte ingrandimento si può vedere che la stella più debole è una doppia stretta di mag. 6.8 e 7.8. La stella più brillante è una doppia ancora più stretta, di mag. 4.4 e 6.4, separabile con un’apertura di 150 mm.
  • ξ (xi) Sco, distante 85 a.l., è una celebre stella multipla. I piccoli telescopi la mostrano come una stella bianca di mag. 4.2 con una compagna arancio di mag. 7.2; nello stesso campo visivo si nota una coppia più debole, chiamata Struve 1999, composta di due stelle di mag. 7.2 e 8.0, gravitazionalmente connesse a ξ(xi) Scorpii. A prima vista μ(xi) Scorpii sembra quindi un’altra Doppia doppia. Ma la stella più brillante è essa stessa una doppia stretta, costituita da due stelle identiche di mag. 4.9 che orbitano l’una intorno all’altra con un periodo di 46 anni. Nel 1976, quando si trovavano alla massima distanza, erano separabili con un’apertura di 100 mm, ma verso il 1997, quando la distanza era minima, era impossibile separarle con i telescopi per dilettanti.

Oggetti notevoli:

  • M 4 (NGC6121) è un grande ammasso globulare di 7&ordt; magnitudine, visibile con un binocolo. Con un telescopio di 100 mm si possono rilsolverne le singole stelle e notare una barra di stelle attraverso il centro dell’ammasso. M 4 è più disperso di altri ammassi globulari e non ha una forte concentrazione centrale. Distante 7,500 a.l., è uno degli ammassi globulari più vicini a noi.
  • M 6 (NGC 6405) distante 1,300 a.l., è un ammasso stellare di 6&ordt; magnitudine, facilmente visibile con un binocolo, che copre un’area all’incirca uguale a quella della Luna piena. È formato da circa 50 stelle disposte in catene radiali. La stella più brillante dell’ammasso è una gigante rossa variabile irregolare chiamata BM Sco, che varia tra mag. 6 e 8 .
  • M 7 (NGC 6475) distante 800 a.l., è un brillante ammasso stellare, visibile a occhio nudo, con un diametro apparente due volte quello della Luna. Le sue stelle, una cinquantina, sono facilmente risolubili con un binocolo o un piccolo telescopio; le più brillanti sono di mag. 6 e appaiono disposte in catene.
  • M 80 (NGC 6093) distante 36,000 a.l., è un piccolo ammasso globulare, visibile con un binocolo o un piccolo telescopio, che appare simile alla testa di una cometa.
  • NGC 6231 distante 6,000 a.l., è un grande ammasso di circa 120 stelle, visibile a occhio nudo, che si trova in una ricca zona della Via Lattea, che vale la pena di esplorare con un binocolo. Le stelle più brillanti del gruppo sono di mag. 6 e somigliano a Pleiadi in miniatura. Fa parte di questo ammasso anche δ(zeta)1 Scorpii, una supergigante blu di mag. 4.7. NGC 6231 è connesso con un più vasto ammasso aperto di stelle più deboli, chiamato H 12, visibile con un binocolo, che si trova 1° a nord. La catena di stelle che collega NGC 6231 e H 2 forma uno dei bracci di spirale della nostra Galassia.

Note: Costellazione zodiacale adiacente al Sagittario.

Mitologia: Giunone, la moglie di Giove, mal sopportava gli uomini troppo vanitosi; tra questi vi era Orione, che amava decantare la sua imbattibilità come cacciatore. Giunone decise di dargli una lezione: pose così uno Scorpione lungo il sentiero che Orione percorreva ogni giorno e quando il cacciatore passò, lo Scorpione lo punse mortalmente. Diana, dea della Luna e della caccia, implorò Giove di porre il suo corpo tra le stelle ma anche Giunone insisteva affinché lo Scorpione venisse posto in cielo per onoralo come il conquistatore di Orione. Alla fine Giove le accontentò entrambe: pose sia Orione che lo Scorpione nel cielo ma in direzioni opposte; inoltre collocò il Sagittario, pronto a colpire, vicino allo Scorpione per impedirgli di raggiungere Orione. Alpha Scorpii, detta Antares, che individua il cuore dello Scorpione. Il pianeta Marte veniva chiamato dai greci Ares, in onore del loro dio della guerra; colpiti dalla somiglianza di colore e luminosità tra Ares e questa stella, le diedero allora il nome di Antares, "il rivale di Ares".


Scultore - Sculptor (Scl)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Acquarius,Cetus, Grus, Fornax, Fhoenix

Stelle principali :

  • α (alfa) Sculptoris, mag. 4.3, una stella bianco-azzurra distante 420 a.l.
  • β (beta) Scl, mag. 4.4, è una stella bianco-azzurra distante 250 a.l.
  • γ (gamma) Scl, mag. 4.4, è una gigante gialla distante 150 a.l.
  • δ (delta) Scl, mag. 4.5, è una stella bianca distante 160 a.l.
  • ε (epsilon) Scl, distante 98 a.l., è una stella doppia di mag. 5.3 e 9.4, visibile con un piccolo telescopio.
  • κ (kappa) Scl, distante 91 a.l., è una doppia stretta con componenti di mag. 6.2 e 6.3, al limite della risoluzione con un telescopio di 100 mm.
  • R ScI è una stella rossa variabile semiregolare, che fluttua tra mag. 5.8 e 7.7 con un periodo medio di circa un anno.

Oggetti notevoli:

  • NGC 55 distante circa 6 milioni di a.l., è una galassia spirale di mag. 9 , visibile di profilo, di forma e dimensioni simili a quelle di NGC 253, ma non altrettanto luminosa.
  • NGC 253 distante circa 9 milioni di a.l., è una galassia spirale di mag. 9 , visibile quasi di profilo, a forma di sigaro. Lunga circa 0.5° è visibile con un binocolo, ma per distinguerne il rigonfiamento centrale e i bracci è necessaria un’apertura di almeno 100 mm.

Note: Piccola costellazione prossima alla Balena e l'Acquario. non molto importante sia come storia che come luminosità e oggetti contenuti. L'unica caratteristica importante è che contiene il polo sud galattico.

Mitologia: Disegnata nel 1752 da Lacaille, questa costellazione era nota in origine come Equuleus Sculptoris, ovvero il Cavalletto dello Scultore.


Scudo - Scutum(Sct)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

Aquila, Sagittarius, Serpens Cauda , Opho

uchus

Stelle principali :

  • α (alfa) Scuti, mag 3.9., è una gigante arancio distante 200 a.l.
  • δ (delta) Sct, distante 160 a.l., è il prototipo di una rara classe di stelle variabili, che pulsano con un periodo di poche ore, producendo lievi variazioni di luminosità. δ(delta) Scuti varia da mag. 4.7 a 4.8 con un periodo di 4 h e 40 min.

Oggetti notevoli:

  • M 26 è un altro ammasso aperto composto da poche stelle e considerevolmente meno luminoso di M11.
  • M 11 (NGC 6705) l’ammasso "delle Anitre selvatiche", è uno spettacolare ammasso aperto di circa 200 stelle, che copre un’area pari a un terzo della grandezza apparente della Luna. Deve il suo nome alla forma a ventaglio, che somiglia a un volo di anitre selvatiche. Visto con un binocolo, appare come una macchia nebulosa, ma con un telescopio, a ingrandimenti di circa x 100, si suddivide in un campo scintillante di "polvere di stelle". All’apice del ventaglio c’è una stella di mag. 8. che dista 5,700 a.l.

Note: È una delle più piccole costellazioni. Caratteristica la forma a rettangolo schiacciato.

Mitologia: Si tratta di una costellazione moderna creata dall'astronomo Hevelius nel 1690 in onore di John Sobieski III di Polonia, il quale sette anni prima aveva fermato l'avanzata dei Turchi verso Vienna. Il nome completo della costellazione è Scutum Sobiescianum, ovvero "lo. scudo di Sobieski ", in riferimento al suo stemma di famiglia


Sestante - Sextans(Sex)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Leo, Hydra, Crater, Cancer

Stelle principali :

  • α (alfa) Sextantis, mag. 4.5, è una stella bianca distante 330 a.l.
  • β (beta) Sex, mag. 5.1, è una stella bianco-azzurra distante 520 a.l.
  • γ (gamma) Sex, mag. 5.1, è una stella bianca distante 230 a.l.
  • δ (delta) Sex, mag. 5.2, è una stella bianca distante 360 a.l.

Oggetti notevoli:

  • NGC 3115 è una galassia ellittica di 9&ordt; magnitudine, distante 14 milioni di a.l. Con un modesto telescopio se ne possono vedere la forma allungata e il centro più luminoso.

Note: Piccola e debole costellazione vicina al Leone.

Mitologia: Introdotta nel 1697 dall'astronomo Hevelius, questa costellazione rappresenta uno strumento usato per misurare le posizioni delle stelle.


Squadra - Norma(Nor)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Scorpius, Lupus, Circinus, Triangulum Australe, Ara

Stelle principali :

  • γ (gamma)2 Normae, mag. 4.0, una gigante gialla distante 130 a.l. Apparentemente vicina ad essa è γ (gamma)1 Normae, mag. 5.0, una supergigante gialla molto più distante.
  • δ (delta) Nor, mag. 4.7, è uno stella bianca distante 230 a.l.
  • ε (epsilon) Nor, distante 490 a.l., è una stella doppia con componenti di mag. 4.8 e 7.5, visibili con un piccolo telescopio. Ciascuna di queste due stelle è una binaria spettroscopica.
  • ι (iota) Nor, distante 98 a.l., è visibile con un piccolo telescopio come una stella doppia di mag. 4.9 e 8.5.

Oggetti notevoli:

  • NGC 6087, distante 3600 a.l., è un ammasso di circa 35 stelle, visibile con un binocolo.
  • NCC 6164 - NGC 6165, un’insolita chiazza di nebulosità al confine di Norma con Ara. Al suo centro, una giovane e calda stella di mag. 7, nota solo col suo numero di catalogo: HD 148937. Il gas di cui è formata la nebulosa è stato espulso dalla stella centrale in una serie di esplosioni.

Note: Costellazione nota tanto quanto la sua luminosità. Fu inserita da Lacaille, ma originariamente le stelle di cui è composta facevano parte di Ara e Lupus. Norma è situata in una zona della Via Lattea molto densa di oggetti celesti.

Mitologia: Disegnata nel 1756 da Lacaille, questa costellazione rappresenta la squadra di un disegnatore.


Telescopio - Telescopium(Tel)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Sagittarius, Pavo, Corona Australis, Ara, Indius

Stelle principali :

  • α (alfa) Telescopii, mag. 3.5, è una stella bianco-azzurra distante 590 a.l.
  • δ (delta) Tel consiste di due stelle bianco-azzurre di mag. 5.0 e 5.1 visibili separatamente al binocolo. Non sono correlate tra loro, essendo distanti rispettivamente 590 e 720 a.l.
  • ε (epsilon) Tel, mag. 4.5, gigante gialla distante 190 a.l.
  • ζ (zeta) Tel, mag. 4.1, gigante gialla distante 170 a.l.

Oggetti notevoli:

  • Non sono presenti oggetti di particolare rilievo.

Note: Piccola costellazione nei pressi della Corona Australe

Mitologia: Introdotta nel 1752 da Lacaille, questa costellazione rappresenta un lungo telescopio.


Toro - Taurus(Tau)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Auriga, Perseus, Aries, Cetus, Eridanus, Orione, Gemini

Stelle principali :

  • α (alfa) Tauri (Aldebaran), mag. 0.9, è una gigante rossa distante 68 a.l. Sebbene sembri far parte dell’ammasso delle Iadi, in realtà è una stella indipendente in primo piano, grande 40 volte il nostro Sole.Aldebaran ha una compagna ma è talmente debole da essere visibile a malapena con un telescopio.
  • β (beta) Tau (EI Nath), mag. 1.7, è una gigante blu distante 140 a.l.
  • ζ (zeta) Tau, mag. 3.0, e una stella bianco-azzurra distante 490 a.l.
  • θ (theta) Tau, distante 150 a.l., è una doppia visibile a occhio nudo o con un binocolo, costituita da due giganti, bianca e gialla, di mag. 3.4 e 3.9.
  • κ (kappa) Tau, distante 75 a.l., è una stella bianca di mag. 4.2, che forma una doppia ottica (visibile a occhio nudo o con un binocolo) con 67 Tauri, una stella bianca di mag. 5.3 distante 120 a.l.
  • λ (lambda) Tau, distante 330 a.l., è una binaria a eclisse del tipo Algol, che vana tra mag. 3.5 e 4.0 con un periodo di 4 giorni.
  • σ (sigma) Tau, distante 110 a.l., è una doppia larga di stelle bianche di mag. 4.7 e 5.1, visibili con un binocolo.
  • φ (phi) Tau, distante 290 a.l., è una doppia ottica, separabile con un piccolo telescopio, formata da una gigante arancio di mag. 5.0 e da una stella bianca di mag. 8.7.
  • χ (chi) Tau, distante 320 a.l., è una doppia, visibile con un piccolo telescopio, con componenti blu e oro di mag. 5.4 e 8.2.

Oggetti notevoli:

  • M 1 (NGC 1952) ovvero la famosa Nebulosa del Granchio, composta dai gas eiettai da una stella esplosa nel 1054 d.C. ed osservata dagli astronomi cinesi.Al suo centro si trova il resto di questa stella, una piccola stella a neutroni in rapida rotazione su se stessa ma dotata di una fortissima attrazione gravitazionale. è la celebre Nebulosa del Granchio (Crab Nebula), nel 1504 si verificò l'esplosione di una supernova, che creò a sua volta la Nebulosa del Granchio Fu chiamata così nel 1984 da Lord Rosse, che ne paragonò la forma, vista con il suo telescopio di 72 pollici (183 cm), alla chela di un granchio. Nonostante la sua fama, è un oggetto deludente per chi l’osserva con un piccolo telescopio, apparendo come una nebulosità ellittica filamentosa di 8&ordt; magnitudine. Al centro della nebulosa, fuori della portata dei telescopi per dilettanti, c’è una stella di mag. 16, ciò che resta della stella esplosa. Questa debole stella è un pulsar.
  • Hyades (le Iadi): è un grande e brillante ammasso di circa 200 stelle, che copre oltre 5° di cielo. Le stelle più brillanti formano una V ben visibile a occhio nudo. Secondo le ultime misurazioni, le Iadi sono distanti 150 a.l. La distanza delle Iadi è importante perché segna il primo gradino della nostra scala di distanze nella Galassia. Per le sue dimensioni, l’ammasso delle Iadi è meglio osservabile con un binocolo che non con un telescopio.
  • M 45 meglio noto come Pleiades (le Pleiadi), è l’ammasso stellare più brillante e famoso di tutto il cielo; popolarmente chiamato le Sette sorelle, da un gruppo di ninfe figlie di Atlante e Pleione. A occhio nudo si possono vedere circa sette stelle; con un binocolo se ne vedono alcune decine. Dell’ammasso, che dista 415 a.l., fanno parte circa 250 stelle. A differenza delle stelle delle Iadi, che sono più vecchie e più evolute, le Pleiadi si sono formate negli ultimi 50 milioni di anni, e comprendono molte giganti blu. La stella più brillante delle Pleiadi è ε(eta) Tauri (Alcyone), mag. 2.9. Altre stelle luminose sono 16 Tau (Celaeno), mag. 5.5; 17 Tau (Electra), mag. 3.7; 19 Tau (Taygeta), mag. 3.4; 20 Tau (Maia), mag. 3.9; 21 Tau (Asterope), mag. 5.8; 23 Tau (Merope), mag. 4.2; 27 Tau (Atlas), mag. 3.6; e BU Tau (Pleione), una stella con inviluppo esteso che emette anelli di gas a intervalli irregolari, fluttuando imprevedibilmente tra mag. 5.0 e 5.5. Le Pleiadi sono immerse in una debole nebulosità, residuo della nube da cui si sono formate le stelle. Questa nebulosa è visibile nelle fotografie a lunga esposizione e la parte più luminosa, intorno a Merope, può essere intravista con un binocolo o un piccolo telescopio, se le condizioni atmosferiche sono favorevoli.

Note: Luminosa costellazione zodiacale dalla forma a V che ne disegna la testa, con un occhio marcato dalla stella Aldebaran mentre le corna sono individuate dalle stelle β(beta) e δ(zeta).

Mitologia: Un giorno Giove vide la bella Europa, figlia del re di Sidone, intenta a giocare con le sue ancelle e ne rimase colpito. Deciso ad avvicinarla, Giove si tramutò in un maestoso toro, si avvicinò alla fanciulla con cautela per non spaventarla e quando lei, affascinata da quel docile animale, le salì in groppa, immediatamente balzò nel mare nuotando sino all'isola di Creta. Qui si rivelò a lei e le confessò la sua passione; per il re degli dei non fu difficile conquistarla. La costellazione descrive solo la testa del Toro, forse perche il resto del corpo è stato visto come immerso nell'oceano.

 


Triangolo – Triangulum, (Tri)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Perseus, Andromeda, Pisces, Aries

Stelle principali :

  • α (alfa) Trianguli, mag. 3.4, è una stella bianca distante 59 a.l.
  • β (beta) Tri, mag. 3.0, è una stella bianca distante 110 a.l.
  • γ (gamma) Tri, mag. 4.0, è una stella bianco-azzurra distante 150 a.l.
  • ι (iota) Tri, distante 280 a.l., è una stella giallo-dorata di mag. 4.9, con una compagna stretta azzurra di 7&ordt; magnitudine, visibile con un piccolo telescopio.

Oggetti notevoli :

  • M 33 (NGC 598) è una galassia spirale distante 3.6 milioni di a.l., nel nostro gruppo locale. Visibile quasi di faccia, copre un’area di cielo più grande della Luna piena. Nonostante la grandezza e la vicinanza, non è molto appariscente a causa della sua bassa luminosità superficiale. M 33 è meglio visibile con un binocolo o un piccolo telescopio a basso ingrandimento, per aumentare il contrasto. A differenza della maggior parte delle galassie, non ha un nucleo stellare evidente. Per scorgere i bracci di spirale è necessario un telescopio abbastanza potente.

Note: Costellazione moderatamente interessante, posta fra Andromeda e l'Ariete, formata da tre stelle principali che appunto formano un triangolo allungato chiamato Deltoton dai greci. Al suo interno contiene la galassia M33, la terza più grande delle galassie del gruppo locale dopo Andromeda e la Via Lattea.

Mitologia: Per i romani il Triangolo era la rappresentazione celeste della Sicilia, rappresentazione creata da Giove dopo numerose insistenze di Cerere


Triangolo Australe - Triangulum Australis (TrA)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Norma, Ara, Circinus, Apus

Stelle principali :

  • α (alfa) Trianguli Australis, mag. 1.9, è una gigante arancio distante 55 a.l.
  • β (beta) TrA, mag. 2.9, è una stella bianca distante 33 a.l.
  • γ (gamma) TrA, mag. 2.9, è una stella bianco-azzurra distante 91 a.l.

Oggetti notevoli:

  • NGC 6025 distante 2,000 a.l., è un ammasso di una trentina di stelle di 7&ordt; magnitudine o più deboli; è visibile con un binocolo.

Note: Piccola costellazione a forma di triangolo, situata tra l'Altare ed il Compasso.Non visibile alla nostra latitudine. Ascensione Retta centrale: 24 hrs Declinazione centrale: -65º

Mitologia: Costellazione moderna introdotta nel 1603 dall'astronomo Bayer.


Tucano - Tucana(Tuc)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Fhoenix, Grus, Indus, Hydrus

Stelle principali :

  • α (alfa) Tucanae, mag. 2.9, è una gigante arancio distante 110 a.l.
  • β (beta) Tuc è una stella multipla. Un binocolo o un piccolo telescopio mostrano che essa è composta da due stelle bianco-azzurre quasi identiche, β (beta)1 e β(beta)2, di mag. 4,5, distanti 150 a.l.; vicino si trova una terza stella di mag. 5.1, β(beta)3, distante 93 a.l., e priva di alcun legame fisico con le prime due.
  • γ (gamma) Tuc, mag. 4.0, è una stella bianca distante 150 a.l.
  • δ (delta) Tuc, mag. 4.5, è una stella bianco azzurra distante 250 a.l., con una compagna di 9&ordt; magnitudine visibile con un piccolo telescopio.
  • κ (kappa) Tuc, distante 59 a.l., è una doppia con componenti di mag. 5.1 e 7.3, visibili con un piccolo telescopio. Si ritiene che faccia parte dello stesso sistema anche una stella di 7&ordt; magnitudine, più discosta.
  • 47 Tuc (NGC 104) è un grande e brillante ammasso globulare, visibile a occhio nudo come una grande stella sfocata, per cui, nelle vecchie carte stellari, era catalogato come una stella. Per grandezza e luminosità è secondo soltanto all’ammasso globulare di ω(omega) Centauri. Con un’apertura di 100 mm si cominciano a risolverne le stelle, e anche con un binocolo si può vederne il centro brillante. Distante 19,000 a.l., è uno degli ammassi globulari più vicini a noi.

Oggetti notevoli:

  • NGC 292 la Piccola nube di Magellano, è una galassia satellite della nostra, come la Grande nube in Dorado. La Piccola nube di Magellano è visibile a occhio nudo come una macchia nebulosa a forma di girino, larga 3.5°. Con un binocolo o un piccolo telescopio, si risolve in ammassi e nubi luminose di gas. Si trova a una distanza di 230,000 a.l.
  • NGC 362 è un ammasso globulare visibile con un binocolo vicino al bordo della Piccola nube di Magellano, con la quale però non ha alcun legame. In effetti, NGC 362 si trova nella nostra stessa Galassia, a una distanza di 40,000 a.l.

Note: Piccola e debole costellazione posta tra l'Idra Australe ed il Pavone, visibile solo dall'emisfero australe, è molto vicina al polo sud celeste. Fu introdotta nel 1603 da Johann Bayer, raffigura un tucano. Al suo interno è contenuta la piccola nube di Magellano e l'amasso globulare conosciuto come 47 Tucanae.

Mitologia: Disegnata dai navigatori olandesi P. Keyser e F.de Houtman alla fine del 1500. Rappresenta l'uccello del quale porta il nome.


Uccello del Paradiso - Apus(Aps)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Triangulum Australe, Circinus, Musca, Chamaeleon, Octans, Pavo, Ara

Stelle principali :

  • α (alfa) Apodis, mag. 3.8, una gigante arancione distante 220 a.l.
  • β (beta) Aps, mag. 4.2, è una stella gialla distante 110 a.l.
  • γ (gamma) Aps, mag. 3.9, è una stella gialla distante 46 a.l.
  • δ (delta)1 δ (delta)2) Aps, distante 390 a.l., è una coppia di stelle giganti arancione, di magnitudine 4.7 e 5.3, visibili a occhio nudo o con un binocolo.

Oggetti notevoli:

  • Non sono presenti oggetti di particolare rilievo.

Note: Piccola costellazione tra il Pavone e la Mosca, nei pressi del Polo Sud Celeste.

Mitologia: Costellazione moderna introdotta da Bayer nel 1603. Rappresenta uno degli uccelli che vivono in Nuova Guinea.


Unicorno - Monoceros(Mon)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti:

  • Canis Major, Canis Minor, Gemini, Hydra, Lepus, Orion, Puppis

Stelle principali :

  • α (alfa) Monocerotis, mag. 3.9, è una gigante arancione distante 180 a.l.
  • β (beta) Mon, distante 720 a.l. forse la più bella stella tripla del cielo. In condizioni favorevoli, anche i più piccoli telescopi sono in grado di separare le tre componenti, di mag. 4.5, 5.2 e 5.6, che formano un arco di stelle bianco-azzurre.
  • δ (delta) Mon, mag. 4.2, è una stella bianco-azzurra distante 210 a.l. Ha una compagna ottica di mag. 5.5, visibile a occhio nudo.
  • ε (epsilon) Mon, distante 180 a.l., è una doppia facilmente risolubile con un piccolo telescopio. È composta di due stelle di mag. 4.3 e 6.7, di colore giallo e blu.
  • S Mon, distante oltre 3000 a.l., è una splendente stella bianco-azzurra di mag. 4.7, situata nell’ammasso stellare NGC 2264. È una doppia stretta, con una compagna di mag. 8 visibile con un piccolo telescopio. S Mon è anche lievemente variabile, fluttuando irregolarmente di pochi decimi di magnitudine.

Oggetti notevoli:

  • M 50 (NGC 2323) distante circa 2600 a.l., è un grande ammasso di circa 100 stelle, visibile con un binocolo o un piccolo telescopio. Con un’apertura di circa 100 mm è possibile risolverlo in deboli stelle, con una stella rossa al centro.
  • NGC 2232 è un ammasso aperto visibile con un binocolo, con al centro la stella bianco-azzurra di mag. 10 , distante 1000 a.l.
  • NGC 2237-2239, NGC 2244 è una complessa combinazione di una debole nebulosa diffusa, chiamata Nebulosa Rosetta, e un ammasso di circa 16 stelle, distante 3600 a.l. Nelle fotografie a lunga esposizione, la nebulosa appare come un anello rosa, due volte il diametro apparente della Luna. Osservazioni visuali con grandi telescopi per dilettanti rivelano soltanto le tre parti più brillanti della nebulosa, a ciascuna delle quali è dato un separato numero NGC. L’ammasso associato, NGC 2244, è costituito da stelle nate dal gas della Nebulosa Rosetta; a malapena visibile a occhio nudo o con un binocolo, l’ammasso ha al centro 12 Mon, una gigante gialla di 6&ordt; magnitudine, che in realtà sembra essere una stella in primo piano, non collegata all’ammasso. É probabile che l’ammasso sia soltanto una parte di questo celebre oggetto, visibile nei telescopi per dilettanti.
  • NGC 2261 la Nebulosa variabile di Hubble, è una piccola e debole nebulosa che contiene la stella variabile R Mon. Al suo massimo splendore, questa stella è di mag. 9.5. Le sue fluttuazioni irregolari, con un abbassamento fino a circa la mag. 12 , possono essere dovute alla sua recente nascita dalla nebulosa. La stella e la nebulosa, osservabili solo con i più grandi telescopi per dilettanti, distano circa 6500 a.l. dal Sole.
  • NGC 2264 distante circa 3000 a.l., è un’altra combinazione di un ammasso stellare e di una nebulosa. L’ammasso, visibile con un binocolo, contiene circa 20 stelle, compresa S Monoceris. La nebulosa, chiamata Nebulosa a cono per la sua forma, è ben visibile solo in fotografie a lunga esposizione, ed è fuori dalla portata dei telescopi per dilettanti.
  • NGC 2301 distante 2500 a.l., è un ammasso di circa 60 stelle di mag. 8 o più deboli; è visibile con un binocolo.

Note: L'unicorno è sito fra due costellazioni molto note, orione e il cane minore. La inserì Jakob Bartsch, e la fece diventare di impiego comune nel 1624. E' sita in una zona della via lattea alquanto ricca di oggetti interessanti, al suo interno si possono trovare nebulose, amassi stellari. Una delle stelle più famose del Monoceros è Plaskett, una binaria spettroscopica di mag. 6, che prende il nome dell'astronomo che la scopri (il canadese John S. Plaskett) queste stelle si pensa abbiano circa 55 volte la massa del Sole.

Mitologia: Inventata dall'astronomo e teologo olandese Petrus Plancius nel 1613 e reintrodotta da Hevelius nel 1690. Questa costellazione rappresenta l'unicorno, animale mitologico dotato di un lungo corno in mezzo alla fronte. Probabilmente l'unicorno nacque come "mitizzazione" del ben più reale rinoceronte.


Vela - Vela(Vel)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Antlia, Pyxis, Puppis, Carina, Centaurus

Stelle principali :

  • γ (gamma) Velorum, distante 650 a.l., è un’interessante stella multipla. Con un binocolo o un piccolo telescopio se ne possono separare due componenti bianco-azzurre di mag. 1.8 e 4.3. La più brillante di queste è la più brillante stella di Wolf-Rayet che si conosca (le stelle di WolfRayet sono una rara classe di stelle con superficie molto calda, che sembrano espellere gas). Ci sono anche due compagne più larghe, di mag. 9 e 10.
  • δ (delta) VeI, distante 68 a.l., è una stella bianca di mag. 2.0 con una compagna stretta di mag. 6.5, visibile con un’apertura di almeno 150 mm.
  • λ (lambda) VeI, mag. 2.2, è una supergigante gialla distante 490 a.l.
  • μ (mu) Vel, mag. 2.7, è una gigante gialla distante 98 a.l.
  • κ (kappa)) VeI, mag. 2.5, è una stella bianco-azzurra distante 390 a.l.

Oggetti notevoli:

  • La Nebulosa di Gum, così chiamata dal nome del suo scopritore, l'astronomo austaliano Colin Gum.Si tratta del residuo di una supernova esplosa circa 12.000 anni fa.
  • NGC 2547 distante 3,100 a.l., è una ammasso di una cinquantina di stelle, appena visibile a occhio nudo e meglio con un binocolo.
  • IC 2319, distante 850 a.l., è un brillante ammasso di 20 stelle, sparpagliate intorno alla ν(omicron) Velorum, una stella di mag. 4.
  • IC 2395, distante 4,300 a.l., è un ammasso di 16 stelle di mag. 9 o più deboli, visibile con un binocolo. A sud è visibile anche NGC 2670, un ammasso di mag. 9.

Note: In passato ha fatto parte della costellazione Argo Navis, la nave egli argonauti, ma sucesivamente fu separata da Lacaille in varie costellazioni. Si trova nella Via Lattea, ed è moderatamente luminosa. Al suo interno è contenuta una nebulosa molto nota dagli esperti del settore, Gum, si pensa questa sia una supernova o più supernove esplose. Al suo interno è contenuta anche una pulsar, che emette deboli segnali ogni 11 secondi circa. Le lettere greche utilizzate per indicare le stelle più luminose della antica costellazione della Nave Argo non sono state modificate dopo la sua suddivione in tre costellazioni distinte. Pertanto la stella più luminosa della Vela (che risulta essere la terza piu` luminosa della Nave Argo) è ancora denominata con la gamma invece che con la α(alfa), come vorrebbe la convenzione di Bayer.

Mitologia: Questa costellazione rappresenta la vela della Nave Argo sulla quale si imbarcarono Giasone e i suoi 50 Argonauti alla ricerca del vello d'oro.Nel 1756 l'astronomo de Lacaille divise la troppo estesa costellazione della Nave Argo in tre: la Carena, la Vela e la Poppa.


Vergine - Virgo(Vir)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Boötes, Coma Berenices, Leo, Crater, Corvus, Libra, Serpens Caput

Stelle principali :

  • α (alfa) Virginis (Spica), mag. 1.0, è una stella bianco-azzurra distante 260 a.l. È una binaria a eclissi che varia di circo 1/10 di magnitudine con un periodo di 4 giorni, è la quindicesima stella apparentemente più luminosa del cielo che marca la base della Y Nel 150 a.C. Ipparco misurando la posizione di questa stella e confrontandola con quella determinata 150 anni prima, scoprì la precessione.
  • β (beta) Vir, mag. 3.6, una stella gialla distante 33 a.l.
  • γ (gamma) Vir (Porrima), distante 36 a.l., è una celebre stella doppia. Nel suo insieme appare come una stella di mag. 2.8, ma con un piccolo telescopio sono visibili le due componenti bianco-gialle, entrambe di mag. 3.6, che orbitano l’una intorno all’altra con un periodo di 172 anni. Attualmente si stanno avvicinando; intorno al 2000 per separarle ci vorrà un telescopio da 75 mm; intorno al 2008 saranno troppo vicine per poter essere separate con un telescopio per dilettanti.
  • δ (delta) Vir, mag. 3.4, è una gigante rossa distante 180 a.l.
  • ε (epsilon) Vir (Vindemiatrix), mag. 2.8, è una gigante gialla distante 100 a.l.
  • θ (theta) Vir, distante 140 a.l., è una stella doppia, visibile con un piccolo telescopio, con componenti bianco-azzurre di mag. 4.4 e 8.6.
  • τ (tau) Vir, mag. 4.3 e distante 100 a.l., forma una doppia ottica con una compagna di mag. 9.5, visibile con un piccolo telescopio.
  • φ (phi) Vir, distante 95 a.l., è una gigante gialla di mag. 4.8 con una compagna arancio di mag. 9.2, difficile da vedere con un piccolo telescopio a causa del contrasto di magnitudine.

Oggetti notevoli:

  • L' Ammasso della Vergine riempie quasi totalmente la parte superiore dellla Y; questo ricco ammasso contiene almeno 2.500 galassie di diverso tipo, dalle spirali alle ellittiche, e si trova a circa 60 milioni di anni luce da noi.Circa il 75% sono galassie a spirale ma l'ammasso contiene anche alcune tra le più grandi galassie ellittiche conosciute: tra queste la più grande è M87 e contiene miliardi e miliardi di stelle.
  • M 49 (NGC 4472) è una galassia ellittica gigante di mag. 9 , visibile con un telescopio da 75 mm a basso ingrandimento. È una delle galassie più brillanti dell’ammasso della Vergine.
  • M 58 (NGC 4579) è una galassia spirale di mag. 9 , con un nucleo visibilmente più brillante.
  • M 60 (NGC 4679) è una galassia ellittica gigante, una delle più brillanti dell’ammasso della Vergine, visibile con un telescopio da 75 mm. A circa un quarto di strada da M 60 a M 58 si trova M 59 (NGC 4621), una galassia ellittica di mag. 10 .
  • M 84 (NGC 4374) e M 86 (NGC 4406) sono una coppia di galassie ellittiche di mag. 9 che appaiono entrambe nel medesimo campo visivo come vaghe macchie con un nucleo visibilmente più brillante.
  • M 87 (NGC 4486) è una celebre galassia ellittica gigante. È una radiosorgente, nota come Virgo A, e una sorgente di raggi X. Lo fotografie prese con grandi telescopi mostrano un getto di materia che emerge da M 87, come in seguito a un’esplosione. Nei telescopi per dilettanti, M 87 appare come una macchia di mag. 9 con un nucleo ben evidente.
  • M 104 (NGC 4594) distante circa 35 milioni di a.l., è una galassia spirale di mag. 9 , visibile di profilo. È popolarmente chiamata il Sombrero, per la sua caratteristica forma nelle fotografie a lunga esposizione, in cui appare con un nucleo rigonfio circondato da bracci di spirale. Una banda scura di polvere attorno al suo bordo, evidente nelle fotografie, è visibile otticamente solo con aperture di oltre 150 mm.

Note: Ampia costellazione zodiacale le cui stelle che ci appaiono più luminose disegnano una evidente Y. Al suo interno troviamo un interessante ammasso di galassie, questi si estendono fino ala Coma Berenices. Questo ammasso dista circa 65 milioni di a.l. e ospita fino a 3000 galassie.

Mitologia: Nella mitologia, la Vergine è Cerere, dea del raccolto e responsabile del ciclo delle stagioni. Cerere aveva una figlia, Persefone, alla quale era molto legata; un giorno Persefone scomparve e Cerere, disperata, cominciò a cercarla ovunque dimenticando i suoi compiti. La Terra si trovò a dover affrontare un inverno con conseguenze disastrose per i raccolti. Apollo riferì a Cerere di aver visto Plutone rapire Persefone e portarla nel suo regno sotterraneo.Giove, preoccupato per la sorte dell'umanità, chiese a Plutone di liberarla ma nel frattempo Persefone aveva mangiato alcuni semi di un melograno degli inferi che la obbligavano a rimanere e divenirne la regina. Giove, esperto in compromessi, ordinò allora che Persefone rimanesse quattro mesi dell'anno con Plutone e i restanti otto con la madre Cerere. Così il periodo speso con Plutone divenne l'inverno e il periodo speso con Cerere il tempo della semina e della crescita, gli antichi di Roma la identificavano con Astrea, la divinità della giustizia, a cui veniva associata la vicina costellazione della bilancia.


Volpetta - Vulpecula(Vul)

 
Constellation Map, by IAU and Sky&Telescope magazine
Thumbnail image

Costellazioni confinanti :

  • Cygnus, Lyra, Hercules, Sagitta, Delphinus, Pegasus

Stelle principali :

  • α (alfa) Vulpeculae, mag. 4.4, è una gigante rossa. Con un binocolo è visibile una compagna ottica di mag. 6.

 

Oggetti notevoli:

  • M 27 (NGC 6853) la Nebulosa Dumbbell (Battaglio da campana), distante 1,250 a.l., è una grande nebulosa brillante, visibile con un binocolo ma meglio con un telescopio. M 27, di mag. 8 , copre 1/4 del diametro della Luna. Visualmente, essa appare come una macchia

Note: Debole costellazione confinante con il Cigno, introdotta nel 1690 da Hevelius, che la chiamò Vulpecula cum anser, "volpetta con oca"; poi l’oca volò via e rimase solo la volpe. Nel 1967, questa minuscola costellazione fu il luogo di una strabiliante scoperta: il primo pulsar, o radiosorgente pulsante, individuata dai radioastronomi di Cambridge. Al confine di Vulpecula con Sagitta c’è un notevole gruppetto di stelle di mag. 6 e 7, colloquialmente chiamato Attaccapanni (Coathanger). La caratteristica più notevole dell’Attaccapanni è una linea quasi retta di sei stelle, da cui si diparte un arco di sei stelle, che formano il gancio dell’Attaccapanni.

Mitologia: Costellazione moderna introdotta dall'astronomo Hevelius nel 1690. In origine la volpe era rappresentata mentre azzannava un'oca, figura successivamente sparita.