cerca

Glossario meteo


Ricerca :

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

 

 

A

Acquazzone : Precipitazione violenta di pioggia. Nell'Europa centrale si possono riscontrare valori orari di 60 mm (o più) per m². Il diametro delle gocce è compreso tra 4 e 6 mm e la velocità di caduta tra i 500 e 800 cm/sec. Acquazzoni particolarmente persistenti determinano una situazione di nubifragio. 

Aerologia : Campo della meteorologia avente per oggetto lo studio dell'atmosfera libera, cioè nei suoi strati lontani dal suolo fino ad una quota di circa 30 km.

Aeronomia : Complesso delle discipline che riguardano la fisica dell'atmosfera terrestre e si riferiscono, in particolare, all' aerofisica dell 'alta atmosfera.

Alba o crepuscolo mattutino :  E’ la fase di passaggio tra la notte e il giorno in un determinato luogo della superficie terrestre. Ciç avviene per  effetto della rotazione della Terra. L’ alba precede il sorgere (levare) del  Sole sull'orizzonte ed  a causa della rifrazione e della diffrazione dei raggi solari da parte dell'atmosfera terrestre, il cielo si schiarisce progressivamente. Possono definirsi tre tipi di albe: alba astronomica, l'alba civile e l'alba nautica. I limiti fra le diverse fasi dell'alba si misurano con la depressione angolare del centro del disco del sole rispetta alla verticale locale (lo zenith): la notte termina quando la depressione è di 108° (18° gradi sotto il piano dell'orizzonte); l'alba astronomica termina quando la depressione è pari a 102°; l'alba nautica termina con la depressione di 96° e l'alba civile con la depressione di 90,5°; solo a questo puntosi verifica, cioè, la levata del Sole. In questo istante in media il bordo superiore del disco solare compare all'orizzonte.In astronomia il termine “alba” può essere riferito, oltre che al sole, anche ad altri corpi celesti come luna, pianeti e  stelle.

Altitudine : Altezza verticale di un luogo rispetto al livello del mare (m s.l.m.).

Alone : Fenomeno ottico dell' atmosfera consistente in anelli luminosi, circoli e globi leggermente iridati, con il rosso all'interno, disposti intorno al sole o alla luna. È dovuto a fenomeni di rifrazione e riflessione della luce che attraversa minuti cristalli di ghiaccio.

Alta , pressione : Vedi Pressione atmosferica

Altezza di geopotenziale : Essa è per definizione la quota, espressa in metri, alla quale la pressione atmosferica è pari a un determinato valore (in hpa).

Altocumoli : Nubi medie che si presentano generalmente in banchi o in distese, di colore bianco o grigio e posti ad una altezza compresa tra 2,5 e 6 Km dal livello del mare. Anno la forma di fiocchi globulari compatti.

Altostrati : Nubi medie, di colore grigio o azzurrognolo, che coprono totalmente o parzialmente il cielo, in maniera uniforme.  Si trovano ad un' altezza compresa tra 2 e 6 km dal livello del mare.

Anemometro : E' uno strumento di misura utilizzato per misurare la velocità o la pressione del vento.

Anticiclone: area di alta pressione. E' generalmente caratterizzata da bel tempo in quanto foriera di correnti d'aria discendenti che allontanano le nuvole e ne impediscono nuove formazioni.

Arabeschi, o fiori di ghiaccio : Cristalli di ghiaccio che si formano sui vetri delle finestre in caso di temperature esterne molto basse.

Arcobaleno : Fenomeno ottico dell'atmosfera prodotto dalla rifrazione della luce solare che colpisce obbliguamente la gocce pioggia. I colori dello spettro variano dal rosso al violetto e sono tanto più intensi quanto più grandi sono le gocce d'acqua.

Atmosfera: Involucro gassoso che circonda la Terra. Il suo spessore è circa 1.000 chilometri, ma la fascia superiore, estremamente rarefatta, si estende fino a oltre 30.000 chilometri di altezza.

Atmosfera (unità di misura) : vecchia ma ancora oggi molto usata unità di misura della pressione. Un'atmosfera è la pressione esercitata al suolo da una colonna di mercurio alta 760 millimetri quando è posta a livello del mare.

Aurora : Fenomeno luminoso che si innesca negli strati alti dell'atmosfera poco prima del sorgere del Sole. E' generato dalla rifrazione dei raggi solari da parte dell'atmosfera che assume un colore con sfumature dorate.

Aurora polare : Fenomeno luminoso creato nell'atmosfera dall'interazione di particelle solari ionizzate con il campo magnetico terrestre. Può essere boreale od australe, a seconda dell'emisfero in cui si verifica.

Australe (emisfero) : Immaginando di tagliare in due la Terra lungo l'equatore, si chiama emisfero australe quello che comprende il polo sud e il continente australiano (da qui il nome).

Avvezione: propagazione del calore nell'aria tramite correnti orizzontali.

Azzorre, anticiclone delle : Aria di alta pressione che si produce nella zona delle Azzorre. Appartiene alla fascia di alta pressione subtropicale dell'emisfero settentrionale. Spesso determina condizioni di bel tempo nell'Europa centrale e nel bacino del Mediterraneo, ma in associazione con l'area di bassa pressione dell'lslanda influisce anche sulla situazione meteorologica generale, provocando perturbazioni caratterizzate dal passaggio verso est di correnti oceaniche di alta quota.

 


B

Bar  : In meteorologia, unità di pressione atmosferica pari a 750,06 millilitri di mercurio e a 105
Pascal nel Sistema internazionale.

Bassa, pressione : vedi Pressione atmosferica

Barometro : strumento per la misurazione della pressione atmosferica.

Beaufort , scala di : scala di classificazione dei venti basata sulla loro forza e sugli effetti indotti dal loro spirare.  Nel tempo è stata resa scientificamente più precisa abbinando a ogni suo grado precisi valori di velocità del vento.

Biometeorologia : Nella meteorologia medica studia gli effetti del tempo atmosferico e del clima su individui sani e malati.

Biotopo : Luogo, o complesso ecologico in cui vivono determinate specie di piante e di animali
strettamente legate alle condizioni ambientali (esempio: prati, pascoli alpini, corsi d'acqua ).

Biotropia : Studia gli effetto degli agenti atmosferici sulla salute dell'uomo.

Boreale, emisfero) : immaginando di tagliare in due la Terra lungo l'equatore si chiama emisfero boreale quello che comprende il polo nord.

Brina : Tipo di precipitazione allo stato solido. Si verifica quando la temperatura dell'aria scende sotto il punto di congelamento. Il vapore acqueo sublima sulle piante o al suolo, depositandosi sotto forma di cristalli di ghiaccio.

Bufera : Turbine di vento con pioggia, neve, grandine.

Buy Ballot, legge di) : In base al movimento d'aria detto vento geostrofico, parallelo alle isobare : se un osservatore si pone con le spalle al vento nell'emisfero nord, la bassa pressione è situata alla sua sinistra; l'opposto avviene nell'emisfero sud, cioè la bassa pressione è alla sua destra pertanto l' alta è al lato opposto. 

 


C

Canicola : Denominazione popolare che designa il periodo di massimo caldo nell'emisfero boreale (fine di luglio-inizi di agosto). Il perdurare dell' alta pressione, nella seconda metà di luglio, determina infatti buone condizioni atmosferiche con alte temperature.

Calore : Energia termica creata dall' agitazione molecolare della materia.

Caloria (cal) : Unità di misura della quantità di calore. Una caloria è la quantità di calore che deve essere ceduta ad un grammo d'acqua distillata per portare la sua temperatura da 14,5 a 15,5 gradi centigradi.

Carta sinottica : Detta anche mappa sinottica, riporta le condizioni meteorologiche, rilevate in un dato momento, relative ad una vasta regione geografica.

Carta sinottica, elaborazione di una : Analisi di dati desunti da osservazioni meteorologiche eseguite contemporaneamente in numerosi punti su una vasta regione geografica.

Cellula di Hadley : Si tratta di un sistema di circolazione atmosferica cui si deve la distribuzione delle masse di aria dai tropici ai poli. Questo sistema è sostenuto da correnti convettive su grande scala, in cui l'aria calda viene sostituita da aria fredda.

Celsius : Scala della temperatura ottenuta dividendo in 100 parti l'intervallo di temperature comprese fra il punto di fusione del ghiaccio (0 gradi) e quello di ebollizione dell'acqua (100 gradi). La scala fu ideata nel 1742 dal fisico svedese Anders Celsius.

Ciclone : Area di bassa pressione. E' generalmente caratterizzata da brutto tempo in quanto fioriera di correnti d'aria ascendenti che creano una situazione di instabilità.

Cirri : Nubi alte e isolate. Sono costituite da cristalli di ghiaccio, di colore bianco e di struttura fibrosa.

Cirrocumuli : Nubi alte costituite da cristalli di ghiaccio. Appaiono come piccoli globi bianchi.

Cirrostrati : Nubi alte costituite essenzialmente da cristalli di ghiaccio. Creano un velo sottile che può coprire parzialmente o totalmente il cielo.

Clima : Unione delle condizioni atmosferiche medie che nell'arco di 30 anni caratterizzano un'area della superficie terrestre.

Climatologia : Scienza che studia il clima e il suo andamento nel tempo.

Conduzione : Propagazione di calore causata dallo scontro di particelle più eccitate con latre meno eccitate.

Convezione: Propagazione del calore per correnti verticali. E' tipica dei fluidi. Le parti calde del fluido poste nelle sue zone più basse tendono a salire portando così il calore verso le zone sommitali. Le parti più fredde del fluido invece tendono a scendere dirigendosi verso la fonte di calore che le riscalda. Di fatto si creano due movimenti contrapposti che prendono il nome di movimenti convettivi.

Corrente del Golfo : Corrente marina calda proveniente dal Golfo del Messico. Parte costitutiva della Corrente Equatoriale Nordatlantica, la Corrente del Golfo fluisce verso l'Europa settentrionale e occidentale influendo notevolmente sul clima.

Correnti ascensionali convettive : Moti verticali di aria verso l'alto in compensazione di moti di aria in fase di discesa che si verificano in un'altra zona. La convezione è alla base della circolazione generale atmosferica e delle correnti marine.

Crepuscolo : Vedi Tramonto.

Cumuli : Nubi di tipo isolato o a sviluppo verticale. Sono dense, con contorni ben definiti, una base quasi sempre orrizzontale e uno sviluppo verticale accentuato.

Cumulonembi : Nubi di tipo isolato o a sviluppo verticale. Sono simili ai cumuli, ma molto più grossi e con una caratteristica forma a incudine. Sone le uniche nubi in grado di creare il fenomeno dei fulmini.

 


D

Densità :  Rapporto tra la massa di un corpo ed il suo volume.

Depressione : Sinonimo di area di bassa pressione.

Desertificazione : Trasformazione progressiva di un terreno vegetato in deserto per degenerazione climatica o geologica o, anche, per l'azione dell'uomo nei casi di deforestazione, eccessivo sfruttamento di terreni agricoli, errata gestione di risorse idriche.

Distacco,del manto nevoso : Rottura delle condizioni di equilibrio meccanico del manto nevoso, sottoposto a forze di varia natura, che dà origine alla caduta di una valanga.

 


E

Effetto serra : Fenomeno naturale che regola la capacità dell’atmosfera terrestre di trattenere o meno l’energia che proviene dal sole, attraverso una membrana semi trasparente costituita da gas serra che “intrappolano” i raggi solari. Come la copertura di vetro di una serra, cosi gli strati atmosferici esplicano la funzione di riscaldare la superficie terrestre. I raggi solari vengono in parte assorbiti dal suolo. Ne consegue un innalzamento della temperatura (media terrestre: + 15 °C). A loro volta, i gas inquinanti di struttura pluriatomica, riassorbendo la radiazione infrarossa, riducono l'irradiazione di calore da parte della superfìcie terrestre. La presenza sempre più significativa di gas inquinanti  accresce l'effetto serra con un innalzamento generale della temperatura.

Elettrometeora : Fenomeno atmosferico visibile e udibile indotto dalla presenza di grosse cariche elettriche nell'aria. Tipiche elettrometeore sono i fulmini e i relativi tuoni.

Energia : Grandezza che misura la capacità di un sistema fisico di produrre lavoro. Esistono svariate forme di energia che si riassumono generalmente in 5 grandi classi: meccanica, chimica, termica, elettrica e nucleare.

Esosfera : Fascia gassosa che separa l'atmosfera dagli spazi esterni. Si colloca a circa 800 chilometri di distanza dalla Terra.

Estate di san Martino : Buone condizioni atmosferiche che possono veri-ficarsi durante la tarda estate, nel mese di settembre. Causa: anticiclone continentale sulla Russia. Può durare alcune settimane. Un'analoga situazione meteorologica può prodursi anche in ottobre. Nell'accezione più comune del termine l'estate di san Martino si riferisce alla successione di belle giornate che nei paesi dell'Europa occidentale si presenta verso il giorno di san Martino (11 novembre).

 


F

Fahrenheit : Scala della temperatura ottenuta dividendo in 180 parti l'intervallo di temperature comprese fra il punto di fusione del ghiaccio ( 32 gradi Fahrenheit ) e quello di ebollizione dell'acqua ( 212 gradi Fahrenheit ). Fu ideata nel 1709 dal fisico tedesco Gabriel Daniel Fahrenheit.

Firn : Neve allo stato granulare, tipica dell'alta montagna alle quote più elevate, dovuta a ripetuti scioglimenti e congelamenti.


Fòhn :
Vento caratteristico della regione alpina, in particolare tra l'Italia e la Svizzera. Nel versante meridionale o, rispettivamente, settentrionale delle Alpi, dove prevale spesso l'alta pressione, masse di aria costrette a salire dall'approssimarsi di un'area ciclonica sulla Svizzera o sulla pianura padana, si riscaldano in fase di discesa, liberandosi del vapore acqueo e per la loro secchezza provocano lungo il versante settentrionale, o meridionale, un aumento di temperatura che in poche ore può raggiungere 10-15 °C. Ne conseguono cielo sereno e ottima visibilità.


Foschia :
Deposito di molecole di vapore acqueo sui nuclei di condensazione. Precede la caduta di pioggia. Nel linguaggio marinaresco dicesi foschia l'atmosfera poco trasparente che talvolta si riscontra lungo le coste o all'orizzonte con il persistere del bel tempo. Questo fenomeno riduce la visibilità. Se questa scende al di sotto dei 1000 m, si parla di nebbia.

Fronte : Linea di scontro fra due masse d'aria che hanno caratteristiche fisiche diverse.

Fulmine : Scarica elettrica di alta intensità che si produce tra una nuvola e il suolo o tra una nuvola e un'altra nuvola.

 


G

Gelata : Si verifica con temperature sotto i 0 °C e in presenza di nebbia formata da gocce d' acqua sopraffusa.

Ghiaccio : Acqua cristallizzata per raffreddamento, quando alla pressione di un' atmosfera la temperatura scende a 0 °C (punto di congelamento). Si presenta in diverse forme: neve, firn, ghiaccio, brina, grandine.

Ghiaccioli : Coni appuntiti di ghiaccio. Possono formarsi, a esempio, quando in determinate condizioni atmosferiche una data quantità d'acqua non può congelarsi subito interamente. Allora l'acqua scorre, si raffredda e gela formando ghiaccioli.

Glaciazione : Fenomeno relativo all'enorme espansione dei ghiacci polari e montani che ha interessato a più riprese vaste estensioni della superficie terrestre.

Gradiente Adiabatico : Variazione graduale della temperatura dell'aria (un grado ogni cento metri di altezza ) realizzata in condizioni di scarsa umidità e senza miscelazione fra aria fredda e aria calda.

Gradiente Barico : Rapporto fra la differenza di pressione che intercorre fra due aree della Terra e la distanza che li separa. Più elevata è la differenza di pressione fra le due aree in questione più forte sarà il vento. Più le due aree sono lontane fra loro e meno violento sarà lo spostamento d'aria.

Gradiente Termico Verticale : Progressiva diminuzione della temperatura a mano a mano che ci si allontana dal suolo. La diminuzione standard è di circa 6,5 gradi ogni 1.000 metri di quota.

Gragnola : Precipitazione atmosferica di dimensioni intermedie fra la neve e la grandine. È formata da minuscoli chicchi opachi simili alla grandine, ma costituiti da un agglomerato opaco di cristalli di ghiaccio. La gragnola è dovuta alla collisione con cristalli di ghiaccio di gocce d'acqua soprafuse. Si osserva per lo più durante un temporale.

Grandine : Precipitazione atmosferica costituita da masse di acqua congelata. Ha dimensioni varianti all'incirca dalla grandezza di un pisello a quella di un uovo di gallina o anche maggiori. I granelli aumentano gradualmente di volume per agglutinazione di elementi cristallini durante il percorso attraverso gli strati dell'aria. La grandine può formarsi esclusivamente durante i temporali provocati da nubi del genere cumulonembi.

Grecale : Vento violento e improvviso della durata di diversi minuti. E' spesso accompagnato da rovesci anche di grandine, da una brusca diminuzione della temperatura e da una netta variazione nella direzione del vento. Prende il nome dalla Grecia che rappresenta la direzione Est di provenienza.

 


H

Heat Index : l'Heat Index (indice di calore) utilizza come operatori di calcolo la temperatura esterna e l'umidita relativa per determinare l'effettiva temperatura percepita dal corpo umano in presenza di temperature alte. Con una umidita relativa bassa l'indice di calore sara' piu basso della temperatura esterna in quanto il sudore evapora piu rapidamente per raffreddare il corpo. Mentre con una umidita piu alta l'indice di calore potrebbe superare la temperatura esterna in quanto il sudore evapora piu lentamente e la temperatura effettiva percepita dal corpo (appunto l'Heat Index) risulta elevata fino a creare disagio e affaticamento (ad esempio con una temperatura di 32 C ed un umidita' del 80%, la temperatura percepita o Indice di Calore e' di ben 45 C).

hPa (ettopascal) : Multiplo del Pascal, unità di misura della pressione, ed equivalente del millibar: 1hPa = 100 Pascal = 1 mb.

 


I

Iceberg : Massa di ghiaccio di notevoli dimensioni che, dopo essersi staccata dai ghiacciai costieri delle regioni artiche ed antartiche, va alla deriva sul mare.

Idrometeore: Con questo termine si indicano in meteorologia tutti quei fenomeni di condensazione e di precipitazione dell ’umidità atmosferica sotto forma di particelle di acqua liquide o solide. La pioggia, la grandine, la ne ve, sono dette idrometeore di precipitazione, mentre per le nebbie e le nubi si parla di idrometeore di condensazione.

Igrometro : Strumento utilizzato per misurare l'umidità relativa o assoluta dell'aria..

Indice di calore : Vedi  Heat Index.

Instabilità : Situazione che si realizza quando il gradiente termico dell'aria è superiore al gradiente adiabatico. Di fatto accade che in queste condizioni la differenza di temperatura esistente fra una massa d'aria in movimento e l'aria circostante crescerà continuamente innescando una spinta verso l'alto sempre più energica nella massa d' aria in questione.

Inversione Termica : Situazione che si realizza quando, contrariamente alle norme, la temperatura dell'aria cresce con la quota invece di diminuire. Si verifica, per esempio, quando il suolo raffredda gli strati d'aria posti immediatamente sopra di lui per irraggiamento, ma a causa di un'assenza del vento non si raffreddano anche gli strati superiori. Si ha inversione termica anche quando una massa d'aria calda si sposta sopra una massa d' aria fredda.

Ionosfera : La fascia dell'atmosfera che si estende sopra i 60 chilometri di altezza. Qui sono presenti particelle ionizzate che permettono la riflessione delle onde radio elettriche.

Irraggiamento : Propagazione del calore tramite onde elettromegnetiche infrarosse. E' il sistema con cui il calore si propaga nello spazio.

Isobara : Linea immaginaria che unisce tutti i punti che in una stessa regione terrestre hanno la medesima pressione atmosferica.

Isoipsa : Le linee che uniscono i punti in cui l' altezza di geopotenziale assume lo stesso valore
vengono dette isoipse. Si tratta di linee chiuse a ciascuna delle quali è associato un numero: tale valore rappresenta la quota alla quale ci si riferisce, espressa solitamente in metri o decametri.

 


 

 J


jet stream : Corrente a getto. E' un flusso d'aria di sezione relativamente piccola, che fluisce velocemente; si forma nell'atmosfera terrestre alla quota di circa 11 km dalla superficie, appena sotto la tropopausa, in genere ai confini tra masse d' aria adiacenti con significative differenze di temperatura, come quella della regione polare e dell'aria più calda nella regione più verso l'equatore.

 


k

Kelvin : Scala di temperatura assoluta. I gradi della scala Kelvin sono uguali ai gradi della scala Celsius, ma risultano traslati di un valore pari a 273,16. Quindi lo 0 della scala Kelvin è lo 0 assoluto, temperatura teorica impossibile da raggiungere, mentre lo 0 della scala Celsius equivarrà nella scala Kelvin a una temperatura di 273,16 °K. Fu definita dal fisico e matematico inglese William Thomson Kelvin.

 


L

Lampo : Luminosità prodotta da fulmini normalmente nelle manifestazioni temporalesche.

Lastroni : Strati di neve compattata che si formano nei versanti sottovento in seguito alla deposizione della neve trasportata dal vento stesso. Sono costituiti da cristalli molto frantumati. A seconda della velocità con la quale avviene la deposizione della neve si potranno avere formazioni più o meno rigide.

Latitudine : Distanza angolare fra un punto della superficie terrestre e l'equatore. Si misura in gradi. A seconda dell'emisfero si distingue la latitudine "nord" o "sud".

Libeccio : Vento tipico delle regioni tirreniche proveniente da sud-ovest.

Longitudine : Distanza angolare fra un punto della superficie terrestre e il meridiano fondamentale, quello che passa per Greenwich, vicino a Londra. A seconda che si trovi a est o a ovest del meridiano fondamentale la longitudine si divide in "est" o "ovest".

 


M

Macroclima : Condizioni climatiche riguardanti una vasta regione (oltre 2000 km²).

Maestrale : Vento caratteristico del Mediterraneo centrale che spira da nord-ovest. Uno dei venti più intensi e rafficosi che interessano i bacini della nostra penisola è sicuramente il Maestrale; nome questo, usato da noi italiani per identificare il Mistral, un vento che ha origine nel Sud della Francia.

Manto nevoso : Copertura nevosa presente al suolo in un determinato momento.

Mappa meteorologica :  Vedi carta sinottica.

Mesoclima : Clima di regioni comprese tra 2 e 2000 km².

Mesosfera : Parte dell'atmosfera che si estende tra i 40 e gli 80 chilometri di altezza rispetto alla superficie terrestre.

Metamorfismo : Insieme di processi che portano a variazioni di struttura della neve dopo la sua caduta al suolo.

Microclima : Clima di porzioni atmosferiche di pochi metri cubi.

Millibar : Unità di misura della pressione atmosferica. Corrisponde alla millesima parte del bar, unità di base che con buona approssimazione coincide con l' atmosfera (1 atm = 1,01325 bar).

Modello numerico : Programma di calcolo usato per la simulazione dei fenomeni fisici che avvengono in atmosfera. Di solito i modelli sono molto complessi e richiedono potenze di calcolo notevoli. Sono strumenti indispensabili per fare previsioni oltre le 24 ore di anticipo.

Monsone : Vento periodico tipico delle zone tropicali, causato dal contrasto termico stagionale tra aree oceaniche e aree continentali. II monsone estivo spira dal mare, più fresco, verso la terra; durante l'inverno avviene il contrario (monsone invernale). Benché sia un fenomeno caratteristico soprattutto dell'Asia meridionale, anche in Europa si producono talvolta condizioni meteorologiche di tipo monsonico.

Moti convettivi : L’aria si muove perché la superficie terrestre viene riscaldata in modo diseguale. Al variare della temperatura, varia la densità dell’aria e quindi la pressione atmosferica, si formano quindi delle forze che tendono a ripristinare l’equilibrio barico, mettendo in moto l’aria.

 

 


N

Nebbia : Fenomeno atmosferico dovuto alla saturazione di vapore acqueo nell'aria con umidità relativa al 100%. Ne consegue una diminuzione più o meno accentuata della visibilità. La nebbia si forma per lo più in seguito alla mescolanza di aria calda e di aria fredda. Si parla comunemente di nebbia bassa, o al suolo, e di nebbia alta.  Spesso il fenomeno si presenta anche sotto forma di precipitazione di minutissime goccioline d'acqua che rimangono per qualche tempo in sospensione nell'atmosfera.

Nembostrati : Nubi di colore grigio e di notevole spessore. Si presentano in genere come uno strato basso di grande estensione. Non hanno forme definite e i margini sono frastagliati.

Neve : Precipitazione allo stato solido con temperature inferiori ai 0 °C.  La neve è formata da aghi o lamelle di ghiaccio. Cristalli di neve con  strutture geometriche per lo più esagonali si formano a quote elevate con temperature varianti da circa -12 °C a circa-16 °C.  I fiocchi di neve sono particolarmente copiosi a temperature intorno a 0 °C.

Nevischio : Deboli precipitazioni di piccolissimi granuli di ghiaccio con diametro inferiore al millimetro.

Nubi : II raffreddamento dell'aria in quota determina la condensazione di vapore acqueo e quindi la formazione di nubi. Il vapore acqueo condensato può cadere al suolo sotto forma di pioggia o disperdersi nell'atmosfera.

Nubifragio : Forte rovescio persistente nel tempo, con intensità superiore ai 60 mm/h.

Nuvolosità : E’ il grado di copertura del cielo. Viene valutato in Okta (ottavi). Ad esempio un  cielo sereno senza nuvole corrisponde a 0 Okta mentre un cielo totalmente coperto corrisponde a 8 Okta. Ovviamente vi sono una serie di situazioni intermedie che vanno da 1 a 7 Okta.

 


O

Orografia : Natura geografica di una regione rispetto ai rilievi che la caratterizzano.

Ozono: molecola formata da 3 atomi di ossigeno (O3). A circa 25 chilometri di distanza dalla Terra costituisce uno strato che circonda completamente il nostro pianeta e che ci protegge dai raggi ultravioletti provenienti da Sole.

Ozono, buco dell' : Riduzione saltuaria dello strato di ozono soprattutto nella stratosfera probabilmente anche per effetto di diverse emissioni antropogene (cloro-fluoro-idrocar-buri, un propellente utilizzato nelle confezioni spray di taluni prodotti, e ossido di azoto, N2O), associate a un aumento della radiazione ultravioletta sulla superficie della terra. Solo recenti ricerche hanno constatato la presenza di cosiddetti "buchi" nello scudo protettivo di ozono. Con il vapore acqueo e l'anidride carbonica, CO2, l' ozono è un gas importante che assorbe l'eccesso della dannosa radiazione ultravioletta emessa dal sole.

 


P

Pallone sonda : E' un particolare pallone aerostatico che porta a bordo degli strumenti di misura meteorologici per raccolda di dati quali umudità, pressione, temperatura ecc. Il posizionamento viene monitorato tramiti sistemi GPS e la trasmissione dei dati avviene via radio.

Pioggia : Precipitazione atmosferica allo stato liquido. La caduta di pioggia si verifica quando il vapore acqueo che forma la nube si condensa e le correnti d' aria verticali  non riescono più a vincere il peso delle gocce d'acqua contenute al suo interno. Le gocce quindi scendono prima molto lentamente, perchè incontrano una forte resistenza da parte dell'aria e poi acquistano via via una velocità sempre maggiore, ingrandendosi. Il diametro delle gocce di pioggia varia tra 1 e 3 mm. Talvolta, comunque, può raggiungere anche i 7 mm.

Pluviometro : Strumento per la misurazione della quantità di pioggia caduta. Il tipo più semplice è costituito da un cilindro con la parte inferiore a forma di imbuto e collegata ad un vaso graduato. La misurazione della pioggia caduta viene ottenuta dividendo il volume di acqua raccolta per la superficie del cilindro, ottenendo così un'altezza che viene espressa in millimetri.

Precipitazioni :  Sono le forme liquide o solide che assume il vapore acqueo atmosferico quando precipita al suolo. Le precipitazioni possono manifestarsi in forma di gocce d’acqua (pioggia) o di agglomerati di cristalli di ghiaccio (neve e grandine). Rientrano in questa categoria anche fenomeni come la rugiada e la brina.

Pressione atmosferica : La pressione atmosferica è la pressione che la stessa atmosfera esercita sulla Terra. Secondo il sistema internazionale si misura in Pascal, ma più frequentemente viene espressa in millibar o atmosfere. La pressione atmosferica in qualunque punto sulla Terra è causata dal peso della colonna d'aria che sovrasta quel punto, ed è misurata con uno strumento chiamato barometro. Raccogliendo i valori della pressione su tutto il pianeta, e disegnando delle linee che collegano i punti con la stessa pressione (isobare) emerge uno schema che è una sorta di "impronta digitale" del tempo atmosferico. Appaiono aree di alta e bassa pressione che tendono a circolare sulla Terra secondo andamenti ben definiti e che sono responsabili del tempo che sperimentiamo sulla superficie del pianeta. L' alta pressione in genere è associata al bel tempo, mentre la bassa pressione causa condizioni meteorologiche instabili.

Previsioni : Processo mediante il quale si ricava, sulla base di dati e osservazioni, un giudizio in relazione al verificarsi di fenomeni futuri. Previsioni del tempo riguardano lo stato futuro dell’atmosfera con riferimento a uno o più fattori meteorologici (precipitazioni, venti, temperature, ecc.) anche fra loro associati.

Psicometro : Strumento utilizzato per misurare l' umidità relativa.

Punto di Rugiada : Temperatura alla quale il vapore acqueo presente nell'aria, dopo essersi raffreddato a pressione costante, condensa. In genere ciò avviene in prossimità del suolo. In altitudine lo stesso parametro prende il nome di "punto di condensazione".

 


Q


Qualità dell' aria : L´inquinamento atmosferico è un importante fattore di rischio per la salute umana. A tale proposito l' aria che respiriamo viene costantemente monitorata al fine di segnalare eventuali situazioni di pericolo dovute a forti concentrazioni di inquinati. La Meteorologia Ambientale ha come scopo principale quello di analizzare e monitorare le condizioni di dispersione atmosferica degli inquinanti tramite la valutazione della turbolenza atmosferica. La maggior parte degli inquinanti atmosferici, infatti, viene emessa vicino al suolo in uno strato di atmosfera - Strato Limite Planetario (PBL) - in cui si osserva la maggior parte della turbolenza e in cui avvengono la maggior parte dei fenomeni legati alla dispersione degli inquinanti. La concentrazione degli inquinanti dipende molto dal rimescolamento atmosferico, agente dispersivo, che avviene principalmente attraverso la turbolenza che può essere meccanica, indotta attraverso il vento, o termica, indotta dalla radiazione solare. Per esempio, situazioni invernali stabili portano ad elevate concentrazioni di PM10 (materiale particolato con dimensione inferiore o uguale a 10 micrometri), mentre condizioni ben ventilate di solito sono accompagnate da concentrazioni basse.

 


R


Radar meteorologico : E' una particolare tipologia di radar utilizzato in meteorologia per la rilevazione delle idrometeore (pioggia, neve, grandine o pioggia ghiacciata) permettendo di calcolarne il moto, valutarne il tipo, l'intensità e predirne posizione futura e relativa intensità, specie nelle previsioni meteorologiche a brevissima scadenza (nowcasting). Il radar meteorologico invia un sottile fascio di radiazione elettromagnetica di lunghezza d’onda opportuna (3-10 cm) lungo tutte le direzioni ed è in grado di raccogliere e interpretare il segnale di ritorno traducendolo in un dato di intensità di precipitazione (pioggia o neve).

Radiosonda : Strumento trasportato da un pallone meteorologico per la misurazione e trasmissione simultanea a terra di dati meteorologici.

Ristagno : Fenomeno meteorologico che consiste nell'addensarsi di masse di aria lungo le catene montuose collocate trasversalmente alla direzione di affluenza delle masse di aria. Può essere provocato, a esempio, da aria fredda che affluisce da nord lambendo le Alpi e che provoca il ristagno anche dell'aria calda affluente da sud. Lo scontro fra le due masse d'aria
determina precipitazioni persistenti.

Rovescio Pioggia  di breve durata con intensità compresa tra 10 e 30  mm/h.

Rugiada : Formazione di piccole gocce d'acqua per condensazione del vapore acqueo contenuto nell'aria. Per una data temperatura l'aria può contenere una quantità massima di vapore. Se l'aria si raffredda, la sua umidità relativa aumenta fino al punto in cui la quantità di vapore in essa contenuta raggiunge la percentuale massima possibile con quella temperatura. Le gocce di rugiada si depositano, a esempio, su vetri, fili d'erba e ragnatele. Nelle chiare notti
estive la produzione di rugiada può raggiungere, in talune zone, la quantità di 0,3 mm per
m².

 


S

Saccatura : Prolungamento di un'area di bassa pressione con circolazione di sistemi frontali. È
accompagnato da venti forti o anche impetuosi e da una notevole attività meteorica (precipitazioni). Situazione atmosferica che si verifica pure sugli oceani, ma rilevabile anche sull'area mediterranea (possibile durante l'estate con conseguenti piene e inondazioni in pianura e nevicate in montagna).

Satellite geostazionario : Satellite che orbita stabilmente al di sopra di un dato punto dell'equatore terrestre esattamente a 35800 km di quota.

Satellite  polare : Satellite che orbita intorno alla terra ad angolo retto rispetto all'equatore.

Saturazione : Situazione che si crea quando il valore del vapore acqueo contenuto nell'aria raggiunge il suo valore massimo in funzione della temperatura.

Scirocco : Vento tipico delle regioni Mediterranee, proveniente da sud-est, portatore sull'Italia di aria calda e umida.

Smog : Termine inglese (smoke, fumo, e fog, nebbia) con il quale si indica la nebbia nerastra con alta concentrazione di fumi e gas. Lo smog si forma, soprattutto d'inverno, sui centri e sulle zone industrializzate, quando vi si determina uno stato di inversione termica. Mancando i moti convettivi dell'aria , negli strati più vicini al suolo si origina nebbia nella quale si concentrano, in sospensione, i fumi ed i gas prodotti dall'attività umana.

Sopraffusione : Raffreddamento di un liquido sotto il suo punto di raffreddamento senza che il liquido diventi solido.

Stabilità : Situazione che si crea quando il gradiente termico dell'aria è minore del gradiente adiabatico. In tal caso le masse d'aria che si sollevano dal suolo a causa del riscaldamento terrestre non sono spinte verso l'alto in maniera progressiva e costante ma arrivano a stallare e quindi a ripiegare verso il basso.

Strati : Nuvole basse che hanno l'aspetto di una nebbia in quota e danno al cielo un aspetto grigiastro uniforme.

Stratocumuli : Nuvole basse che si presentano come grossi ammassi scuri, di forma tondeggiante. Ricoprono interamente il cielo strettamente vicini gli uni agli altri.

Stratosfera : Parte dell'atmosfera ubicata fra i 17-20 e i 50 Km di altezza. Si trova subito sopra la Troposfera.

Sublimazione : Processo per cui un solido si trasforma in gas, o viceversa senza passare per lo stato liquido. 

Subsidenza : Moto verticale dell’atmosfera, tipico delle zone Anticicloniche, quando l'aria dalle quote superiori tende a portarsi verso quelle inferiori scaldandosi per compressione adiabatica. Più il fenomeno è intenso e più sale la temperatura in prossimità del suolo.

 


T

Temperatura : Livello termico di un corpo o di un fluido. A livello molecolare la temperatura è la grandezza direttamente proporzionale all'energia cinetica delle molecole del corpo in questione.

Temperatura di rugida : Detto anche Punto di rugiada  è  la temperatura alla quale una massa d’aria umida diventerebbe satura se venisse ulteriormente raffreddata senza subire variazioni di pressione o di contenuto di vapore acqueo. Da questo dato,  si possono ricavare molte informazioni riguardo alle "condizioni di vivibilità" di un dato luogo. Il punto di rugiada viene usato anche per calcolare l’indice di calore di una determinata zona. Per fare questo si va a confrontare la temperatura massima registrata con la temperatura di rugiada e, a seconda del valore ottenuto, si può stabilire quale effettivamente sia la temperatura avvertita dal corpo umano.

Tempesta: La tempesta è una perturbazione atmosferica, normalmente breve e violenta, dovuta ad una brusca caduta di pressione. Le tempeste possono essere caratterizzate solo da vento a raffiche (tempeste di vento o bufere) o da vento e piogge torrenziali (tempeste di pioggia) o da vento e neve a turbini (tempesta di neve).

Temporale : È provocato dalla rapida ascesa di correnti di aria umida (fino alla quota media di 10 km), che determinano la formazione di cumuli o nembi, nubi molto sviluppate verticalmente, caratteristiche di una situazione temporalesca, con la sommità a forma di cupola e la base quasi orizzontale.

Termica, bolla : sorta di "bolla d'aria" invisibile all'occhio, caratterizzata da una temperatura più alta rispetto all'aria circostante. Tende quindi a salire verso l'alto.

Termometro : Strumento di misurazione della temperatura.

Tifone : Violenta tempesta tropicale (ciclone tropicale) che si manifesta nel Pacifico occidentale.
I fenomeni sono molto simili a quelli degli uragani dell'Atlantico, caratterizzati da venti superiori ai 100 km/h e piogge torrenziali.

Tormenta : E' una tempesta di neve molto violenta accompagnata da forti venti.

Tornado : Colonna d'aria con diametro al suolo di 300-700 m, con una forte depressione nella sua parte centrale e intorno alla quale i venti ruotano con velocità che raggiunge spesso 200-300 km/h; è il più violento e distruttivo fenomeno meteorologico, anche se di breve durata, ed è tipico degli USA e dell'Australia

Tramonto o crepuscolo serale :  E’ l'istante in cui  il Sole scompare sotto l'orizzonte di un dato luogo della superficie terrestre.  Ciò avviene, per effetto della rotazione della Terra. Possono definirsi tre tipi di tramonti o crepuscoli : crepuscolo  astronomico, crepuscolo civile e crepuscolo nautico. I limiti fra le diverse fasi dell'alba si misurano con la depressione angolare del centro del disco del sole rispetta alla verticale locale (lo zenith); il crepuscolo civile  inizia quando il sole scende sotto l'orizzonte (90°50') e finisce quando il sole scende di 6° sotto l'orizzonte, ovverosia quando l'angolo zenitale tra osservatore e sole è di 96°. Il crepuscolo civile è chiamato così perché cominciano ad accendersi le prime luci artificiali; il crepuscolo nautico inizia quando il sole scende sotto l'orizzonte di 6° e finisce quando questo raggiunge i 12° (angolo zenitale di 102°). Un tempo tramite il sestante i marinai erano in grado di stabilire la loro posizione proprio durante il crepuscolo nautico dato che le stelle cominciano a essere visibili e allo stesso momento la luce è ancora sufficiente per scorgere l'orizzonte.. Il crepuscolo astronomico:  Si ha quando il Sole scende sotto l'orizzonte di 18 gradi.

Tramontana : Vento freddo ed asciutto che spira con direzione prevalente da nord. E' accompagnato dal bel tempo.

Tromba d'aria : E' un fenomeno atmosferico consistente in un vortice d'aria animato da grande velocità di rotazione (circa 200 km/h). Le trombe d'aria hanno un diametro di qualche decina di metri e sono dovute a moti convettivi locali dell'aria per cui si formano due coni con i vertici in comune. Il cono superiore si allunga e si inclina a seconda delle condizioni atmosferiche locali. L'altezza della tromba d'aria è di qualche centinaio di metri e la colonna si sposta a velocità non superiore ai 60 km/h. Il turbine d'aria può manifestarsi lontano dal suolo oppure toccare la superficie terrestre. In tal caso provoca gravi danni su un tragitto medio di pochi chilometri poichè aspira qualsiasi oggetto amovibile.

Tromba marina: La tromba marina è una tromba d'aria che si sposta sul mare o, comunque, su uno specchio d'acqua. La parte superiore della tromba marina ha velocità diversa dalla parte inferiore per cui il vortice d'aria finisce con l'inclinarsi e con lo spezzarsi ponendo fine al fenomeno.

Troposfera : Zona dell'atmosfera che si estende dal livello del mare fino a 12-15 chilometri di altezza e che si caratterizza per la diminuzione di temperatura a mano a mano che ci si allontana dal suolo. All'interno della troposfera avvengono tutti i fenomeni meteorologici a eccezzione delle aurore e di altri fenomeni luminosi che hanno a che fare con le zone più alte.

Tuono: Forte boato provocato dal riscaldamento improvviso dell'aria quando innescato dal passaggio di un fulmine. Le onde d'urto sono udibili fino ad una distanza di 17-20 chilometri.

Turbolenza: Movimento irregolare dell'aria causato da ostacoli o da differenze di temperatura tra i vari strati dell'aria stessa.

 


U

Umidità : Quantità d'acqua presente nell'aria sotto forma di vapore. Si misura con l'igrometro o lo psicometro e può essere "assoluta", se indica i grammi di vapore presenti in un metro cubo d'aria, o "relativa", se si riferisce al rapporto tra il peso del vapore acqueo contenuto in una determinata porzione d'aria e quello che in teoria la stessa porzione potrebbe acquisire senza saturarsi nelle stesse condizioni di temperatura e pressione.

Umidità assoluta : Esprime la densità del vapore acqueo in una massa d'aria umida (che è una miscela vapore acqueo-aria). Più precisamente, essa misura quanti grammi di vapore acqueo sono presenti in 1 m³ d'aria umida, a una data temperatura e una data pressione.

Umidità relativa : Rapporto tra il contenuto di vapore acqueo nell'aria e quello che l'aria conterrebbe alla stessa temperatura e pressione se fosse satura. È solitamente espressa in percentuale.

Umidità specifica :  E' il rapporto tra la densità di vapore e quella dell'aria che lo contiene. E' espressa in g/Kg.

Uragano : Intensi cicloni tropicali (depressioni che si presentano tra l'equatore e i tropici ) nelle Indie Occidentali, nel golfo del Messico e nel Pacifico orientale. Essi portano intensi venti superiori ai 100 km/h e precipitazioni torrenziali.

 


V

Valanga : Massa di neve in rapido movimento lungo un pendio.

Vapore aqueo : Acqua allo stato gassoso presente nell'atmosfera. La sua quantità nell'aria non può superare il limite di saturazione.

Vento : Il vento è una corrente d'aria, d'intensità e velocità variabili, che si genera nell'atmosfera in qualsiasi direzione in seguito all' instaurarsi di differenze di pressione. Tanto più è alta la pressione, tanto più pesante è l'aria: in un'area di alta pressione (anticiclonica) le masse d'aria che si trovano al centro, più dense e pesanti, tendono a dirigesi verso la periferia, mentre in un'area di bassa pressione (ciclonica) l'aria al centro è più leggera e viene sollevata da quella più pesante delle aree vicine.

Vento geostrofico : Il vento geostrofico è un particolare vento che si applica per le latitudini superiori ai 15° nord e sud. Questo vento si verifica perché le forze di Coriolis e di gradiente, alle quali sono sottoposte le masse d'aria, si equilibrano.

Vento isallobarico : Vento che tende a soffiare dalle regioni in cui si hanno repentini rialzi di pressione a regioni adiacenti in cui accade l’esatto contrario.

Visibilità : La visibilità orizzontale è definita come la distanza massima alla quale è visibile un oggetto in orizzontale di giorno. Si misura in metri km.


 W


Wind Chill  : Temperatura apparente causata dall'effetto del ventosul corpo degli esseri entale.

Walker, circolazione di : E' un modello concettuale, ideato dal meteorologo Gilbert Walker, relativo ai flussi d'aria atmosferici nella regione tropicale della troposfera. Secondo questo modello, le masse d'aria tropicale seguono una circolazione a cella chiusa nelle direzioni zonale (da ovest verso est, secondo il moto di rotazione terrestre) e verticale.

Westerlies : Venti occidentali che soffiano tra le latitudini di 35° e 60° sia nell'emisfero boreale che in quello australe ovvero alle latitudini medie o temperate 


Z

Zero termico : E' la più bassa altitudine alla quale, nella libera atmosfera, la temperatura passa per il valore di 0°C. In montagna, dal punto di vista pratico, è l’altitudine alla quale la temperatura media si aggira intorno agli 0°C. In caso di inversione termica, al di sopra di essa possono esistere uno o più livelli ai quali la temperatura passa ancora per il valore zero.